CoronavirusSaluteSocietà

Le Crudeltà Che Abbiamo Inflitto Ai Bambini Sotto La Bandiera Del Covid-19 Non Sono Etiche Ma Immorali, Stiamo Devastando Un’Intera Generazione

Un anno di blocchi, di mascherine, isolamento e la privazione per giovani di vedere amici e nonni ha causato un’ondata di tentativi di suicidio, autolesionismo e altri problemi di salute mentale. Questo DEVE finire.

Scorrendo Twitter l’altro giorno, mi sono imbattuto in un tweet su un preoccupante aumento del numero di bambini e giovani che hanno pensieri suicidi. 

Il Tweet afferma che il Boston Children’s Hospital ha riportato un aumento del 47% “nei bambini che necessitano di essere ricoverati in ospedale per ideazione o tentativi di suicidio”, tra luglio e ottobre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

Così ho iniziato a fare ricerche e nel farlo ho cercato di contattare organizzazioni che si occupano della salute mentale dei giovani.

Un’organizzazione britannica per la prevenzione dei suicidi a cui ho inviato un’e-mail per informazioni sulla correlazione tra le restrizioni di blocco e l’aumento dei suicidi di bambini (e adulti) ha invece minimizzato gli effetti dei blocchi e ha messo in guardia contro il fatto di scrivere di bambini che ne sono stati colpiti.

Il suo portavoce mi ha detto: “Siamo davvero ansiosi di evitare qualsiasi narrativa mediatica che suggerisca che il suicidio è una conseguenza inevitabile della pandemia e delle sue restrizioni, in quanto ciò può essere dannoso per i lettori vulnerabili e indurre un senso di disperazione durante questi tempi incerti. . “

Anche se non sto dicendo che il suicidio è una conseguenza inevitabile delle restrizioni del Covid-19, chiaramente ci sono forti correlazioni tra un anno di blocchi, isolamento, privazione dei bambini dal vedere amici, compagni di classe e nonni, costringendoli a indossare maschere e altre misure e un aumento dei suicidi infantili, autolesionismo e aumento dei problemi di salute mentale in generale.  

L’organizzazione del Regno Unito (di cui tralascerò il nome perché, sebbene sia critico nei confronti della loro prospettiva su questi temi, non voglio offuscare la loro reputazione per il possibile lavoro salvavita che altrimenti farebbero), ha deviato sulla questione della correlazione, dicendo:

“Attualmente non ci sono prove di un aumento nazionale dei tassi di suicidio, i dati in tempo reale non sono ancora disponibili per determinare il vero impatto su particolari gruppi di popolazione o aree geografiche”.

Ma questo semplicemente non è vero. 

Come riportato nel gennaio 2021, il Centro britannico per la salute mentale ha rivelato che “500.000 bambini sotto i 18 anni in Inghilterra, senza problemi precedenti, avranno bisogno di cure mentali a causa delle devastanti pressioni economiche, sanitarie e familiari causate dalla crisi del coronavirus in corso. Ciò si è manifestato in bambini di età inferiore a cinque anni che denunciavano autolesionismo e pensieri suicidi ai consulenti e triplicavano il numero di disturbi alimentari segnalati dagli adolescenti “.

Un articolo del mese successivo, citando il diario di un medico britannico, ha rivelato: “I bambini in crisi di salute mentale venivano portati al pronto soccorso circa due volte a settimana. Dall’estate è stato più come una o due volte al giorno. Alcuni di appena 10 anni si sono tagliati, sono stati vittime di overdose o hanno cercato di asfissiarsi “.

L’aumento del numero di bambini che si suicidano, hanno pensieri suicidi e autolesionismo sta accadendo in tutto il mondo. Un rapporto del dicembre 2020 dell’American Academy of Pediatrics ha rilevato “un tasso significativamente più alto di ideazione suicidaria a marzo e luglio 2020 e tassi più elevati di tentativi di suicidio a febbraio, marzo, aprile e luglio 2020, rispetto agli stessi mesi del 2019 . “

Un articolo del 20 gennaio 2021 citava il direttore esecutivo dell’Ufficio dei servizi per i giovani di Ottawa: “Stiamo assistendo a un aumento di circa il 30-40% di coloro che contattano i servizi per le crisi di salute mentale. Stiamo assistendo a un raddoppio delle chiamatedi di giovani o delle loro famiglie perché sono preoccupati per manifestazioni suicide “.

Un comunicato stampa dell’UNICEF Canada del marzo 2021 osservava : “La pandemia di COVID-19 e i blocchi che hanno interrotto ogni aspetto dell’infanzia di un bambino e di un giovane è un triste promemoria dei sacrifici compiuti dai giovani nell’ultimo anno. Per i bambini che subiscono violenza, abbandono o abusi a casa, i blocchi hanno lasciato molti bloccati senza il sostegno di insegnanti, famiglie allargate e comunità “. 

Un articolo del 15 marzo sul McMaster Children’s Hospital di Hamilton, iniziava: “Le misure di sicurezza pandemiche hanno avuto un impatto negativo su alcuni aspetti della salute di bambini e adolescenti”.

Ha citato un triplice aumento di giovani ammessi per assistenza medica dopo un tentativo di suicidio, con i giovani che hanno segnalato una “mancanza di interazione sociale, un aumento dei conflitti a casa e l’incapacità di fare affidamento sugli amici come contributori principali” come fattori che contribuiscono alla loro situazione difficile.

L’articolo ha anche notato un aumento delle ammissioni per abuso di sostanze ( “raddoppiate rispetto allo scorso anno” ) e tassi “senza precedenti” di disturbi alimentari, con segnalazioni in aumento “del 90% in un periodo di quattro mesi, rispetto allo scorso anno”. 

In Francia, i medici hanno segnalato che bambini di età inferiore a 8 anni “si imbattono deliberatamente nel traffico di droga, assumono overdose di pillole e si autolesionano”.

Lo stesso articolo diceva che un medico che lavorava in un’infermeria del nord dell’Inghilterra “era solito curare uno o due bambini a settimana per emergenze di salute mentale, compresi i tentativi di suicidio. La media ora è più vicina a uno o due al giorno, a volte coinvolge bambini di appena 8 anni “.

A marzo, la Foundation for Economic Education ha pubblicato un articolo che affermava: “Quando si tratta di blocchi, abbiamo ampiamente documentato le conseguenze non intenzionali di FEE, tra cui isolamento , depressione , suicidio , disoccupazione , abuso di droghe , violenza domestica e altro ancora . “

Le prove sono in modo schiacciante chiare: c’è un grave aumento del suicidio di minori, tentativi e pensieri di suicidio, autolesionismo e problemi di salute mentale che possono essere attribuiti direttamente al risultato delle misure Covid-19 applicate ai bambini, inclusi molti senza precedenti di problemi di salute mentale.

L’abolizione delle misure di blocco aiuterebbe i bambini a guarire 

I blocchi si basano sia sulla premessa che sono necessari per “appiattire la curva”, come si diceva un anno fa, sia per proteggere le persone. 

Ora (i pali della porta spostati), sono apparentemente necessari fino a quando tutti non saranno vaccinati (con vaccini e sieri creati frettolosamente e che hanno sollevato non poche preoccupazioni per i loro effetti collaterali oltre che per la loro potenziale inefficacia ( ad esempio coaguli di sangue o morte ).

Le diverse fasi dei blocchi si basano in gran parte sui rapporti incessanti di crescenti “casi” di Covid-19. 

I casi sono determinati dai test Covid-19, che si sono dimostrati inaffidabili e imprecisi (Vedi qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui e qui) dando falsi positivi e creando un’immagine falsata della realtà. Questo test difettoso sta esacerbando il clamore dei media sui “casi in aumento”. 

O come notato nel dicembre 2020, anche l’Organizzazione mondiale della sanità, “ha pubblicato un promemoria di guida il 14 dicembre, avvertendo che le soglie di ciclo elevato sui test PCR provocherebbero falsi positivi”.

I media sensazionalisti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 a cui siamo stati sottoposti nell’ultimo anno sono una delle principali cause di ansia, paura, depressione e disperazione. 

Parlare onestamente degli impatti negativi di blocchi, isolamento, mascheramento e dei conseguenti problemi di salute mentale è qualcosa che dobbiamo fare. 

Un’iniziativa canadese, Save Our Youth , ha prodotto una serie di brevi video di genitori che parlano di come i blocchi stanno influenzando i loro figli. La coalizione incoraggia gli altri a inviare le proprie clip.

Il giornalista Robert Bridge ha recentemente scritto : “Ai bambini è stato insegnato a guardarsi l’un l’altro con cautela, come fabbriche chimiche ambulanti capaci di infettare e persino uccidere, al contrario gli altri esseri umani possono fornire amore, conforto e sostegno. 

“Abbiamo fatto la cosa più inconcepibile che si possa immaginare, costringendo i bambini piccoli – nei momenti più importanti della loro vita – ad aderire alle regole di distanziamento sociale mentre chiudevano le loro scuole e li imprigionavano nelle loro case. Questa è semplicemente una punizione crudele e insolita. In una parola, si tratta di abusi sui minori “.

L’organizzazione britannica per la prevenzione del suicidio che ha deviato la correlazione tra blocchi e aumento dei suicidi infantili e autolesionismo rende ai bambini un disservizio . 

I blocchi e le misure correlate sono, a mio parere e di molti altri, le ragioni principali della sofferenza dei bambini. Prima torniamo alla normalità, solleviamo i blocchi e terminiamo il mascheramento dei bambini, prima i nostri piccoli inizieranno a guarire e vivere in modi benefici per la loro salute fisica e mentale.

Tuttavia, sono d’accordo con la guida dell’organizzazione per “ricordare alle persone che il suicidio è prevenibile incoraggiando la ricerca di aiuto e includendo fonti di aiuto”. E che genitori e persone care prestino molta attenzione a qualsiasi cambiamento nel comportamento nei bambini (o negli adulti) che potrebbero soffrire in silenzio.

Recentemente, l’editore del Toronto Sun ha dichiarato : “Tenere i bambini sotto chiave così tanto in quarantena, non lasciarli interagire con il loro ambiente naturale come farebbero normalmente, correrà il rischio di danneggiare il loro sistema immunitario, sviluppano allergie, asma e persino malattie autoimmuni più avanti nella vita perché non hanno un’esposizione naturale all’atmosfera microbica là fuori.

“Non è etico, è immorale, ignorare i danni che vengono arrecati ai nostri figli nella misura in cui li stiamo ignorando come società”. 

Sono assolutamente d’accordo. Dovremmo fare tutto il possibile per proteggere i bambini da blocchi, maschere potenzialmente tossiche , isolamento e dai problemi di salute mentale che ne derivano.

 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!