CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningScienza e Tecnologia

LA TECNOLOGIA DI NEUROMODULAZIONE BASATA SUL GRAFENE È REALE: il comunicato stampa di INBRAIN Neuroelectronics descrive i biocircuiti che controllano il cervello utilizzando il grafene

Con un numero crescente di persone che vengono a conoscenza dell’identificazione dell’ossido di grafene nei vaccini covid, una società chiamata INBRAIN Neuroelectronics dimostra che la tecnologia di “neuromodulazione” basata sul grafene che utilizza la neuroelettronica alimentata dall’intelligenza artificiale è molto reale. Un comunicato stampa del 30 marzo 2021 pubblicato da BusinessWire.com rivela la storia:

INBRAIN Neuroelectronics ottiene 17 milioni di dollari in un finanziamento per la prima interfaccia grafene-cervello basata sull’intelligenza artificiale

Il finanziamento consente all’azienda di portare avanti gli studi sull’uomo per il suo prodotto di punta, un dispositivo di neuromodulazione meno invasivo per il trattamento di condizioni neurologiche utilizzando l’intelligenza artificiale e gli elettrodi di grafene.

Per essere chiari, non stiamo in alcun modo affermando che INBRAIN sia coinvolto nei vaccini covid. Piuttosto, affermano che la loro tecnologia viene utilizzata “per il trattamento dell’epilessia e del morbo di Parkinson”.

Lo scopo di coprire INBRAIN è rivelare che i “biocircuiti” di controllo del cervello basati sul grafene sono, in effetti, una tecnologia molto reale. I cosiddetti “controllori dei fatti” – che non sono altro che spacciatori di propaganda di disinformazione – affermano abitualmente che il grafene non si trova nei vaccini e che i biocircuiti di grafene sono una teoria della cospirazione. 

INBRAIN Neuroelectronics dimostra che i fact checker mentono

Leggi anche: Le analisi confermano la presenza di nanoparticelle di grafene [VIDEO] nei sieri Covid

Infatti, come afferma INBRAIN nel proprio comunicato stampa, “mirano a stabilire la sicurezza del grafene come il nuovo standard di cura per i dispositivi neurotecnologici”.

Tecnologie neuroelettroniche meno invasive e più intelligenti come la nostra potrebbero fornire terapie più sicure, aggiornabili e adattabili in tempo reale… Se questo suona familiare, è probabilmente perché Moderna, creatore del vaccino covid mRNA, ha descritto la sua tecnologia come un “sistema operativo”. ” che può anche essere aggiornato e riprogrammato in qualsiasi momento. 

Approfondimento: IL “SISTEMA OPERATIVO” DI MODERNA PER IL BIO-HACKING

Sul sito web INBRAIN Neuroelectronics , l’azienda si descrive così: Siamo scienziati, medici, tecnici e amanti dell’umanità, con la missione di costruire interfacce neuroelettroniche per curare i disturbi cerebrali. Usiamo GRAPHENE, il materiale più sottile conosciuto dall’uomo per costruire la nuova generazione di interfacce neurali per il ripristino del cervello per aiutare i pazienti di tutto il mondo. Inoltre tranquillizza il Prof. A. Fasano, dicendo: “Il grafene è la prossima grande novità nei materiali di bioingegneria, che sono componenti fondamentali per la prossima generazione di elettroterapie nel campo in costante crescita della neuromodulazione”. 

L’azienda evidenzia che la sua tecnologia è in grado di “leggere” il cervello di una persona, rilevare modelli neurologici specifici e quindi controllare la neurologia di quella persona per alterare la sua funzione cerebrale

Con le loro stesse parole: le nostre interfacce grafene-cervello hanno la capacità di leggere a una risoluzione mai vista prima, oltre a rilevare biomarcatori specifici della terapia e attivare una neuromodulazione adattiva altamente focale per risultati migliori nelle terapie neurologiche personalizzate.

Il grafene è ulteriormente descritto come “il materiale più sottile conosciuto per adattare perfettamente la stimolazione all’anatomia cerebrale mirata”. Chiunque dica che il grafene non viene utilizzato per controllare la neurologia umana o ignora completamente lo stato della neuroscienza moderna o mente deliberatamente.

Per chiarire ancora una volta, non stiamo affermando che INBRAIN Neuroelectronics sia impegnata in alcun tipo di programma nefasto, né che sia coinvolta nei vaccini covid. Come per ogni tecnologia, i biocircuiti a base di grafene possono essere utilizzati sia per il bene che per il male, a seconda dell’etica e delle motivazioni di chi controlla la tecnologia. Ci sono senza dubbio applicazioni molto positive per questa tecnologia, ma come con la maggior parte delle tecnologie che una volta erano propagandate come responsabili dell’umanità – televisione, vaccini, Internet, energia nucleare, robotica, ecc. – finiscono tutte nelle mani di pazzi, globalisti genocidi che li brandiscono come armi contro l’umanità.

Approfondimento: FINO A CHE PUNTO CI RENDIAMO CONTO DI QUANTO BILL GATES SIA PERICOLOSAMENTE PAZZO?

 In altre parole, non c’è tecnologia che i pazzi non sfruttino per schiavizzare l’umanità e aumentare il proprio potere e controllo. I biocircuiti al grafene danno ai pazzi assetati di potere un accesso diretto al cervello e, secondo molti analisti (vedi sotto), i vaccini forniscono la scusa per iniettare alle vittime umane sostanze a base di grafene che si autoassemblano in biocircuiti nel cervello umano.

Leggi anche:
L’operazione Coronavirus va di pari passo con l’agenda nanotecnologica
FOLLOW THE MONEY: NANOTECNOLOGIE PER IL COVID-19 – UN’EDIZIONE DEL 2020 ANALIZZA IL…
L’idrogel magnetico potrebbe spiegare il fenomeno del magnete Vax COVID?
RILASCIO ACCIDENTALE DI DOCUMENTI: CONTROLLO MENTALE REMOTO COLLEGATO ALLA MAPPATURA DEL CERVELLO DI…
Conferenza del dottor Charles Morgan all’Accademia militare di West Point: controllo remoto…

DICHIARAZIONE: I vaccini Covid contengono alti livelli di ossido di grafene, che viene autoassemblato in biocircuiti raccogliendo elementi (come il ferro) dal sangue umano

Come riportato in precedenza, un gruppo chiamato La Quinta Columna ha analizzato i vaccini covid e ha scoperto che dal 98% al 99% della massa non liquida nel vaccino sembra essere ossido di grafene. 

Ricardo Delgado, parlando per La Quinta Columna, dice: Un fenomeno che per molto tempo è stato negato, ma oggi è già stato dimostrato. Ci sono milioni di video di persone che vanno in giro per il mondo. Video su questo fenomeno di, chiamiamolo ‘pseudomagnetismo acquisito dopo l’inoculazione‘, ma può essere acquisito anche attraverso altri modi. Quindi, una volta condotto quello studio epidemiologico di base, abbiamo iniziato a chiederci quali materiali o nanomateriali possono causare il magnetismo nel corpo. E non solo magnetismo, ma che potrebbe fungere da condensatore di energia, perché ho anche misurato in un multimetro una carica importante…Si tratta di un fenomeno di induzione elettromagnetica nel metallo che aderisce in prossimità dell’area di inoculazione. Inoltre, abbiamo scoperto che il magnetismo si sposta poi verso la testa. E questo è molto importante. Sicuramente per lo scopo che possono cercare. Inoltre, una differenza di potenziale viene misurata con un multimetro: la persona diventa un superconduttore. Cioè, emette e riceve segnali. E quando abbiamo trovato i materiali che possono causare questo tipo di alterazioni nel corpo, abbiamo iniziato a parlare di grafene. Sospettavamo che fosse ossido di grafene poiché aveva tutte le caratteristiche che le persone magnetizzate esprimevano dopo l’inoculazione. Il grafene è tossico, è una sostanza chimica, un agente chimico tossico. Introdotto nell’organismo in grandi quantità, provoca trombi. Causa coaguli di sangue. Abbiamo tutti gli articoli scientifici per sostenerlo. Provoca sindrome post infiammatoria, provoca alterazione del sistema immunitario. E quando l’equilibrio redox è rotto, nel senso che c’è meno glutatione di riserva del corpo rispetto a una tossina introdotto come l’ossido di grafene, si genera un collasso del sistema immunitario e una tempesta di citochine. In altre parole, qualcosa di molto simile alla malattia di moda, no? 

Guarda il video qui: Brighteon.com/eaff4c87-eb1d-4abd-9f6e-6edeebe6fe59

Delgado prosegue affermando: E dato che tutte le persone a cui viene inoculato il vaccino Pfizer, che è stato quello che abbiamo inviato per l’analisi, così come Moderna, AstraZeneca, Johnson&Johnson, Janssen, Sinovac e tutti i tipi di vaccini acquisiscono proprietà magnetiche , sospettiamo con molte indicazioni che contengano tutti più o meno dosi di grafene, di ossido di grafene. …sappiamo che proprio la N-acetilcisteina o il glutatione stesso degradano l’ossido di grafene. Questo è il motivo per cui pensiamo di aver colpito direttamente l’agente causale o eziologico della malattia. 

Tratterò maggiori dettagli su questa nanotecnologia esotica, comprese le nanostrutture di biocircuiti di grafene “autoassemblanti”, e come queste potrebbero costruire un’antenna per ricevere comandi o istruzioni da campi elettromagnetici esterni. Se questo è ciò che sta accadendo, significa che i governi globali potrebbero essere in grado di controllare le masse vaccinate trasmettendo segnali dalle torri cellulari 5G. 

Leggi anche: Nuovo studio rivela la possibile correlazione tra 5G e diffusione del Covid19 nelle cellule.

Sebbene sembri fantascienza, questa tecnologia è già stata dimostrata in esperimenti sui topi, coinvolgendo sia SPION (nanoparticelle di ossido di ferro super paramagnetico) per la somministrazione mirata di farmaci nei tessuti , sia proteine ​​”magneto” che ottengono la neuromodulazione(controllo cerebrale). Presto discuteremo anche dei tunnel sotterranei e delle città / basi sotterranee di Elon Musk, nonché del motivo per cui penso che i globalisti siano a conoscenza di un evento a livello di estinzione che minaccia la stessa sopravvivenza della civiltà umana.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!