Home Deep State Le CHIUSURE continuano nel 2022: la produzione di alluminio, rame, ferro, acciaio...

Le CHIUSURE continuano nel 2022: la produzione di alluminio, rame, ferro, acciaio viene interrotta a ritmi allarmanti

26
0

Nel 2020, le chiusure globali sono state pubblicizzate, spinte ed elogiate da funzionari governativi e organizzazioni multinazionali in tutto il mondo. 

Tuttavia, nel 2022, gli SHUTDOWNS hanno avuto luogo in modo discreto, di nascosto, ma intere industrie sono state assediate. Le politiche anti-carbonio, anti-fertilizzanti, anti-petrolio e anti-carne hanno avuto il loro tributo. Le sanzioni in tempo di guerra contro la Russia stanno creando un grave contraccolpo economico. Inoltre, gli impianti di produzione alimentare vengono rasi al suolo e portati alla bancarotta in tutto il mondo. Anche i produttori di alluminio, rame, ferro e acciaio vengono abbattuti a un ritmo allarmante in tutto il mondo. 

Ecco un elenco di alcune delle più recenti rimozioni di fonderie di alluminio e rame, produttori di ferro e acciaio e vari produttori di minerali.

La produzione ridotta e le chiusure complete si verificano a livello globale per ferro, acciaio, alluminio, rame, zinco e oro

  • UNIPROMKAP, l’unica fonderia di alluminio in Montenegro, è stata chiusa definitivamente per non aver pagato l’aumento del costo dell’elettricità. Il fornitore di elettricità non è stato in grado di fornire un prezzo economico per i consumi, costringendo la fonderia di alluminio a chiudere definitivamente i battenti.
  • MMG LTD LAS BAMBAS, una miniera di rame in Perù, è andata offline nel febbraio 2022. Gli attivisti hanno bloccato la strada per la miniera, chiudendone le operazioni.
  • ARCELORMITTAL SA, un’ex grande acciaieria ucraina, ha chiuso le sue attività a marzo dopo che diverse società straniere hanno ceduto sotto pressione all’invasione della Russia, rendendo l’acciaieria antieconomica.
  • Lo stabilimento di Liberty Steel a Rotherham, nel Regno Unito, non è riuscito a tenere il passo con l’aumento dei costi dell’elettricità e non ha avuto altra scelta che interrompere completamente la produzione.
  • Il produttore di acciaio SALZGITTERAG in Germania ha ridotto significativamente le sue operazioni di fusione a marzo nello stabilimento di Peine, licenziando molti lavoratori nel processo.
  • L’acciaieria SESTAO di ARCELORMITTAL SA a Olaberria, in Spagna, è stata costretta a chiudere a marzo dopo aver sopportato gli elevati costi dell’elettricità. Da allora le operazioni sono state intermittenti.
  • Gli elevati costi energetici hanno anche costretto il Gruppo Celsa a ridurre la produzione di acciaio a Barcellona. I loro forni funzionano in modo intermittente, poiché il mulino si adatta ai picchi dei prezzi dell’energia.
  • L’Acerinox Steel Plant, il più grande produttore di acciaio in Spagna, è andato offline a marzo. Da allora l’azienda ha chiuso la sua attività a Cadice.
  • La miniera di Cuajone del Southern Copper Corps, il secondo più grande produttore di rame del Perù, ha sospeso le attività dopo che gli attivisti hanno interrotto l’accesso all’acqua e alla ferrovia dell’azienda.
  • CODELCO’S VENTANASC, una fonderia di rame leader in Cile, ha chiuso la sua fonderia di Ventanas,
  • L’acciaieria italiana ACCIAIERIE D’ITALIA ha chiuso quasi tutte le attività dopo che i costi di produzione sono diventati insormontabili. L’azienda dispone di un solo altoforno ancora in funzione.
  • NORSK HYDRO, importante fonderia di alluminio in Europa, ha chiuso il suo stabilimento in Slovacchia nell’agosto del 2022. I prezzi dell’elettricità continuano a esercitare pressioni sulle fonderie di alluminio in tutta Europa.
  • La Columbia Steel Casting Company di Portland, nell’Oregon, ha chiuso la fabbrica in ottobre, ponendo fine a un’operazione vecchia di più di un secolo.
  • La fonderia di alluminio Talum sta riducendo la sua produzione di alluminio del 20% a causa dei costi energetici. La produzione è in calo a doppia cifra anche per diverse fonderie, tra cui Dundee Precious Metals dalla Bulgaria, Oz Minerals dall’Australia, BHP Group, un produttore di minerale di ferro dall’Australia, Aura Minerals, un produttore di oro dall’Honduras, Vale SA dal Brasile, Fortress Minerals da Malesia, First Quantum Minerals dal Canada e operazioni di fusione del rame anglo-americane da Sud Africa, Camerun, Brasile e Australia.

Le ripercussioni di questi arresti climatici si faranno sentire a livello globale nel 2023 e oltre.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleÈ ora che medici e politici smettano di ignorare i dati devastanti sui vaccini e cambino rotta
Next articleUSA, AL CONGRESSO LA PROPOSTA DI LEGGE PER RISTABILIRE IL GOLD STANDARD DEL DOLLARO