Database Italia

LA RISPOSTA AL COVID DI MAGUFULI HA SALVATO MIGLIAIA DI VITE

Potrebbe essere stato ridicolizzato in Occidente per aver rifiutato i blocchi e incoraggiato le preghiere. Ma come spiega l’ex scienziato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il dottor David Bell, il defunto presidente della Tanzania John Magufuli non è visto come un paria da molti nella comunità scientifica: è visto come un salvatore.

Se leggessi il sito web della BBC, probabilmente penseresti che il defunto presidente della Tanzania fosse un ribelle, un “negazionista Covid” o semplicemente stupido.

In realtà, non era nessuno di questi.

Il presidente Magufuli era in realtà uno scienziato altamente istruito con un dottorato in chimica, che probabilmente ha salvato migliaia di vite rifiutandosi di accettare blocchi e altre reazioni istintive imposte alle persone in gran parte dell’Africa e dell’Occidente.

La decisione di Magufuli di non rinchiudersi è stata coerente con le linee guida sulla pandemia basate sull’evidenza rilasciate dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2019.

Ha giustamente predetto che la mortalità da Covid-19 in Africa sarebbe stata molto bassa rispetto ad altri grandi killer come la malaria, la tubercolosi (TB) e l’HIV-Aids, e ha seguito i principi di buona salute pubblica nel dare la priorità a queste malattie ad alto carico che affliggono particolarmente i giovani, mentre diceva ai tanzaniani di non farsi prendere dal panico.

Ha anche dato la priorità a mantenere l’economia in crescita, che a lungo termine è il modo più efficace per migliorare l’aspettativa di vita e la salute. In breve, ha agito come ci si aspetterebbe che uno scienziato ben addestrato e un esperto di sanità pubblica razionale agisse nel contesto della Tanzania.

Durante la pandemia di Covid-19, i media hanno richiesto blocchi più lunghi e più severi, come se fossero normali o utili.

Ma raramente sottolineano che nessun piano pandemico ha raccomandato la chiusura di massa di attività commerciali e restrizioni alla libertà religiosa, ai viaggi o alla normale funzione sociale prima del 2020, perché la rimozione di questi dovrebbe causare danni maggiori e incidere notevolmente sui diritti umani fondamentali.

Non abbiamo mai implementato nessuna di queste misure durante i focolai di SARS, MERS o influenza suina degli ultimi anni. La gente frequentava i luoghi di culto, prendeva autobus e treni pieni di gente, i giovani andavano in discoteca, ballavano, cantavano e si baciavano.

Lo stesso valeva anche per i tanzaniani durante questa pandemia.

Ed è giusto così.

La maggior parte dei tanzaniani è giovane e non obesa, quindi ha un rischio molto basso di contrarre il Covid-19.

Il presidente Magufuli ha ricevuto molta cattiva stampa per aver detto ai suoi connazionali  di andare in chiesa all’inizio della pandemia per “pregare” che Covid si allontanasse.

Decine di migliaia di appassionati di sport sono andati negli stadi in Florida e Texas di recente, e in seguito non si è registrato alcun aumento dei casi.

Ovviamente, proteggere i vulnerabili dai pericoli è importante in qualsiasi epidemia, ed è difficile dire se le preghiere di massa fossero una buona idea da un punto di vista puramente di trasmissione, poiché potrebbero aver aumentato il rischio per le persone anziane all’inizio dell’ epidemia in Tanzania.

Ci si dovrebbe tuttavia aspettare che costruire la cosiddetta “immunità di gregge” nei giovani rapidamente attraverso tali riunioni eserciti un effetto protettivo, se i vulnerabili sono ben protetti fino a quando non si ottiene tale immunità di soppressione della trasmissione.

La politica in generale era probabilmente di gran lunga migliore per la salute pubblica rispetto ai rigidi blocchi, che hanno portato alle prime recessioni in un quarto di secolo in molti paesi africani, nonché a una riduzione del trattamento per i principali killer come la malaria, la tubercolosi (TB) e l’HIV -Aids.

È probabile che il virus che porta al Covid-19, SARS-CoV-2, diventi endemico e, poiché l’immunità di gregge viene raggiunta attraverso l’infezione naturale malattie gravi e morte diventeranno sempre più rare.

Diversi studi hanno dimostrato un impatto molto limitato di blocchi più severi sulla mortalità da Covid-19.

Pertanto, ci si aspetterebbe che la Tanzania, come Svezia, Croazia, Bielorussia e altri paesi “ non bloccati ”, alla fine abbiano morti complessive di Covid-19 e traiettorie epidemiche simili a paesi di blocco comparabili.

La critica veemente del presidente Magufuli nei media è quindi deludente e altamente ignorante. Sembra che i giornalisti occidentali trovino più facile diffamare i leader nei paesi africani rispetto ai leader europei. I leader svedesi, ad esempio, non sono mai stati etichettati come “negazionisti di Covid”.

Non è una novità, ma forse mostra quanto l’ipocrisia e il pregiudizio persistano nella società occidentale.

La Tanzania sembra aver fatto meglio dal punto di vista della salute rispetto alla maggior parte degli altri paesi a basso reddito durante lo scorso anno. Mentre milioni di africani sono stati gettati nella fame e nella povertà, la Tanzania ha visto aumentare il PIL per tutto il 2020.

Il calo del PIL e l’impoverimento generale sono associati all’aumento della mortalità per tutte le cause.

Ciò è particolarmente vero nell’Africa subsahariana, dove la sicurezza alimentare è spesso un vero problema e il controllo delle malattie endemiche come la malaria, la tubercolosi e l’HIV-Aids è una priorità.

È quindi altamente probabile che, nel mantenere un’economia ben funzionante, lui e il suo governo siano stati responsabili di ridurre notevolmente la mortalità. L’UNICEF stima quasi un quarto di milione di morti infantili in più nell’Asia meridionale nel 2020 a causa delle risposte al Covid-19.

Speriamo, per amore dei tanzaniani, che questo continui con il suo successore.

I media occidentali potrebbero essersi fatti una bella risata del presidente Magufuli – e dei tanzaniani in generale – per aver pensato di poter “pregare” di allontanare un virus.

Ma, retorica a parte, rifiutando il blocco e rifiutando di deviare le risorse sanitarie dalla malaria e dalla tubercolosi per testare le persone senza sintomi per un virus con un tasso di mortalità molto basso, Magufuli stava seguendo una risposta pandemica ortodossa.

Era anche ortodosso nel suo approccio ai diritti umani. La libertà religiosa era considerata un diritto umano importante dalla maggior parte dei giornalisti occidentali solo 18 mesi fa, e la paura non dovrebbe cambiare i diritti umani fondamentali.

I giornalisti onesti dovrebbero riconoscere i vantaggi dell’approccio di Magufuli, per quanto possa contraddire la loro attuale visione del mondo preferita.

Ridicolizzare le osservanze religiose che esulano dalla loro esperienza e denigrare la scienza della salute pubblica che chiaramente non capiscono, non è un buon giornalismo.

Evidenzia solo quanto siano ignoranti.

https://www.newsafrica.net/sections/politics/magufuli-s-covid-response-saved-thousands-of-lives-202104151355

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.