Database Italia

La Sicurezza Interna degli Stati Uniti conferma: Inviati ufficiali paramilitari a Portland per sedare le proteste

WASHINGTON – Il braccio della dogana e della protezione delle frontiere del Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha confermato martedì di aver schierato agenti federali di tre unità in stile paramilitare per sedare le violente proteste contro la polizia a Portland, Oregon.

“Abbiamo agenti e funzionari dei nostri gruppi di operazioni speciali schierati”, ha detto un funzionario del CBP in una e-mail. Il funzionario non ha risposto alle domande sul numero di ufficiali schierati.

Numerosi video pubblicati online mostrano agenti mascherati senza chiari simboli di identificazione e veicoli non contrassegnati per trasportare i manifestanti arrestati, tattiche che i sostenitori dei diritti civili affermano che potrebbero violare il diritto dei manifestanti alla libertà di parola in base al Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

Il presidente Donald Trump, ha promesso di inviare anche agenti federali in città tra cui New York, Filadelfia e Chicago.

Il CBP, che pattuglia i confini terrestri e gestisce posti di blocco alle frontiere o per coloro che arrivano negli aeroporti statunitensi e in altri hub di trasporto, ha tre unità appositamente addestrate che hanno inviato agenti a Portland, ha detto alla Reuters il funzionario.

Secondo il sito web del CBP, una di queste unità, l’unità tattica di pattuglia di frontiera, “offre una capacità di risposta immediata agli incidenti ad alto rischio che richiedono abilità e tattiche specializzate”.

CBP ha dichiarato di aver inviato anche agenti delle squadre di ricerca di pattuglia di frontiera, Trauma e Rescue e Special Response a Portland.

Il senatore Ron Wyden, un democratico dell’Oregon, ha criticato lo spiegamento di tali forze da parte dell’amministrazione Trump.

Fonte: Reuters



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.