CulturaIl FiccanasoLetture ConsigliateSocietà

L’ANALFABETISMO FUNZIONALE É LA CAUSA DEL COVID-19 E GREEN PASS!

L’analfabetismo funzionale in Italia è a livelli altissimi, oserei dire alla luce dei fatti, emergenziale. I dati emersi dall’indagine Piaac-Ocse del 2019, evidenziano che in Italia circa il 28% della popolazione tra i 16 e i 65 anni è analfabeta funzionale. Uno dei dati peggiori d’Europa, secondi solo alla Turchia dove il problema chiama in causa il 47% della popolazione.

Questo vuol dire che l’analfabeta funzionale sa leggere e scrivere, ma non è in grado di comprendere informazioni anche basilari, come un libretto di istruzioni o un semplice concetto matematico o un discorso politico. Ancora più inquietante è pensare che, se si considera anche chi ha un livello di capacità basso, il dato, in Italia, affligge oltre il 70% della popolazione che non dimostra competenze sufficienti per comprendere in maniera compiuta la realtà che lo circonda.

Che cos’è l’analfabetismo funzionale?

L’analfabetismo funzionale non ha nulla a che fare con il non saper leggere e scrivere bensì consiste nell’incapacità di comprendere e usare le informazioni che si incontrano nella vita di tutti i giorni, a causa delle non sufficienti abilità nella lettura e comprensione del testo e nel calcolo.

Gli analfabeti funzionali sono persone che sanno perfettamente leggere e scrivere, ma che non riescono a sviluppare un pensiero critico e hanno difficoltà a comprendere testi semplici. Come le istruzioni di montaggio di un attrezzo acquistato o districarsi nel comprendere una cartina e stabilire il percorso idoneo.

La presenza di una elevata percentuale di analfabeti funzionali nella forza lavoro indebolisce la possibilità di innovazione, la competitività del sistema e mette a rischio la democrazia. L’Ocse ha misurato tramite un’ indagine demoscopica dettagliata il livello di alfabetizzazione dei cittadini dei Paesi membri tra i 15 e i 64 anni, quindi in età lavorativa, e i risultati sono emergenziali: ovvero 1 italiano su 4.

In Italia abbiamo i risultati peggiori tra i Paesi europei che fanno parte dell’Ocse.

I dati sull’analfabetismo funzionale in Italia

Gli italiani inclusi nella definizione di analfabetismo funzionale sono il 27,7% che comprende coloro che si fermano al livello 1 di alfabetizzazione o addirittura al di sotto di esso ovvero il 5,5% che è capace di comprendere solo informazioni elementari vale a dire contenuti su brevi testi scritti e non digitali ed espressi con un vocabolario di base (livello inferiore a 1). Il restante 22,2% si limita alla comprensione di testi misti, cartacei e digitali, sempre brevi, con l’inserimento di informazioni personali.

Questa percentuale sale al 70% prendendo in considerazione, come indicato dall’indagine Piaac-Ocse del 2019, anche coloro che hanno low skills ovvero capacità livello 2, corrisponde al 42% della popolazione italiana (vedi grafico sotto).

Analfabetismo funzionale, percentuale di 15-64enne nei diversi livelli di alfabetizzazione per Paese

Chi è l’analfabeta funzionale in Italia

E’ l’italiano che si informa (o non si informa), vota (o non vota), lavora (o non lavora), laureato (o non laureato) seguendo soltanto una capacità di analisi elementare. In pratica applica una capacità di analisi che non riesce a comprendere la complessità, che davanti ad un evento complesso come la crisi economica, le guerre, la politica nazionale o internazionale, lo spread è capace di trarre solo una comprensione basilare, elementare, semplicistica.

In altre parole soffre di analfabetismo funzionale ovvero difetta dei processi che consentono di attivare il pensiero critico.

L’analfabeta funzionale in sintesi definisce l’incapacità di un individuo di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana. Un analfabeta è anche una persona che sa scrivere il suo nome e che magari aggiorna il suo status su Facebook, ma che non è capace “di comprendere, valutare, sintetizzare gli eventi reali e farsi coinvolgere per intervenire attivamente nella società”.

E’ in grado di leggere e scrivere, ma non è capace di costruire un’analisi che tenga conto anche delle conseguenze indirette, collettive, a lungo termine, lontane per spazio o per tempo.

Tullio De Mauro, uno dei più grandi linguisti del nostro Paese, rivestì anche la carica di Ministro della Pubblica Istruzione, nei suoi studi aveva cercato di definire l’analfabetismo funzionale richiamando l’attenzione dei suoi illustri colleghi sul peso che esso ha sulle vicende linguistiche e, ovviamente, sociali in Italia.

L’ analfabetismo funzionale è oggettivamente un instrumentum regni, un mezzo eccellente per attrarre e sedurre molte persone con corbellerie e mistificazioni, ed è per questo che solo il 30% degli italiani riesce a capire come funzioni la politica compresi i suoi discorsi, esiste anche una correlazione stretta con l’economia.

Tullio De Mauro

Come sconfiggere l’analfabetismo funzionale e quindi il covid-19 e green pass

Le vicessitudini attuali stanno evidenziando quotidianamente alla luce del sole, la problematica sociale sommersa, ignorata e accantonata dell’analfabetismo funzionale che funziona solo a vantaggio dei mass-media e classe politica.

Il problema è dannatamente serio, attuale e drammaticamente esteso come un tumore e pertanto sono necessarie urgenti contromisure. Per affrontare con successo il fenomeno dell’analfabetismo funzionale occorre, in primis, restituire il giusto valore a due elementi fondamentali: la famiglia e la scuola.

Proteggendo i valori intrinseci della famiglia e restituendo la dignità al corpo scolastico: bidelli, insegnanti, studenti tutti tesi a convergere le forze per indirizzare la Scuola al piacere di imparare facendo domande, stimolando la curiosità e conseguentemente il pensiero critico.

Lo strumento più valido è senza dubbio la lettura che stimola il cervello ai quei processi necessari per sviluppare comprensione, riflessione e sintesi, tutti fattori necessari per stimolare e sviluppare, giorno dopo giorno, la capacità cerebrale umana più potente e pertanto temuta anche dal World Economci Forum: il PENSIERO CRITICO!

Se sei arrivato a leggere fino in fondo l’articolo allora adesso capirai meglio perchè sono solito chiudere e congedarmi dai miei lettori con il mio seguente motto:

L’informazione è libertà, l’ignoranza è schiavitù!

FONTI

1 – https://www.exagogica.com/it/news/lotta-analfabetismo-funzionale-gli-strumenti-logici-di-base.html

2 – https://www.oecd-ilibrary.org/education/skills-matter_9789264258051-en

3 – https://www.pupia.tv/2015/08/home/gli-italiani-detengono-record-mondiale-di-analfabetismo-funzionale/313978

4- https://tg24.sky.it/mondo/2019/09/06/analfabetismo-funzionale-italia

5 – https://www.mauriziosaliani.it/il-70-degli-italiani-non-capisce-quello-che-legge-ma-neanche-quello-che-vota/

6 – https://simbolweb.com/2019/09/italia-analfabeti-funzionali-social/

7 – https://www.truenumbers.it/analfabetismo-funzionale-italia-ocse/

8 – https://asnor.it/it-schede-39-italia_sette_adulti_su_dieci_soffrono_di_analfabetismo_funzionale

9 – https://www.laretenonperdona.com/il-70-degli-italiani-non-capisce-quello-che-legge-buon-25-aprile/

10 – https://www.weforum.org/agenda/2019/10/improve-critical-thinking-why-important/

11 – https://widgets.weforum.org/nve-2015/chapter1.html

12 – http://www3.weforum.org/docs/WEF_Schools_of_the_Future_Report_2019.pdf

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Il Ficcanaso

Il Ficcanaso è un libero cittadino che impegna il proprio tempo ad informarsi sugli eventi che accadano alla costante ricerca della verità per poterla condividere con i propri simili. L'informazione è Libertà, l'ignoranza è schiavitù! Segui i miei articoli : https://www.databaseitalia.it/rubriche/il-ficcanaso/

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabrice

Ho scritto due commenti e non sono stati ancora pubblicati!

Domanda: si può sapere il motivo per il quale i miei due commenti non sono stati ancora pubblicati?

ilficcanaso

Perchè prima di pubblicare i commenti dobbiamo leggerli e verificare che non ci siano insulti o simili. Non siamo una redazione giornalistica e non abbiamo sostegno di finanziamenti statali per cui appena il primo di noi ha tempo si impegna a leggere i commenti e poi se non ci sono insulti, pubblicarli.

Fabrice

3. “Brutte notizie: i complottisti hanno ragione, è provato”, Libreidee, gennaio 2014

Oggi è di moda l’accusa di “complottismo”. D’altra parte come possiamo pensare che chi stia al potere non dica il vero? Visto che viviamo nel regno della libertà e della trasparenza, come possiamo criticare le nostre fonti informative? Come possiamo pensare che qualcosa di essenziale non ci sia stato detto? In tempi di mobilitazione strategica lo stesso fatto di pensare criticamente è di per sé eversivo. Il culmine della nostra libertà personale sembra sia accettare che i mezzi di comunicazione ci liberino dal fardello della critica. Nel marzo del 2010, Bashar al-Assad, il futuro tiranno siriano, fu decorato ufficialmente da Napolitano, il nostro Presidente della Repubblica. Per la precisione il figlio di suo padre, che all’epoca era buono, meritava il nostro elogio ed ebbe effettivamente la più alta decorazione del nostro paese. L’evento fu realmente memorabile. Assad entrava ufficialmente nel palco dei nostri migliori alleati, assieme al beneamato colonnello Gheddafi.
Il presidente siriano venne dunque insignito col più importante titolo onorifico italiano, quello di “Cavaliere di Gran Croce  al merito della Repubblica italiana”. Il titolo sanciva l’inizio di un’alleanza talmente “profonda” che sarebbe finita, di lì a pochi mesi, con l’accusa di essere a capo di uno ‘Stato canaglia’. Pochi anni prima, nel 2007, il comandante supremo delle forze Nato in Europa dal 1997 al 2000, generale Wesley Clark, aveva letteralmente sbigottito il suo uditorio in un incontro pubblico a San Francisco. Rendeva di pubblico dominio un breafing avuto poco dopo l’11 settembre 2001. Sosteneva di essere stato messo al corrente dal vice-presidente Cheney e dal ministro della Difesa Rumsfeld dell’intenzione dell’amministrazione di scatenare una serie di guerre contro Siria, Iraq, Libano, Libia, Somalia, Sudan e Iran.
L’obiettivo era trasformare il “volto” del Medio Oriente prima di essere costretti ad accettare la sfida strategica della prossima superpotenza emergente. Il generale Clark sosteneva che, per costoro, l’esercito americano doveva servire per scatenare guerre e per far cadere governi e non per rafforzare la pace e la stabilità. La sua opinione era che un gruppo di persone avesse preso il controllo del paese con un colpo di Stato politico. Si trattava di inventarsi nemici per destabilizzare intere aree geografiche e dare così vita a nuovi scenari geopolitici. La strategia americana era sostanzialmente quella di produrre caos: seminare vento per raccogliere tempesta.

Proseguimento:

http://www.libreidee.org/2014/01/brutte-notizie-i-complottisti-hanno-ragione-e-provato/

Degno di particolare nota il seguente passaggio iniziale dell’articolo:

Il culmine della nostra libertà personale sembra sia accettare che i mezzi di comunicazione ci liberino dal fardello della critica

ilficcanaso

Una democrazia è tanto forte quanto il popolo che la costituisce.

Fabrice

Se in Italia uno su quattro è analfabeta funzionale e allora non si capisce come mai sempre in Italia solo uno su quattro non si è fatto punturare per queste terapie geniche sperimentali inutili e rischiose per la salute umana, è evidente che più di qualcosa non torna!!

Ecco degli spunti affinché i conti tornano!!

1.”Sono tanto semplici gli uomini e tanto obbediscono alle necessità presenti, che colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare” , Niccolò Machiavelli

2. Complottisti e anticomplottisti
di Stefano Sissa per L’Interferenza, pubblicato da AE, 21 luglio 2017

https://www.ariannaeditrice.it/articoli/complottisti-e-anticomplottisti

Breve commento.

La maggior parte della gente nei paesi occidentali purtroppo crede ancora alla “Teoria del Mondo Giusto” e questo si ricollega alla brillante e geniale intuizione ( per quei tempi ) di Niccolò Machiavelli riportata nel punto precedente e quindi questa è la ragione fondamentale per la quale questa Fake pandemia ha attecchito così facilmente!!

PS continua nel prossimo post!

ilficcanaso

La vera percentuale di Italiani NON vaccinati ovvero che non hanno nemmeno subito la prima dose sono il 45%! Fonte sicura e di mia personale fiducia. Per cui in Tv raccontano favole per bambini, trasmettono notizie per piegare i piu deboli mentalmente.

Ottavio Genziani

Strano, L’Australia che è messa al primo posto di questa classifica quanto a gente capace di pensare è quella che in questi giorni subisce le peggiori vessazioni. Mentre Israele ed Italia che dono oll’opposto sono tra i più vessati qui da noi. Non vi è dunque legame tra le due cose?

ilficcanaso

L’Australia che è messa al primo posto di questa classifica quanto a gente capace di pensare è quella che in questi giorni subisce le peggiori vessazioni.
ESATTO!
La gente non accettava la mutanda facciale, protestava molto di piu che negli altri nazioni e pertanto il governo sta usando la linea dura quella della coercizione!
Guarda in Italia, prendo esempio del Paese in cui viviamo, la gente esce di casa con la mutanda in faccia nonostante non ci sia alcun obbligo. Nel DPCM è scritto che la mutanda va portate con se ed indossata qualora non fosse possibile rispetare la distanza.

Chiaramente nessun essere umano intelligente e dotato di pensiero critico bloccherebbe la propria via di accesso alla respirazione. Io non l’ho mai indossata.

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!