Quantcast
Database Italia

La psicosi Covid-19 sconfitta: come la Bielorussia ha ignorato l’Oms e ha battuto Il Coronavirus

MINSK – Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha spiegato che l’esperienza del suo paese nella lotta contro l’infezione da coronavirus è già diventata “di dominio mondiale”, e la Banca Mondiale è persino pronta a stanziare $ 300 milioni per Minsk purchè condividera i dettagli delle sue tattiche per sconfiggerla.

Questo tipo di dichiarazioni del leader bielorusso durante la pandemia di Covid-19 non sono nuove. In precedenza aveva affermato che la situazione in Bielorussia era diventata interessante per la comunità mondiale, dal momento che non avevano seguito il percorso raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), preferendo non mettere in quarantena il paese. Allo stesso tempo, Minsk ha sempre ricordato che non è solo la Bielorussia ad aver agito in questo modo, citando la Svezia come esempio.

Le autorità bielorusse sono riuscite a prevenire l’elevata mortalità da coronavirus nel paese grazie al sistema sanitario sovietico che è stato preservato. Secondo la posizione ufficiale del capo del Ministero della Salute bielorusso,  Vladimir Karanik, a differenza della maggior parte dei paesi europei, la Bielorussia ha mantenuto un servizio sanitario ed epidemiologico efficiente, il paese ha investito sull’assunzione di medici e posti letto, punti di accesso all’ossigeno e dispositivi di ventilazione meccanica , oltre che su un livello adeguato di diagnosi di laboratorio. ”

“In generale, la bassa mortalità nei pazienti con infezione da coronavirus nella repubblica è spiegata dalla diagnosi precoce e dalla rilevazione dell’infezione degli asintomatici, oltre che misure efficaci per isolare i pazienti . Misure epidemiologiche efficaci per proteggere i gruppi vulnerabili della popolazione – anziani in primis, così come quelli con alcune malattie croniche, spiegano anche la bassa mortalità per infezione da Covid-19 “, ha osservato il dipartimento bielorusso

Formalmente, il fatto che la Bielorussia sia davvero riuscita a invertire la tendenza, e dalla fine di maggio il paese non ha avuto picchi, è confermato dalle statistiche ufficiali. Nelle ultime settimane, il tasso di incidenza del coronavirus ha iniziato a diminuire gradualmente e il numero di persone che si sono riprese, al contrario, è aumentato drasticamente. Ad esempio, entro il 19 giugno, la Bielorussia aveva già ufficialmente un eccesso del numero di persone che si stavano riprendendo da Covid-19 rispetto ai nuovi casi per due settimane consecutive.

Sono stati registrati solo 57.333 casi di infezione, pari a un aumento di 676 persone al giorno (+ 1,2%). Allo stesso tempo, 35.275 pazienti hanno recuperato. 337 pazienti sono deceduti. In totale, 821.887 test sono stati effettuati nel paese. 

Vale la pena ricordare che la Bielorussia non ha dichiarato ufficialmente uno stato di emergenza a causa della diffusione dell’infezione da coronavirus, sebbene il primo caso sia stato registrato prima che la pandemia fosse annunciata alla fine di febbraio. Sullo sfondo di un’Europa in preda al panico, la Bielorussia in realtà si è trasformata quasi nel paese più liberale, dove i diritti umani e le libertà non sono stati ridotti. Come sapete, le istituzioni educative bielorusse hanno continuato formalmente a funzionare, si sono tenuti numerosi eventi pubblici importanti, tra cui la giornata di lavoro della comunità repubblicana, la maggior parte dei campionati sportivi è continuata e la repubblica ha lasciato i confini aperti.

Ciò si spiega facilmente con il fatto che la messa in quarantena del paese avrebbe comportato gravi problemi all’economia, a causa dei quali non ci sarebbe stato nulla da “mangiare”. E questa posizione del leader bielorusso all’inizio della pandemia è stata spiegata in modo abbastanza chiaro – sullo sfondo della recessione economica in corso e delle imminenti elezioni presidenziali del 9 agosto, non sarebbe stato possibile fermare qualsiasi attività non politica nel paese già minacciato da gravi sconvolgimenti socio-economici. Inoltre, va ricordato che in Bielorussia, circa la metà degli occupati lavora presso imprese statali o è dipendente pubblico e in caso di lockdown lo stato avrebbe dovuto comunque garantire loro uno stipendio e non sarebbe stato possibile.

Un ulteriore aggravamento della crisi economica unita ad un eventuale lockdown avrebbe provocato un alto livello di tensione nella società bielorussa, che sarebbe sfociato in massicce proteste con problemi per le elezioni presidenziali. Pertanto, le autorità della repubblica hanno deciso di non imporre ufficialmente la quarantena, sostenendo la non sussistenza di un reale grave pericolo nel paese, e tutto ciò che si vede nel resto del mondo è da relegarsi nell’ambito della “coronapsicosi” creata a tavolino perchè vantaggiosa per qualcuno. Alexander Lukashenko è diventato personalmente il leader di questa opinione, parlando pubblicamente senza indossare una maschera, salutandolo come prima, e consigliando ai bielorussi di curarsi con la vodka, burro, respirare il fumo di un fuoco e cavalcare un trattore.

Una parata in piena pandemia

Allo stesso tempo, mentre i media ufficiali e la leadership della repubblicaaffermavano che il coronavirus non era peggio di altre malattie, il sistema sanitario e gli stessi bielorussi erano coinvolti in una lotta con esso. Nonostante il fatto che la quarantena non sia stata introdotta ufficialmente, il paese in un modo o nell’altro si è auto limitato. Quindi, da metà marzo, molte aziende private di propria iniziativa hanno trasferito i lavoratori in smart working. Dopo una vacanza di tre settimane, è stato permesso agli studenti di non frequentare e di studiare a distanza. Un approccio simile è stato adottato nella maggior parte delle università bielorusse. Secondo vari sondaggi, circa due terzi dei bielorussi hanno iniziato a lavarsi le mani più spesso e la metà ha smesso di frequentare eventi sociali. 

Allo stesso tempo, i medici bielorussi hanno adottato una serie di misure volte a prevenire la diffusione dell’infezione. In Bielorussia, hanno iniziato a essere ricoverati non solo i pazienti con polmonite, ma anche pazienti con lievi sintomi di coronavirus. Allo stesso tempo, nel paese sono nate molte iniziative di volontariato, che sono state coinvolte nella raccolta di fondi per i medici, nella cucitura di dispositivi di protezione individuale e altro ancora. In generale, la società bielorussa e il Ministero della sanità hanno mostrato solidarietà, nonostante le dichiarazioni dei funzionari. E, secondo gli esperti, questo è esattamente ciò che ha permesso senza una quarantena ufficiale di evitare lo sviluppo di uno scenario negativo in Bielorussia.

Parallelamente, i media statali hanno continuato a parlare di come il sistema sanitario bielorusso stesse affrontando egregiamente la situazione tranquillizzando i cittadini. Inoltre, dimostrando il pieno controllo della situazione, il Ministero della Salute della Bielorussia ha iniziato a cambiare gradualmente le regole per la fornitura di servizi medici per combattere il coronavirus. Ad esempio, alla fine di maggio, l’agenzia ha modificato i protocolli per il trattamento dei pazienti con Covid-19, nonché i principi dei test. 

Il 15 giugno il governo della Bielorussia ha deciso che il coronavirus sarebbe stato incluso nell’elenco delle malattie che danno il diritto alla fornitura gratuita di medicinali.

Le azioni reali dei funzionari locali e dei rappresentanti del sistema sanitario rendono lecito affermare, con estrema cautela, che le informazioni ufficiali sulla situazione Covid-19 in Bielorussia sono in linea con la situazione reale. Allo stesso tempo, le autorità bielorusse, sono magicamente riuscite a sconfiggere la coronapsicosi.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments