CoronavirusEventi Avversi V.C.PoliticaSalute

La Spagna propone di “tornare alla vita normale” e trattare il Covid-19 per ciò che è, un’influenza.

Il  rapporto spagnolo , citato di seguito, pubblicato da una grande associazione spagnola di medici generici, inizia come segue:

Il volgere dell’anno è segnato dal sesto periodo epidemico di COVID-19 in Spagna. Questa ondata è stata diversa da tutte le altre: l’arrivo dell’omicron sta lasciando un  gran numero di infezioni con livelli di incidenza massimi, ma con pochi casi gravi in ​​termini relativi.  Secondo i dati dell’Istituto di Sanità Carlos III, attualmente  la metà delle infezioni rilevate sono asintomatiche e gli indicatori di ospedalizzazione e morte sono ai minimi storici  1  . Ciò è dovuto in parte alla minore patogenicità intrinseca dell’omicron rispetto alle varianti precedenti, ed anche alla sua maggiore facilità nell’infettare persone con precedente immunità (per infezione o per vaccinazione) e che, quindi, presentano un basso rischio di malattia grave.

La bassa frequenza di malattie gravi, insieme alla saturazione sia delle cure primarie che della sanità pubblica a causa di casi lievi, dovrebbe  indurci a ripensare a come affrontare la pandemia d’ora in poi.  Dal Comitato Editoriale di AMF vogliamo contribuire a questo dibattito sulla base di cinque idee chiave.

********

La Spagna propone di “tornare alla vita normale” e di trattare il Covid-19 come l’influenza

FRANCE SOIR

Nonostante l’alto tasso di incidenza di Omicron, che sta spingendo verso l’alto i dati sulle infezioni in tutto il mondo,  la sua bassa virulenza sta mettendo in discussione la strategia “solo vaccini” e dà speranza per un ritorno alla vita normale.  Un po’ di musica comincia a farsi sentire ovunque. Dopo Danimarca e Regno Unito  (ER: Vedi questo rapporto del Daily Sceptic del Regno Unito,  Covid Passes to be Scrapped Within Two Weeks ) , ora è il turno della Spagna di parlare.

“Verso la fine dell’eccezionalità”

Un  recente editoriale  su AMF (Actualizacion en Medicina de Familia), portavoce di semFYC, una delle tre maggiori associazioni di medici generici in Spagna, era intitolato “Verso la fine dell’eccezionalismo”. Il messaggio è chiaro:  “SARS-Cov-2 non scomparirà” e dobbiamo imparare a conviverci.  Pur promuovendo la vaccinazione per le persone vulnerabili, l’associazione  mette in guardia contro le incessanti dosi di richiamo  e assicura che “vaccinare l’intera popolazione, compresi i bambini e le persone a bassissimo rischio, non impedirà la circolazione del virus”. “C’è da aspettarsi che saremo tutti infettati ripetutamente attraverso il contatto ripetuto con il virus e che  questo migliorerà la nostra immunità individuale e collettiva”, dice.

Insomma, non abbiamo paura:  “È fondamentale ripristinare la vecchia normalità (senza mascherine o limitazioni all’interazione sociale), concentrando gli sforzi sulla protezione dei più vulnerabili”.  ( Non era questa l’essenza della Dichiarazione di Barrington?)

L’autore sottolinea anche il clima di ansia e deplora la colpa che ne è derivata:

“Un numero record di infezioni viene trasmesso in diretta, senza menzionare che la metà di esse è asintomatica… La paura è spesso associata al senso di colpa. Prendere o diffondere un virus respiratorio non è colpa di nessuno. 

Ha concluso:

“Il Covid-19 dovrebbe essere trattato come qualsiasi altra malattia. L’immunità acquisita e l’avvento della variante Omicron lo rendono possibile.

Aprire discussioni con i partner europei?

Il ministro della Salute spagnolo Carolina Darias vuole un cambio di strategia  e chiede al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) di “aprire nuovi orizzonti”. Secondo lei, dato che la stragrande maggioranza delle infezioni è asintomatica e che solo le persone già a rischio sono ricoverate in ospedale,  “è necessario lo stesso sistema di sorveglianza dell’influenza”.

Sebbene non tutti i medici e gli epidemiologi siano d’accordo con questa analisi,  Les Echos riferisce  che  “alcune regioni spagnole hanno iniziato a fare progressi in questo settore e che il Centro nazionale di epidemiologia ha già preparato un piano pilota che potrebbe segnare la fine dei test sistematici”.

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!