Database Italia

LE COMPAGNIE AEREE CHIEDONO IL PASSAPORTO DIGITALE SANITARIO

Tre gruppi commerciali di compagnie aeree chiedono l’adozione dei passaporti sanitari digitali CommonPass del World Economic Forum sostenuto da Rockefeller.

Oneworld, Star Alliance e SkyTeam – tre dei più grandi gruppi di compagnie aeree globali che insieme rappresentano il 60 percento della capacità aerea mondiale dei passeggeri – hanno rilasciato una dichiarazione che elogia le app di pre-autorizzazione sanitaria su smartphone come il CommonPass, esortando i governi a eliminare lo strumento delle “quarantene e dei lockdown e adottare invece la tecnologia sanitaria digitale.

Le compagnie aeree hanno espresso soddisfazione per i recenti test di CommonPass, che pretende di offrire uno standard internazionale affidabile per documentare la conformità di un passeggero alle norme sanitarie Covid-19, nonché un recente rapporto dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO).

” Un protocollo robusto per i test … dimostrerà che il viaggio aereo non è una causa materiale di infezioni e aprirà la strada alla creazione di un quadro di fiducia tra le nazioni “, ha affermato Jeffrey Goh, CEO di Star Alliance, in una dichiarazione congiunta pubblicata dai tre gruppi il mercoledì.

CommonPass – l’unica app citata nella dichiarazione – mira a consentire ai viaggiatori di aggirare il periodo di quarantena obbligatorio di molti paesi certificando la loro buona salute prima di salire a bordo dell’aereo utilizzando misure di test concordate a livello internazionale. Una volta che un vaccino contro il nuovo coronavirus sarà disponibile, l’app certificherà anche che un viaggiatore lo ha ricevuto. Secondo le statistiche dell’International Air Transport Association (IATA) raccolte tra gennaio e maggio, i viaggi in entrata verso paesi che richiedono la quarantena per due settimane dei nuovi arrivi sono diminuiti quasi quanto i viaggi in paesi con frontiere chiuse.

Gli amministratori delegati delle compagnie aeree sembrano aver riposto le loro speranze sull’idea che i viaggiatori del mondo siano così pazzi dopo i divieti di viaggio che salteranno volentieri attraverso questo ultimo cerchio orwelliano in cambio della possibilità di prendere il volo ancora una volta . ” Con ampie restrizioni di viaggio che creano molta incertezza per i clienti, i test possono svolgere un ruolo nel consentire il riavvio sicuro dei viaggi “, ha affermato il CEO di OneWorld Rob Gurney nella dichiarazione congiunta, suggerendo che uno standard ” coerente, scalabile ed economico ” fornirebbe chiarezza e fiducia nei confronti di clienti, compagnie aeree e altri stakeholder. 

CommonPass è stato lanciato a luglio dal Commons Project, dal World Economic Forum e dalla Rockefeller Foundation in collaborazione con ” 350 leader del settore pubblico e privato di 52 paesi “, secondo il suo sito web, che fornisce poche preziose informazioni sulle sue origini è stata fondata con i soldi della Rockefeller Foundation. L’obiettivo dichiarato del progetto è quello di ” aiutare a ricostruire la cooperazione internazionale ” mentre i paesi si muovono verso la riapertura dei loro confini sulla scia della pandemia Covid-19. Molti paesi rimangono completamente o parzialmente chiusi e i viaggi internazionali si sono ridotti a un rivolo, mettendo a rischio 190 milioni di mezzi di sussistenza e costando all’economia mondiale ben 5,5 miliardi di dollari, secondo il World Travel and Tourism Council.

Mentre CommonPass limita il suo campo di applicazione al passaporto e alle informazioni sanitarie, l’idea – uno standard internazionale affidabile per la condivisione di quelle che altrimenti sarebbero informazioni private – ricorda da vicino il programma Known Traveler Digital Identity del WEF, che precede il Covid-19. Un ID digitale per tutti gli usi, KTDI combina i record di viaggio e stato di salute di CommonPass con dati finanziari, relazioni sociali e, forse, informazioni comportamentali più inquietanti. Sebbene il WEF non abbia esplicitamente riconosciuto la sovrapposizione tra CommonPass e KTDI, ha ammesso di ”  pilotare componenti del concetto KTDI in un contesto reale e transfrontaliero ” e di ” impegnarsi con organizzazioni internazionali “, inclusi due standard globali delle compagnie aeree .

Il test CommonPass del mese scorso ha monitorato i volontari dall’aeroporto di Heathrow di Londra all’aeroporto di Newark Liberty degli Stati Uniti. Londra ha anche svelato un sito di test pre-partenza che consente ai passeggeri che volano a Hong Kong e in Italia di sottoporsi a test rapidi Covid-19 prima del check-in. Tuttavia, i test diagnostici rapidi hanno dimostrato di essere ancora meno accurati della PCR ” gold standard ” test, che gli esperti hanno riconosciuto essere troppo sensibile per distinguere correttamente tra casi asintomatici in grado di diffondere il virus e individui che non sono né sintomatici né contagiosi.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments