Home Cybersecurity Laptop From Hell: 459 violazioni legali rintracciate nel computer di Hunter Biden

Laptop From Hell: 459 violazioni legali rintracciate nel computer di Hunter Biden

0

Marco Polo, un’organizzazione no-profit fondata dall’ex dipendente della Casa Bianca di Trump Garrett Ziegler, ha pubblicato un’analisi di 630 pagine del “laptop dall’inferno” di Hunter Biden. Il rapporto fornisce una tabella di marcia per i deputati e i pubblici ministeri del Congresso GOP per perseguire le accuse contro il figlio del presidente Joe Biden e i suoi soci in affari.

GARRETT ZIEGLER SVELA LA CORRUZIONE DEL DEEP STATE AMERICANO

Tuttavia, non è stata solo la censura dei conservatori, ma anche la soppressione di informazioni dannose riguardanti importanti figure democratiche, in particolare l’ex vicepresidente Joe Biden e suo figlio Hunter. A partire dal 14 ottobre 2020, il New York Post ha pubblicato una serie di denunce derivanti dal laptop di Hunter Biden, in seguito etichettato come “computer portatile dall’inferno”, che hanno fatto luce sui suoi oscuri accordi con i soldi stranieri e sul presunto scambio dell’influenza politica di suo padre per denaro freddo e duro.

Quasi immediatamente, Twitter e Facebook sono intervenuti per limitare la circolazione dell’articolo bomba. Tuttavia, Twitter è andato anche oltre, vietando completamente la condivisione della storia di Biden del giornale. Da parte loro, 51 ex alti funzionari dell’intelligence il 19 ottobre 2020 hanno emesso una lettera intitolata “Dichiarazione pubblica sulle e-mail di Hunter Biden”, in cui affermavano che il “laptop dall’inferno” di Hunter aveva “tutti i classici segni di un’operazione russa”. La lettera è stata ampiamente citata dai politici democratici statunitensi e dai media mainstream per minimizzare ed emarginare la bomba.

Come si è scoperto in seguito, la soppressione della storia di Hunter aveva tutte le caratteristiche della classica operazione di controllo dei danni, che coinvolgeva le Big Tech, i media mainstream, l’establishment dell’intelligence statunitense e funzionari democratici. Il contenuto del disco rigido di Hunter Biden ha dimostrato di essere autentico dagli analisti forensi.

La nostra intervista a Garret Ziegler

COVID, “grande bugia” e “terroristi domestici”

Sotto Joe Biden, gli attacchi ai dissidenti con il pretesto della lotta alla “disinformazione” sono andati oltre. Nel luglio 2021, l’allora segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha suscitato un’ondata di critiche da parte del GOP sulla presunta collusione tra la Casa Bianca e Big Tech. Ha detto specificamente ai giornalisti che “non dovrebbe sorprendere il fatto che siamo regolarmente in contatto con le piattaforme dei social media”.

I giganti dei social media hanno intensificato la segnalazione e il divieto dei dissidenti per aver messo in dubbio le origini e la gestione da parte del governo della pandemia di COVID o per discutere di presunte irregolarità di voto e frodi elettorali etichettate dall’amministrazione Biden come “Grande bugia”. Così, nel luglio 2021, Twitter ha sospeso definitivamente diversi account dedicati agli audit delle elezioni del 2020 in Arizona, Wisconsin, Nevada, Pennsylvania, Michigan e Georgia.

In precedenza, nel maggio 2021, è stato riferito che l’amministrazione Biden aveva pianificato di incaricare aziende private di infiltrarsi nei gruppi di social media privati ​​per monitorare i cosiddetti “terroristi domestici” dopo le proteste del 6 gennaio 2021 in Campidoglio. Questi appaltatori privati ​​dovevano lavorare per le agenzie federali statunitensi come il Department of Homeland Security (DHS), che sono limitate nel modo in cui possono spiare i cittadini statunitensi online senza un mandato.

Approfondimenti:

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleLo Zimbabwe minaccia di incarcerare la dottoressa Jackie Stone per aver prescritto trattamenti Covid off-label
Next articleATTENZIONE A SOSTENERE LA RUSSIA
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments