Quantcast
Database Italia

LA STORIA È CICLICA E LA TRUFFA È VECCHIA

Questa è del 1918. Dovremmo imparare dalla storia, non ripeterla.

Il più grande killer era infatti la polmonite batterica da maschere facciali, non l’influenza spagnola.

Non mi credi? …

Allora ti mostro i dati del NATIONAL INSTITUTE OF HEALT consultabili anche qui :

https://www.nih.gov/news-events/news-releases/bacterial-pneumonia-caused-most-deaths-1918-influenza-pandemic?fbclid=IwAR3BEJ7o1jNUAaU8B3uve4t7I3NPLa1lt72jvJuSHauWFeg6zTSOyuMdrco

La polmonite batterica ha causato la maggior parte dei decessi nella pandemia influenzale del 1918

Implicazioni per la futura pianificazione pandemica

La maggior parte dei decessi durante la pandemia influenzale del 1918-1919 non è stata causata dal solo virus influenzale, riferiscono i ricercatori del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), parte del National Institutes of Health. Invece, la maggior parte delle vittime è morta per polmonite batterica a seguito dell’infezione da virus influenzale. La polmonite è stata causata quando i batteri che normalmente popolano il naso e la gola hanno invaso i polmoni lungo un percorso creato quando il virus ha distrutto le cellule che rivestono i bronchi e i polmoni.

Una futura pandemia influenzale potrebbe svolgersi in modo simile, affermano gli autori del NIAID, il cui articolo nel numero dell’1 ottobre di The Journal of Infectious Diseases è ora disponibile online. Pertanto, concludono gli autori, i preparati pandemici globali dovrebbero includere non solo gli sforzi per produrre vaccini antinfluenzali nuovi o migliorati e farmaci antivirali, ma anche disposizioni per accumulare antibiotici e vaccini batterici.

Il lavoro presenta linee di prova complementari dai campi della patologia e della storia della medicina a sostegno di questa conclusione. “Il peso delle prove che abbiamo esaminato dalle analisi storiche e moderne della pandemia influenzale del 1918 favorisce uno scenario in cui il danno virale seguito da polmonite batterica ha portato alla stragrande maggioranza dei decessi”, afferma il co-autore del direttore del NIAID Anthony S. Fauci, MD “In sostanza, il virus ha sferrato il primo colpo mentre i batteri hanno sferrato il pugno ad eliminazione diretta”.

Il coautore e patologo del NIAID Jeffery Taubenberger, MD, Ph.D., ha esaminato campioni di tessuto polmonare di 58 soldati morti di influenza in varie basi militari statunitensi nel 1918 e 1919. I campioni, conservati in blocchi di paraffina, sono stati ritagliati e colorato per consentire la valutazione microscopica. L’esame ha rivelato uno spettro di danni ai tessuti “che vanno dai cambiamenti caratteristici della polmonite virale primaria e dall’evidenza della riparazione dei tessuti all’evidenza di polmonite batterica grave, acuta e secondaria”, afferma il dott. Taubenberger. Nella maggior parte dei casi, aggiunge, la malattia predominante al momento della morte sembrava essere stata la polmonite batterica. C’erano anche prove che il virus distruggeva le cellule che rivestivano i bronchi, comprese le cellule con proiezioni protettive simili a peli o ciglia.

Nel tentativo di ottenere tutte le pubblicazioni scientifiche che riferivano sulla patologia e batteriologia della pandemia influenzale del 1918-1919, il dottor Taubenberger e il coautore del NIAID David Morens, MD, hanno cercato fonti bibliografiche per articoli in qualsiasi lingua. Hanno anche esaminato le riviste scientifiche e mediche pubblicate in inglese, francese e tedesco e hanno individuato tutti i documenti relativi alle autopsie condotte su vittime dell’influenza. Da un pool di oltre 2.000 pubblicazioni apparse tra il 1919 e il 1929, i ricercatori hanno identificato 118 rapporti di serie di autopsie chiave. In totale, le serie di autopsie esaminate rappresentavano 8.398 autopsie individuali condotte in 15 paesi.

I rapporti pubblicati “hanno chiaramente e costantemente implicato la polmonite batterica secondaria causata dalla comune flora delle vie respiratorie superiori nella maggior parte dei decessi influenzali”, afferma il dott. Morens. I patologi dell’epoca, aggiunge, erano quasi unanimi nella convinzione che i decessi non fossero causati direttamente dal virus dell’influenza allora non identificato, ma piuttosto da una grave polmonite secondaria causata da vari batteri. In assenza delle infezioni batteriche secondarie, molti pazienti avrebbero potuto sopravvivere, credevano gli esperti dell’epoca. In effetti, la disponibilità di antibiotici durante le altre pandemie influenzali del 20 ° secolo, in particolare quelle del 1957 e del 1968, è stata probabilmente un fattore chiave nel minor numero di decessi nel mondo durante quei focolai, osserva il dottor Morens.

La causa e la tempistica della prossima pandemia influenzale non possono essere previste con certezza, riconoscono gli autori, né la virulenza del ceppo del virus dell’influenza pandemica. Tuttavia, è possibile che – come nel 1918 – possa svilupparsi un modello simile di danno virale seguito da invasione batterica, affermano gli autori. I preparativi per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione della polmonite batterica dovrebbero essere tra le massime priorità nella pianificazione della pandemia influenzale, scrivono. “Siamo incoraggiati dal fatto che i pianificatori di pandemia stiano già considerando e implementando alcune di queste azioni”, afferma il dott. Fauci.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments