Quantcast
Database Italia

La Task Force Per Il Coronavirus Di Joe Biden È dei Rockefeller, del Council On Foreign Relations e della Gates Foundation

Mentre il presidente eletto dai media Joe Biden annuncia la sua Task Force per il Coronavirus, sta diventando sempre più chiaro che un’amministrazione Biden / Harris manterrà molte delle relazioni stabilite sotto l’amministrazione Trump. 

Lunedì, Joe Biden ha annunciato la creazione di un comitato consultivo per la transizione COVID-19 e di una task force per il coronavirus che assumerà il controllo della lotta contro il COVID-19 il 20 gennaio 2021, se alla fine prestasse giuramento come 46 ° presidente della Stati Uniti. Biden ha dichiarato che il Comitato consultivo per la transizione aiuterà il suo team di transizione presidenziale a stabilire test rapidi e un “nucleo di traccianti di contatto per monitorare e frenare questa malattia”.

Biden ha anche lanciato un appello al popolo americano affinché inizi a indossare maschere “per i prossimi mesi” fino a quando non sarà disponibile un vaccino. Biden ha dichiarato che il CDC ha definito la mascherina “l’arma più potente contro il virus”. L’ex vicepresidente ha anche ribadito il suo avvertimento che gli Stati Uniti stanno affrontando un “inverno buio”, una frase che ripetuta con sempre maggiore frequenza nelle due settimane.

Come ha detto ieri @JoeBiden , stiamo affrontando un inverno buio se non riusciamo a tenere sotto controllo il coronavirus. Si prega di indossare la mascherina per ridurre la diffusione e salvare vite umane.

– Kamala Harris (@KamalaHarris) 10 novembre 2020

Biden ha annunciato che la sua Task Force contro il Coronavirus sarebbe stata presieduta dall’ex chirurgo generale Vivek Murthy, dall’ex commissario per la Food and Drug Administration David Kessler e dalla dottoressa Marcella Nunez-Smith dell’Università di Yale. I tre presidenti avrebbero supervisionato altri dieci professionisti sanitari ed esperti nel loro campo.

In precedenti indagini abbiamo rivelato i legami tra l’operazione Warp Speed ​​dell’amministratore Trump e Big Pharma , DARPA e la Fondazione Gates . Questi legami hanno chiarito che l’amministratore di Trump è in partnership con soggetti del calibro della Gates Foundation e Rockefeller Foundation, istituzioni che mantengono una quantità esorbitante di influenza e controllo sulla politica sanitaria globale. Un esame della Task Force Biden Coronavirus rivela che queste stesse istituzioni continueranno a dominare la direzione della lotta contro il COVID-19.

Collegamenti con la Gates Foundation, la Rockefeller Foundation, il Council on Foreign Relations e la CIA

Prima di procedere, se ti ritrovi a chiederti, “cosa c’è di sbagliato nell’essere collegati alla Gates Foundation o Bill Gates?” , Consiglio di leggerequalcuno dei nostri articoli su Bill Gates . Il fatto è che Gates e la sua fondazione sono stati in grado di ottenere influenza e controllo sulle politiche sanitarie globali finanziando e collaborando con quasi tutte le organizzazioni globali coinvolte nella salute in un modo o nell’altro. Ciò era evidente durante l’ operazione Warp Speed ​​di Donald Trump ed è evidente con la Task Force di Biden.

Per cominciare, almeno sei membri della Task Force di 13 membri hanno lavorato direttamente con Gates o con la Fondazione Gates, mentre almeno altri 3 hanno collegamenti con Gates. Diversi membri hanno anche collegamenti con la Fondazione Rockefeller, che è anche famosa per la formazione della politica sanitaria internazionale .

Cominciamo con le connessioni. Questi potrebbero non essere la prova di una forte relazione con la Fondazione Gates o altre organizzazioni, ma mostrano la presenza costante di queste istituzioni. Avanzeremo attraverso ogni membro della task force e mostreremo una quantità crescente di relazioni preoccupanti.

La dott.ssa Julie Morita è il vicepresidente esecutivo della Robert Wood Johnson Foundation che ha contribuito a guidare il Dipartimento di sanità pubblica di Chicago per quasi 20 anni. Ha partecipato a eventi con la Fondazione Gates .

La dott.ssa Celine Gounder è una professoressa assistente clinica presso la NYU Grossman School of Medicine. Mentre era in facoltà presso la Johns Hopkins, era il direttore della consegna presso il consorzio finanziato dalla Fondazione Gates per rispondere in modo efficace all’epidemia di AIDS / TB. Gounder è attualmente un analista medico della CNN ed è apparso come ospite esperto su CNN, MSNBC, Al Jazeera America, CBS e BBC.

La signora Loyce Pace è il direttore esecutivo e presidente del Global Health Council, che in precedenza ha ricoperto posizioni di leadership presso l’American Cancer Society. GHC è supportato dalla Gates Foundation e conferisce il Gates Award, che prende il nome da Bill Gates. Non più tardi di settembre 2020, la Gates Foundation ha donato $ 25.000 alla GHC.

Il dottor Eric Goosby è un esperto di malattie infettive e professore di medicina presso l’Università della California, San Francisco, School of Medicine. Durante l’amministrazione Clinton, Goosby è stato il direttore fondatore del più grande programma per l’HIV / AIDS finanziato dal governo federale. Goosby faceva anche parte di una commissione di 25 membri convocata dalla Rockefeller Foundation e dalla Boston University che si è concentrata su ” come i responsabili delle decisioni globali possono utilizzare meglio i dati in crescita sulla vasta gamma di fattori che influenzano la salute delle persone”.

Nel 2012 ha partecipato a un panel con Bill Gates nell’ambito della Conferenza internazionale sull’AIDS.

Michael Osterholm è il direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy presso l’Università del Minnesota ed ex inviato scientifico per la sicurezza sanitaria per il Dipartimento di Stato. Ha anche collegamenti con la Fondazione Rockefeller. Osterholm è stato coinvolto nella creazione del  piano d’azione per i test COVID-19 della Fondazione Rockefeller , insieme al Dr. Zeke Emanuel (vedi sotto).

In un editoriale sul New York Times , Osterholm ha descritto il piano dei Rockefeller:

“Infine, il rapporto Rockefeller invita gli stati ad assumere almeno 100.000 persone per eseguire il lavoro di test e rintracciamento dei contatti. Anche questo, molto probabilmente, richiede finanziamenti federali – e ha la virtù di raddoppiare come programma per l’occupazione durante questo periodo di disoccupazione estremamente elevata “.

Il Dr. Atul Gawande è professore di chirurgia al Brigham and Women’s Hospital e alla Harvard Medical School. Gawande è stato consigliere senior presso il Dipartimento della salute e dei servizi umani nell’amministrazione Clinton. Il dottor Gawande sembra mantenere una stretta amicizia con Bill Gates, come evidenziato da un’intervista su CNBC in cui i due uomini sono stati intervistati sulla loro  partecipazione a un panel al World Economic Forum di Davos . Il WEF è dietro la spinta per un grande ripristino . Gawande ha anche moderato un evento alle Nazioni Unite con Bill Gates e il cancelliere tedesco Angela Merkel.

La dott.ssa Luciana Borio ha ricoperto posizioni di leadership senior presso la FDA, tra cui Acting Chief Scientist. Alcuni rapporti hanno affermato che lei “aveva predetto” l’ arrivo di una pandemia e il governo degli Stati Uniti era impreparato. Nel 2018, Borio ha dichiarato a  un simposio che “la minaccia dell’influenza pandemica è la nostra preoccupazione numero uno per la sicurezza sanitaria”.

Borio è anche il vicepresidente del personale tecnico di In-Q-Tel, la società di capitale di rischio della CIA, ed era in precedenza uno specialista della difesa biologica nel Consiglio di sicurezza nazionale. L’NSC è noto come rifugio per agenti dell’intelligence e portavoce del governo che consigliano il presidente. L’NSC è stato anche coinvolto nella creazione della “Disposition Matrix” presidenziale, altrimenti nota come Presidential Kill List .

Ad agosto, Borio è entrato a far parte del think tank Council on Foreign Relations come collega. Borio è stato indicato come uno “stakeholder che ha partecipato alle consultazioni di ricerca e sviluppo” nell’ambito di The Neglected Dimension of Global Security: A Framework to Counter Infectious Disease Crises , un “consensus study report” del 2016 finanziato dalla Fondazione Rockefeller, Bill e Melinda Gates Foundation e Wellcome Trust, tra gli altri. Ciascuna di queste organizzazioni è stata ampiamente coinvolta nella lotta contro COVID-19 .

Borio è stato coinvolto in un altro libro che esamina le minacce alla salute globale, anch’esso finanziato dalla Fondazione Rockefeller e dalla Fondazione Gates. Francamente, la presenza costante di queste due organizzazioni è un chiaro esempio di quanto le fondazioni influenzino e modellino le politiche sanitarie globali.

Dobbiamo notare che il dottor David Kessler, il dottor Robert Rodriguez e il dottor Eric Goosby, hanno tutti legami con l’Università della California, a San Francisco. Importante il ruolo di UCSF nella risposta COVID-19 , incluso il lavoro con Google sulle app di tracciamento dei contatti e la collaborazione con la Gates Foundation.

Il dottor Ezekiel Emanuel è un oncologo e presidente del Dipartimento di etica medica e politica sanitaria presso l’Università della Pennsylvania. È anche presidente del Dipartimento di Bioetica presso il Centro clinico del National Institutes of Health. Emanuel è stato a lungo oggetto di polemiche poiché i repubblicani hanno cercato di collegarlo alla promozione dei cosiddetti “pannelli della morte”, commissioni mediche che razionano l’assistenza sanitaria e in alcuni casi, decidono chi riceve cure salvavita.

Mentre la maggior parte di queste affermazioni sembrano esagerate – Emanuel si è opposto alla legalizzazione dell’eutanasia – ha anche scritto un saggio intitolato “Perché spero di morire a 75 anni”. Nel saggio sostiene che la vita dopo i 75 anni non è degna di essere vissuta e che l’assistenza sanitaria degli Stati Uniti non dovrebbe dare la priorità al trattamento per gli over 75. “Una volta che avrò vissuto fino a 75 anni, il mio approccio alla mia assistenza sanitaria cambierà completamente. Non finirò attivamente la mia vita. Ma non cercherò nemmeno di prolungarlo ”, ha scritto Emanuel .

Il dottor “Zeke” Emanuel siede anche nel Comitato consultivo per l’assistenza sanitaria del Peterseon Center insieme a Bill Gates. Gates ha anche chiamato Emanuel il “padrino di Obamacare” e ha raccomandato il suo libro come lettura estiva . I due uomini sembrano avere un rapporto di lavoro che risale ad almeno un decennio. Sono persino apparsi insieme su MSNBC . Emanuel ha anche lavorato con Gates, fondata e finanziata dalla GAVI Global Vaccine Alliance.

Ad aprile, Emanuel ha detto a MSNBC che il COVID-19 sarebbe rimasto in circolazione per almeno 18 mesi e che il pubblico americano “non sarebbe stato in grado di tornare alla normalità fino a quando non fosse stato somministrato un vaccino o farmaci efficaci”. Ha riconosciuto che l’economia americana sarebbe stata colpita duramente e le persone avrebbero avuto problemi a trovare lavoro, ma ha affermato che “non abbiamo scelta” perché senza le distanze sociali e le maschere “le morti potrebbero salire alle centinaia di migliaia, se non un milione”. Inoltre, in un articolo per il NY Times ha chiesto: “Perché non è obbligatorio indossare maschere in pubblico?”

Casualmente, il dottor Emanuel è anche il fratello dell’ex sindaco di Chicago ed ex capo di stato durante l’amministrazione Obama. Tra le altre cose, Rahm Emanuel è famoso per un’intervista del 2008 in cui ha dichiarato: “Non vuoi mai che una crisi seria vada sprecata, e ciò che intendo con ciò è un’opportunità per fare cose che pensi di non poter fare prima”. 

Rahm Emanuel ha riportato la sua famosa citazione a marzo mentre parlava di COVID-19. “Non permettere mai che una crisi vada sprecata”, ha detto Emanuel su ABC This Week . “Inizia a pianificare per il futuro. Questa deve essere l’ultima pandemia che crea una depressione economica. Avremo più pandemie, ma questa deve essere l’ultima depressione economica “.

Il dottor Rick Bright è stato recentemente celebrato come un informatore che ha tentato di ritenere responsabile l’amministrazione Trump durante la battaglia COVID-19. Bright è un immunologo e virologo che è stato rimosso come capo della Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA) per aver criticato la gestione di COVID-19 da parte di Trump.

Mentre parlava davanti al Congresso, Bright ha dichiarato : “senza una chiara pianificazione e attuazione dei passaggi che io e altri esperti abbiamo delineato, il 2020 sarà l’inverno più buio della storia moderna”, una frase che Joe Biden ha ripetuto durante i dibattiti presidenziali e di nuovo su Lunedi.

La nomina di Bright alla task force sul Coronavirus e l’uso crescente da parte di Joe Biden del termine Dark Winter potrebbero essere un segno di potenziale caos derivante dall’esito delle elezioni e / o rapporti di un aumento dei casi COVID-19 e successivi blocchi Intorno al mondo.

La presenza di esperti di antiterrorismo, un collega del Council on Foreign Relations, un dirigente In-Q-Tel, i collegamenti con la Fondazione Gates e la Fondazione Rockefeller sono tutti segni che la Task Force Coronavirus di Joe Biden porterà avanti le tendenze avviate sotto l’ Operazione Warp Speed ​​dell’amministrazione Trump.

Articolo scritto da Derrick Broze e riportato successivamente da Databaseitalia.it



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments