Home Deep State La Russia accusa gli Stati Uniti di nascondere i dati sui biolab

La Russia accusa gli Stati Uniti di nascondere i dati sui biolab

0
biolab in ucraina

Gli Stati Uniti hanno nascosto informazioni sulla loro “attività biologica militare” negli stati post-sovietici, ha detto domenica la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Questo, secondo Zakharova, solleva “seri interrogativi” sul rispetto da parte di Washington della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche (BTWC).

In un’intervista con TASS pubblicata domenica, Zakharova ha affermato che “gli Stati Uniti preferiscono rimanere in silenzio sul lavoro in corso nello spazio post-sovietico e non forniscono informazioni nell’ambito delle misure di rafforzamento della fiducia della BTWC”.

“Non sono vere le affermazioni secondo cui l’attività del Pentagono e delle relative strutture è incentrata esclusivamente su questioni sanitarie. Chiaramente, l’assistenza sanitaria non richiede il coinvolgimento dell’esercito americano”, ha affermato Zakharova.

Ha aggiunto che le affermazioni di Washington secondo cui sta raccogliendo biomateriale e monitorando la situazione epidemiologica “rafforzano e intensificano” i timori della Russia sulla conformità dell’America alla BTWC.

Le prove recentemente pubblicate da Mosca sulla presunta rete tentacolare di biolab finanziati dagli Stati Uniti in tutta l’Ucraina non fanno che aumentare i sospetti, ha detto Zakharova.

In una serie di briefing a partire da marzo, l’esercito russo ha presentato prove del coinvolgimento del Pentagono nel finanziamento di laboratori in Ucraina. Secondo il comitato investigativo russo, gli Stati Uniti hanno versato più di 224 milioni di dollari nella ricerca biologica in Ucraina tra il 2005 e l’inizio del 2022. I giganti farmaceutici occidentali, le organizzazioni non profit e persino il Partito Democratico degli Stati Uniti sono stati coinvolti nel programma, afferma Mosca.

Il Pentagono ha “ampliato in modo significativo il suo potenziale di ricerca non solo nel campo della creazione di armi biologiche, ma anche ottenendo informazioni sulla resistenza agli antibiotici e sulla presenza di anticorpi contro alcune malattie in popolazioni di regioni specifiche” mentre lavorava in Ucraina, il tenente generale Igor Kirillov , ha affermato a maggio il capo della Forza di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica russa.

Zakharova ha anche sottolineato che gli Stati Uniti non hanno ancora ritirato la loro riserva al Protocollo di Ginevra del 1925 per la proibizione delle armi biologiche e chimiche. Gli Stati Uniti sono stati tra i paesi che hanno dichiarato che il protocollo avrebbe cessato di essere vincolante nei confronti degli stati nemici che non osservano i divieti del protocollo.

A questo proposito, “sorge abbastanza ragionevolmente la domanda sui reali obiettivi dell’attività biologica militare internazionale del Pentagono”, ha detto Zakharova.

All’inizio di questa settimana, il Pentagono ha pubblicato la “scheda informativa sugli sforzi di riduzione delle minacce di distruzione di massa con Ucraina, Russia e altri paesi dell’ex Unione Sovietica”. Nel documento, l’esercito americano ha affermato che dopo il crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti e i suoi partner hanno condotto “sforzi cooperativi per ridurre le minacce ereditate dalle armi nucleari, chimiche e biologiche lasciate negli stati successori dell’Unione Sovietica, inclusa la Russia. “

Secondo il Pentagono, gli Stati Uniti hanno “lavorato in collaborazione per migliorare la sicurezza biologica, la protezione e la sorveglianza delle malattie dell’Ucraina per la salute umana e animale”, fornendo supporto a “46 pacifici laboratori ucraini, strutture sanitarie e siti diagnostici delle malattie negli ultimi due decadi.” Questi programmi si sono concentrati sul “miglioramento della salute pubblica e delle misure di sicurezza agricola al nesso della non proliferazione”.

Nello stesso documento, le forze armate statunitensi hanno accusato Russia e Cina di aver tentato di “minare questo lavoro diffondendo disinformazione e seminando sfiducia nelle persone e nelle istituzioni di tutto il mondo che contribuiscono alla riduzione della minaccia di armi di distruzione di massa”.

Secondo Zakharova, Mosca considera questa pubblicazione parte della “campagna informativa” di Washington volta a giustificare le sue attività biologiche militari nello spazio post-sovietico e a “distogliere l’attenzione della comunità internazionale dalla sua vera direzione non trasparente e sconveniente”.

Previous articleCi stiamo abituando alle notizie false. E ci stiamo stancando della guerra in Ucraina. Ecco perché dovresti preoccuparti
Next articleCome dissuadere amici e parenti più anziani dal tornare dai vaccinatori in autunno