Database Italia

La storia segreta sulle origini di Amnesty International

Un nuovo rapporto pubblicato sul sito di Geopolitica e relazioni internazionali GreatGameIndia mette in luce alcuni aspetti poco conosciuti su Amnesty International.

Amnesty International si propone come il cane da guardia dei diritti umani in tutto il mondo con la missione dichiarata di fare campagna per “un mondo in cui ogni persona goda di tutti i diritti umani sanciti nella Dichiarazione universale dei diritti umani e da altri strumenti internazionali per i diritti umani”. Tuttavia, meno noto è il fatto che Amnesty International è stata creata dall’intelligence britannica per la raccolta di informazioni necessarie per svolgere ingegneria sociale delle nazioni prese di mira dall’Impero britannico. Amnesty International è stata coinvolta non solo nell’insabbiamento di torture e nel cambio di regimi da parte di agenti britannici, ma anche nell’innesco di una guerra.

Amnesty International – Braccio di raccolta dei servizi segreti dell’Impero britannico

L’immagine stellare di Amnesty come difensore globale dei diritti umani è in contrasto con i suoi primi giorni, quando il Ministero degli esteri britannico censurava i rapporti critici nei confronti dell’Impero. Durante gli anni ’60 il Regno Unito si stava ritirando dalle sue colonie e il Foreign Office e il Colonial Office erano affamati di informazioni sugli attivisti per i diritti umani per la situazione sul campo. Nel 1963, il Ministero degli Esteriincaricò i suoi agenti all’estero di fornire un “supporto discreto” per le campagne di Amnesty.

La lobby del Deep State Anglo Americano da allora ha lavorato per ricreare l’ Impero britannico dei tempi moderni , reclutando politici e uomini d’affari nativi per raccogliere informazioni e concludere affari. Uno dei suoi gruppi, CTD Advisors, gestito dal figlio di una spia britannica pakistana e pesantemente infestato da ex capi dell’intelligence britannica che sostenevano  un intervento straniero in Kashmir, è stato recentemente denunciato da GreatGameIndia .

A causa della sua ingerenza in Kashmir, l’ex primo ministro indiano Rajiv Gandhi nel 1990 (allora leader dell’opposizione) chiese il divieto di ingresso di Amnesty International nel Kashmir accusando Amnesty di essere un’organizzazione dubbia.

La dott.ssa Kirsten Sellars, Visiting Fellow presso la Coral Bell School of Asia Pacific Affairs, Australian National University, scrive :

Durante gli anni ’60 il Regno Unito era ancora in procinto di ritirarsi dalle sue colonie e i dipartimenti del servizio civile come il Colonial Office e il Foreign Office accolsero con favore le informazioni da coloro che avevano familiarità con le questioni relative ai diritti umani. Il rapporto tra Amnesty e Whitehall fu posto su basi più solide nel 1963, quando il Ministero degli Esteri scrisse alle missioni all’estero sollecitando un “supporto discreto” per Amnesty: discreto, perché il suo appoggio pubblico avrebbe seriamente minato la credibilità della campagna.

Peter Benenson – la spia sotto copertura

Peter Benenson, il co-fondatore di Amnesty International, aveva profondi legami con il ministero degli esteri britannico e il ministero coloniale. Durante la guerra, ha lavorato nell’intelligence militare presso il centro di decodifica di Bletchley Park. Benenson ha lavorato come spia per raccogliere informazioni sotto la copertura di Amnesty International, sponsorizzata direttamente dalla Corona.

Peter Benenson, il co-fondatore di Amnesty International, ha lavorato come spia per raccogliere informazioni sotto la copertura di Amnesty International, sponsorizzato direttamente dalla Corona.

Nel 1964, Benenson chiese l’assistenza del Foreign Office per ottenere un visto per Haiti. Il Ministero degli Esteri ottenne il visto e scrisse al suo rappresentante di Haiti Alan Elgar chiedendo di “sostenere gli obiettivi di Amnesty International”. Lì, Benenson è andato sotto copertura come pittore , come il ministro di Stato Walter Padley gli aveva chiesto prima della sua partenza: “Dovremo stare un po ‘attenti a non dare agli haitiani l’impressione che la tua visita sia effettivamente sponsorizzata dal governo di Sua Maestà “.

Amnesty International infiltrata da Spie

Nel 1966, Amnesty International fu scossa da un grave scandalo quando il suo fondatore Peter Benenson affermò che l’organizzazione era infiltrata da agenti dell’intelligence britannica e chiese che la sua sede fosse trasferita in un altro paese. Questa dichiarazione fu seguita da affermazioni degli Stati Uniti secondo cui anche la Central Intelligence Agency (CIA) era coinvolta in Amnesty International. Lo stesso Benenson è stato poi denunciato per aver accettato fondi dal governo britannico.

Documenti non classificati rivelano anche come l’intelligence israeliana gestiva la filiale locale di Amnesty International. Il governo israeliano ha finanziato la creazione e l’attività della filiale di Amnesty International in Israele negli anni ’60 e ’70. I documenti ufficiali rivelano che il presidente dell’organizzazione era in costante contatto con il ministero degli Esteri e da esso ha ricevuto istruzioni.

Cambio di regime in Sudan

A metà degli anni ’90, il Sudan Vision Daily, un quotidiano in Sudan, ha paragonato Amnesty al National Endowment for Democracy degli Stati Uniti, durante la sua campagna per il cambio di regime in Sudan. Il giornale ha affermato che “Amnesty International è, in sostanza, un’organizzazione di intelligence britannica che fa parte del sistema decisionale del governo”.

In un rapporto del settembre 2016, Amnesty International ha affermato che il governo sudanese stava conducendo una guerra chimica contro il proprio popolo. I media occidentali lo sostenevano come un dato di fatto, ma i media africani lo trovavano altamente dubbio e basato su dicerie. Il seguente rapporto sudanese (ripubblicato integralmente da Modern Ghana ) riflette sulla storia di Amnesty International come braccio di propaganda del governo britannico.

Amnesty International ha spesso utilizzato il servizio per diffondere la propaganda politica e trasmettere i suoi messaggi contro gli oppositori politici di tutto il mondo utilizzando sia la radio che la TV. Potrebbe non essere una sorpresa per molti che l’elenco degli oppositori del governo britannico sia lo stesso elenco di Gli oppositori di Amnesty.

Il recente rapporto di Amnesty International sul Darfur è solo una parte del ruolo negativo degli inglesi nei confronti del Sudan. Il tipo di nesso recentemente scoperto tra Amnesty e il governo britannico rivela che il primo era originariamente un organo di intelligence clandestino affiliato al secondo. Amnesty è un clone britannico dell’American National Endowment for Democracy che ha preceduto Amnesty nel lavorare sotto l’egida del Dipartimento di Stato. Pertanto, Amnesty non è solo un gruppo di pressione; è essenzialmente un’organizzazione dell’intelligence britannica che fa parte del sistema decisionale del governo.

Amnesty International ha coperto la tortura da parte di agenti britannici nello Yemen

Nel 1966, un rapporto di Amnesty International sulla colonia britannica di Aden, una città portuale nell’attuale Yemen, descrisse in dettaglio la tortura dei detenuti da parte del governo britannico al centro degli interrogatori di Ras Morbut. I prigionieri venivano spogliati durante gli interrogatori, costretti a sedersi su pali che entravano nel loro ano, avevano i genitali attorcigliati, le sigarette bruciate sul viso e venivano tenuti in celle dove feci e urina coprivano il pavimento.

Tuttavia, il rapporto non è mai stato pubblicato. Benenson ha detto che il segretario generale di Amnesty Robert Swann l’aveva censurato per compiacere il Foreign Office, ma il co-fondatore di Amnesty Eric Baker dichiarò che Benenson e Swann si erano incontrati con il Foreign Office accettando di mantenere il rapporto segreto in cambio di riforme.

Amnesty International denunciata dal dottor Francis Boyle

Francis Boyle è professore di diritto internazionale presso l’Università dell’Illinois College of Law. Ha redatto la legislazione di attuazione interna degli Stati Uniti per la Convenzione sulle armi biologiche, nota come Atto antiterrorismo sulle armi biologiche del 1989, che è stata approvata all’unanimità da entrambe le Camere del Congresso degli Stati Uniti e firmata dal presidente George HW Bush.

In un’esclusiva intervista rilasciata a  Geopolitica e impero , il dottor Boyle ha confermato il rapporto esclusivo Coronavirus arma biologica – dove riporta in dettaglio come agenti cinesi che lavorano presso il laboratorio canadese di Winnipeg sono stati coinvolti nel contrabbando di Coronavirus dal laboratorio di Wuhan, da dove si ritiene che sia trapelato.

Nell’esplosiva intervista il dottor Francis Boyle, ha rilasciato una dichiarazione dettagliata ammettendo che il Wuhan Coronavirus 2019 è un’arma di guerra biologica offensiva e che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS)ne è a conoscenza.

In qualità di membro del consiglio di Amnesty International USA alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, ha affermato che Amnesty International USA ha agito in modi strettamente legati agli interessi della politica estera degli Stati Uniti. Attribuisce i legami tra Amnesty International e gli interessi di politica estera degli Stati Uniti e del Regno Unito al contributo finanziario relativamente elevato di Amnesty International USA al bilancio internazionale di AI, stimato al 20%. Boyle ha aggiunto che Amnesty International è stata determinante nel pubblicizzare la bufala sull’Iraq.

Come Amnesty International ha scatenato una guerra

In un’intervista esclusiva con Covert Action Quarterly, il dottor Francis Boyle ha spiegato come gli agenti segreti di Amnesty International abbiano scatenato una guerra:

Dei sei voti al Senato degli Stati Uniti che hanno approvato la risoluzione per andare in guerra, molti di quei senatori hanno affermato di essere stati influenzati dal rapporto di Amnesty. Ora voglio chiarire che questo non era un lavoro di Amnesty International ma di Londra, e quello che è successo poi, quando è iniziata la guerra, alla successiva riunione del consiglio di amministrazione di AI USA, ha richiesto un’indagine.

A quel punto era emerso che si trattava di propaganda kuwaitiana messa insieme dalla società di pubbliche relazioni, Hill & Knowlton, e io chiesi un’indagine. Non è successo assolutamente niente. Non c’è mai stata un’indagine, c’è stato un totale ostruzionismo proveniente da Londra. Si sono rifiutati di ammettere di aver fatto qualcosa di sbagliato. Non c’è mai stata una spiegazione, non ci sono mai state scuse. È nel “buco della memoria” come 1984 di Orwell.

La mia conclusione fu che un funzionario di alto livello di Amnesty International a quel tempo, che non nominerò, era un agente dell’intelligence britannica. Inoltre, il mio collega membro del consiglio, che ha anche indagato su questo indipendentemente da me, è arrivato alla stessa identica conclusione. Quindi certamente quando ho a che fare con persone che vogliono lavorare con Amnesty a Londra, dico loro: “Guarda, capisci, sono penetrati da agenti dell’intelligence, Regno Unito, forse Stati Uniti, non lo so, ma certamente non posso fidarmi di loro. “



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.