CoronavirusSaluteScienza e Tecnologia

Le mascherine contengono biossido di titanio tossico. Cosa rivelano le e-mail di Fauci sul loro utilizzo?

Nel febbraio 2022, uno studio pubblicato su Nature ha rivelato che livelli di biossido di titanio che “superavano sistematicamente il livello di esposizione accettabile” erano stati trovati nelle comuni mascherine per il viso utilizzate durante l’era del Covid. Di seguito alcuni estratti dell’abstract dello studio:

Sebbene il biossido di titanio (TiO2) sia un sospetto cancerogeno per l’uomo se inalato, sono state rilevate particelle di TiO2 (nano) di grado fibroso nelle fibre tessili sintetiche delle maschere per il viso destinate al pubblico. L’analisi STEM-EDX su sezioni di una varietà di maschere facciali monouso e riutilizzabili ha visualizzato particelle di TiO2 quasi sferiche agglomerate in tessuti non tessuti, poliestere, poliammide e fibre bicomponenti.

La massa stimata di TiO2 sulla superficie della fibra … ha superato sistematicamente il livello di esposizione accettabile al TiO2 per inalazione (3,6 µg), determinato sulla base di uno scenario in cui le maschere facciali sono indossate in modo intensivo.

Non sono state fatte ipotesi sulla probabilità del rilascio delle particelle di TiO2 stesse, poiché non è stato possibile valutare la misurazione diretta del rilascio e dell’assorbimento per inalazione quando si indossano le mascherine.

Questi risultati sollecitano una ricerca approfondita delle applicazioni della (nano)tecnologia nel settore tessile per evitare possibili conseguenze future causate da un uso scarsamente regolamentato e per attuare standard normativi che eliminano gradualmente o limitano la quantità di particelle di TiO2, seguendo il principio del “safe-by-design” .

Verleysen, E., Ledecq, M., Siciliani, L. et al. Le particelle di biossido di titanio spesso presenti nelle maschere per il viso destinate all’uso generale richiedono un controllo normativo. Rappresentazione sciistica 12, 2529 (2022). https://doi.org/10.1038/s41598-022-06605-w

Come ha osservato The Daily Skeptic , ciò concorda con uno studio precedente  in  Water Research , che ha trovato piombo, cadmio, antimonio e varie sostanze plastiche e organiche nelle maschere per il viso e ha affermato:

“La tossicità di alcune delle sostanze chimiche trovate e i rischi postulati del resto delle particelle e molecole presenti, solleva la questione se le maschere per il viso usa e getta siano sicure da usare su base giornaliera e quali conseguenze ci si possono aspettare dopo il loro smaltimento nell’ambiente”.

La scoperta del biossido di titanio utilizzato nelle maschere facciali potrebbe in qualche modo collegarsi a un curioso scambio di e-mail trovato nelle e-mail della “pistola fumante” di Fauci . Per contestualizzare queste e-mail, in primo luogo, esaminiamo cos’è il biossido di titanio e le preoccupazioni relative al suo utilizzo.


Panoramica sul biossido di titanio

Il biossido di titanio (TiO2), noto anche come ossido di titanio (IV) o titania, è l’ossido di titanio presente in natura.

Abbiamo brevemente esaminato le informazioni complete contenute nella pagina per il biossido di titanio sul sito Web di ScienceDirect e abbiamo estratto alcune informazioni per dare un’idea generale di cos’è il titania e a cosa serve. Vale la pena visitare la pagina per contestualizzare ciò che abbiamo estratto.

12.5.2.2 Nanocompositi con biossido di titanio

Il biossido di titanio è noto come uno dei fotocatalizzatori più favorevoli che può svolgere un ruolo importante nel risanamento ambientale.

15.1 Proprietà della nano titania e reazioni chimiche nella sua preparazione

Il nanotitania è uno dei primi nanomateriali ad essere applicato commercialmente. Ha una serie di proprietà superiori, come capacità di scattering super forte e anti-ultravioletti, speciali caratteristiche di elettromagnetismo e catalisi, in particolare la capacità di fotocatalisi che decompone i microbi e anche un’attività superficiale estremamente elevata; e possono essere utilizzati come principi attivi in ​​rivestimenti di alta qualità, cosmetici anti-ultravioletti, ceramiche per l’igiene, vetri autopulenti, materiali polimerici compositi, cellule fotoelettriche, ceramiche elettroniche, semiconduttori, catalizzatori, ecc. L’applicazione di nano titania è ancora in la fase di sviluppo iniziale e alcune possibili applicazioni di grande potenziale non sono ancora state messe in pratica, ad esempio il suo utilizzo come componente attivo della catalisi, ecc.

3.05.4.2.3 Titania NP

Le NP TiO2 [nanoparticelle] sono state utilizzate con successo nella tecnologia ambientale per il trattamento delle acque reflue e sotterranee, la rimozione del benzotiofene dal carburante diesel e la degradazione degli inquinanti atmosferici, in particolare ossido di azoto, ossidi di zolfo e composti organici volatili (Toma et al. ., 2006; Yu et al., 2006).

Oltre alle applicazioni del TiO2 come supporto catalizzatore (Djenadic et al., 2007), fotocatalizzatore a semiconduttore (Grätzel, 2001) e sensori (Ruiz et al., 2003), c’è anche un grande interesse per lo sviluppo di metodi sintetici ottenere NP TiO2 con elevata specificità morfologica come nanofibre, nanofili, nanorods e nanotubi (Wu et al., 2006) grazie alle loro potenziali applicazioni nella conversione dell’energia solare, fotocatalisi, dispositivi fotovoltaici e carrier per NP metallici (Zhu et al. ., 2005).

Il TiO2 è ampiamente utilizzato, come lo ZnO [ossido di zinco], nei filtri solari, per la sua capacità di assorbire i raggi UV. Tuttavia, la sua fotoattività, attraverso la produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS), potrebbe causare danni al tessuto cutaneo.

I microrganismi in presenza di luce (Oberdörster et al., 2007) sono influenzati negativamente dalle NP TiO2 a causa della produzione di ROS (Hirano et al., 2005). Questa evidenza sperimentale suggerisce che queste NP possono produrre stress ossidativo negli organismi acquatici. Ciò è stato confermato nella trota iridea, dove sono stati osservati danni infiammatori e distress respiratorio dopo l’esposizione a NP TiO2 (Federici et al., 2007; Reijnders, 2008).

È stato dimostrato che particelle di TiO2 di diverse dimensioni (10, 30 e 300 nm, come descritto dal produttore) inibiscono la crescita delle alghe, ma la modalità d’azione fisiologica non è ancora stata compresa (Hartmann et al., 2009).

Batterie Secondarie – Sistemi Ricaricabili al Litio – Ioni di Litio | Elettrodo positivo: ossidi metallici di transizione nanostrutturati

Il biossido di titanio, che è stato ampiamente utilizzato nei moderni dispositivi di accumulo e rilevamento dell’energia, ad esempio celle solari e biosensori sensibili al colorante, è anche un materiale anodico favorevole per le batterie agli ioni di litio. [DW Liu, GZ Cao, Y. Wang, Enciclopedia delle fonti di energia elettrochimica ]Biossido di titanio , ScienceDirect, recuperato il 1 settembre 2022

Nel 2013, i ricercatori cinesi hanno esaminato i dati tossicologici delle nanoparticelle di biossido di titanio. L’abstract dello studio, pubblicato su Particle and Fiber Toxicology , affermava:

La maggior parte della letteratura qui citata si è concentrata sul sistema respiratorio, mostrando l’importanza dell’inalazione come via principale per l’esposizione a TiO2 NP [nanoparticelle] sul posto di lavoro. Le NP TiO2 possono traslocare agli organi sistemici dal polmone e dal tratto gastrointestinale sebbene il tasso di traslocazione appaia basso.

L’esposizione orale avviene principalmente attraverso prodotti alimentari contenenti TiO2 NP-additivi. La maggior parte degli studi sull’esposizione dermica, sia in vivo che in vitro, riportano che le NP di TiO2 non penetrano nello strato corneo.

Nel campo della nanomedicina, l’iniezione endovenosa può fornire vettori di nanoparticelle di TiO2 direttamente nel corpo umano. Dopo l’esposizione endovenosa, le NP TiO2 possono indurre lesioni patologiche del fegato, della milza, dei reni e del cervello.

C’è anche un’enorme mancanza di dati epidemiologici sulle NP di TiO2 nonostante la sua maggiore produzione e utilizzo. Tuttavia, studi di inalazione a lungo termine nei ratti hanno riportato tumori polmonari.

Shi, H., Magaye, R., Castranova, V. et al. Nanoparticelle di biossido di titanio: una rassegna dei dati tossicologici attuali. Parte Fiber Toxicol 10, 15 (2013). https://doi.org/10.1186/1743-8977-10-15

È vero che il biossido di titanio si trova naturalmente in natura, ha scritto il dottor David Jockers . Sfortunatamente, questa particella presente in natura è un metallo attratto dalle impurità e i ricercatori stanno diventando più cauti nel raccomandarne la sicurezza per il consumo umano. Molte organizzazioni teoricamente progettate per proteggere la salute del pubblico hanno ignorato la possibilità che il biossido di titanio sia cancerogeno per l’uomo .

Sebbene sia necessario eseguire studi più approfonditi per valutare i vari fattori in cui le nanoparticelle creano complicazioni per la salute, le prove attuali supportano che le nanoparticelle rappresentano un rischio per la salute sufficiente per la rimozione di tali particelle dai prodotti. Gli animali esposti alle nanoparticelle mediante vari meccanismi come l’inalazione, l’assorbimento attraverso la pelle o l’ingestione, hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro sia nei polmoni che nella pelle.

Data la dimensione delle particelle di biossido di titanio e la carica elettrica, l’esposizione al minerale è stata collegata allo stress ossidativo e all’infiammazione cronica . Un aumento dello stress ossidativo nel corpo stimola il danno cellulare e del DNA.

Studi sugli animali hanno scoperto che le particelle di biossido di titanio possono essere scambiate lungo il tratto gastrointestinale. La conservazione del biossido di titanio è stata trovata in vari organi tra cui fegato, milza, reni e tessuto polmonare.

Il biossido di titanio è pericoloso? Il dottor Jockers

Nel maggio 2021, l’ Autorità europea per la sicurezza alimentare (“EFSA”) ha valutato che il biossido di titanio (E 171) non era più considerato sicuro se utilizzato come additivo alimentare.

… sono state identificate e valutate più di 200 pubblicazioni in cui sono stati studiati i possibili effetti genotossici del biossido di titanio. Dopo la valutazione dei dati disponibili, non è stato possibile escludere la preoccupazione per i possibili effetti genotossici del biossido di titanio. Pertanto, e a causa di numerose incertezze scientifiche, gli esperti dell’EFSA sono giunti alla conclusione che l’uso del biossido di titanio come additivo alimentare non può più essere considerato sicuro. Non è stata ricavata alcuna assunzione giornaliera accettabile.

Biossido di titanio: ci sono rischi per la salute? Berman Istituto Federale per la Gestione del Rischio (BfR), pag. 5

Le e-mail di Fauci “pistola fumante”.

Il 1 giugno 2021,  il Washington Post  e poi  BuzzFeed News  hanno pubblicato e-mail inedite del “massimo esperto di malattie infettive” del governo degli Stati Uniti, Anthony Fauci. Le e-mail sono state ottenute attraverso il Freedom of Information Act (“FOIA”), che consente ai giornalisti di richiedere e-mail interne al governo.

Entro il 3 giugno 2021, le e-mail erano state citate in tutti i media conservatori, con i commentatori che spesso le etichettavano come ” pistole fumanti ” e i legislatori del GOP tra cui il senatore Rand Paul (R-Ky.) Hanno riaffermato le loro  richieste affinché Fauci fosse sollevato dal suo doveri .

Ci sono riferimenti all’uso del biossido di titanio all’interno delle e-mail Fauci ricevute da BuzzFeed News e il contesto in cui si fa riferimento è a dir poco curioso. Le oltre 3.000 pagine di queste e-mail nella risposta FOIA possono essere trovate QUI .

Per dare un contesto alle e-mail relative al biossido di titanio vale la pena guardare un’intervista della CNBC rilasciata dal dottor Richard Tubb il 14 febbraio 2020. Il dottor Tubb è un generale di brigata dell’aeronautica statunitense in pensione che ha servito come medico della Casa Bianca per tre presidenti degli Stati Uniti. Al momento di questa intervista, il Dr. Tubb era un consulente di ACT.Global, una società tecnologica con sede a Copenaghen che sviluppa e fornisce consulenza su Premium Purity.

Durante la lettura delle e-mail di Fauci, tieni a mente gli effetti tossicologici del biossido di titanio. È curioso, per non dire altro, che non vi siano indicazioni che Fauci abbia considerato o addirittura messo in dubbio gli impatti sulla salute dell’inalazione.

Nel testo seguente, i numeri di pagina racchiusi tra parentesi quadre si riferiscono alla pagina in cui è possibile trovare l’e-mail nella risposta FOIA a BuzzFeed News .

Dieci giorni dopo la sua apparizione alla CNBC, il 24 febbraio 2020, il dottor Tubb ha inviato all’allora Segretario di Stato americano Stephen Biegun un’e-mail intitolata “ACT Additional reading material and developments” [ pag. 452-453 ]. I dettagli di questa email a Biegen non sono inclusi nella risposta FOIA.

Un paio d’ore dopo, Biegen ha inoltrato l’e-mail di Tubb ad Anthony Fauci affermando “Non so nulla delle tecnologie coinvolte, ma so che questo è il momento di non cancellare nessuna buona opzione”. Fauci ha subito risposto ringraziando Biegen per la sua “nota” e gli ha detto “[Dott. Tubb] mi ha inviato materiale simile e lo metterò in contatto con le persone del nostro programma qui al NIAID per vedere se possiamo aiutare in qualche modo.

Il giorno successivo Fauci ha chiesto a Cristina Cassetti , responsabile del programma presso NIH, di vedere se “possiamo coinvolgere Richard Tubb e vedere cosa ha da offrire”.

Poiché i dettagli dell’e-mail di Tubb del 24 febbraio a Biegen non sono inclusi nella risposta FOIA, non siamo in grado di accertare se un’e-mail inviata da Tubb a Fauci qualche settimana prima, alla fine di gennaio 2020, sia direttamente correlata, parzialmente o totalmente, al biossido di titanio. Ma la traccia di posta elettronica di gennaio è intrigante e fornisce ulteriori dettagli sull’argomento discusso da Tubb nella sua intervista alla CNBC.

ALTRI ARTICOLI SULLE MASCHERINE

Lo scambio di e-mail di gennaio è intitolato “Riduzione delle minacce pandemiche” [ pagg. 2916-2934 ]. Inizia con Fauci che inoltra un’e-mail del 30 gennaio 2020 da Tubb a Cassetti, in cc’d a Patricia Conrad , governo federale presso NIH. Fauci ha inoltrato l’e-mail con il commento: “E-0mail simile dal Dr. Tubb”. L’e-mail di Tubb affermava:

Buongiorno Tony.

Vista la vostra più recente nomina, volevo mostrarvi la cortesia di farvi sapere quanto ho già fornito ai vertici della Casa Bianca in merito a una possibile strategia di mitigazione fino a quando non sarà disponibile e attuata la soluzione definitiva al CoV.

La stringa seguente include informazioni aggiuntive su come il biossido di titanio può inserirsi sia nelle soluzioni della Casa Bianca che nelle soluzioni nazionali/internazionali e nel sito Web open source dell’azienda.

Tieni presente che, poiché questo prodotto è già approvato e in uso nell’UE per una varietà di usi commerciali, i dati forniti non riguardano specificamente le applicazioni a cui io e te siamo interessati . Tuttavia, con una profonda comprensione della missione della Casa Bianca, posso dire che non c’è un grande salto in quella migrazione di pensiero.

Il dottor Jackson ha già fornito lo stesso materiale ad alcuni dei vostri colleghi della Commissione della Casa Bianca. Mi metterò in contatto anche con un altro mio amico dell’amministrazione Bush-ora Trump, Steve Biegun .

Incoraggio i vostri rappresentanti a incontrare la dirigenza dell’azienda e gli scienziati mentre saranno negli Stati Uniti la prossima settimana. Per favore fatemi sapere se avete domande a cui posso rivolgermi. Grazie per essere ancora una volta in campo per il nostro Paese.

v/r

ps … Mi sono ricordato questa mattina dove io e te abbiamo parlato l’ultima volta: il funerale di Bush (41).

Leopold NIH FOIA Anthony Fauci eMail , [pag. 2916]

La “stringa sotto” l’e-mail di Tubb consisteva in due e-mail scritte da Tubb seguite da ciò che Tubb definisce “l’ultimo sitrep sul coronavirus”. I destinatari originali delle due e-mail non vengono visualizzati. La prima email, datata 30 gennaio, contiene quanto segue :

In primo luogo, il partner della joint venture in India si incontra con il governo indiano mentre parliamo. Sembra probabile che, alla luce della notizia dell’introduzione dell’India al virus corona, il governo utilizzerà il proprio “budget nazionale per la catastrofe” per accelerare i finanziamenti necessari per garantire ed eseguire un contratto con questa società.

In secondo luogo, allegherò il sito Web open source affinché l’azienda ti fornisca informazioni di base … È importante notare un paio di cose:

Questo prodotto è già provato ed è in uso nell’UE con tutte le approvazioni appropriate per lo stesso.

In secondo luogo, nella nostra lingua, questo è un “produttore di stallo”, ovvero lo si applica una volta e continua a decontaminare e disinfettare in background fino a 1-5 anni prima di ritirarsi. (A seconda del tipo di utilizzo, la normale pulizia quotidiana utilizzando la loro soluzione detergente, che è più economica ed efficace di quella che l’applicazione normalmente utilizzerebbe, ad esempio in un hotel, continua). La sostanza chimica tratta qualsiasi cosa organica, ad esempio batteri, virus, COV, minacce biologiche, ecc. Perché è un catalizzatore, non viene esaurito, né produce resistenza microbica o superbatteri. Decontamina e disinfetta le superfici (ad es. aeroplani e infrastrutture critiche governative) e l’aria intorno alla superficie (e filtri HVAC e unità di trattamento dell’aria).

La dirigenza sarà a Washington la prossima settimana. Incoraggio vivamente tutti i potenziali stakeholder a trovare il tempo per incontrarli mentre sono qui. A tal fine, avevo già inviato un’e-mail al Dr. Fauci … contatterò anche un vecchio amico e collega Steve BIEGUN ora che è nella commissione.

Leopold NIH FOIA Anthony Fauci eMail [pag. 2917-2918]

La prossima email nella stringa è datata 29 gennaio, sempre da Tubb e nessun dettaglio dei destinatari. Di seguito sono riportati alcuni estratti enfasi nostra:

Sono Dick Tubb, che scrive a nome dell’ammiraglio Jackson e del dottor Hofmann (entrambi qui copiati).

Alla luce della minaccia attuale e in evoluzione presentata dal virus corona, ti scrivo a titolo di cortesia per informarti di un progetto su cui l’ammiraglio Jackson, il dottor Hofmann e io abbiamo consultato . Crediamo così fortemente nella tecnologia, nelle persone e nel potenziale che abbiamo consultato pro bono e attualmente non abbiamo alcuna partecipazione finanziaria nel progetto.

Sebbene non sia stata sviluppata specificamente per tali scopi, credo sempre di più che fino a quando non sarà disponibile una vaccinazione e un trattamento per il virus corona, questa tecnologia potrebbe essere l’ultima migliore possibilità per contenere e sradicare il virus, proteggendo così la patria, la nostra economia, la Continuità della Presidenza, un governo costituzionale duraturo, il nostro popolo e il nostro Paese.

La tecnologia che fornisce la soluzione, sia ora che in futuro, prevede una formulazione unica di una soluzione fotocatalitica di nano biossido di titanio (i ragazzi dell’Air Force capiranno, ovviamente, cosa significa, quindi voi non dell’Air Force, semplicemente compra loro una birra e te lo spiegheranno) che è più sicuro, più efficace e più conveniente di qualsiasi altra soluzione. È stato sviluppato e approvato nell’UE e ho chiesto alla dirigenza senior dell’azienda di venire a Washington DC la prossima settimana.

Il dottor Hofmann e io abbiamo trascorso la giornata di ieri con un “titano” cinese rispettato e con accesso ai più alti funzionari governativi, giganti accademici e medici e capitani degli investimenti e dell’industria. Ho incoraggiato, e ha concordato in linea di principio, a seguire i nostri consigli in relazione alla loro più grande compagnia aerea e alle loro strutture chiave.

In breve, la nostra priorità strategica è innanzitutto fortificare l’anello debole della catena della pandemia: le compagnie aeree. Ciò fornirà il tempo necessario per isolare, contenere e infine distruggere la minaccia alla fonte (Wuhan) e nella sua casa (Cina).

Una volta interrotta la catena di approvvigionamento delle minacce, possiamo quindi sostenere la nostra infrastruttura critica utilizzando la stessa tecnologia e processo, quindi assistere i cinesi nell’affrontare le loro sfide e proteggere i nostri alleati internazionali altrove. In questo senso, oltre ai cinesi , ho anche discusso di questa tecnologia e strategia con delegati senior per un altro dei miei ex pazienti, Sua Altezza Reale, il principe ereditario dell’Arabia Saudita , e suo padre, il re.

Come ho notato sopra, ho chiesto alla dirigenza dell’azienda di venire a Washington (dalla Germania e dalla Danimarca) la prossima settimana per una serie di incontri.

Leopold NIH FOIA Anthony Fauci eMail , [pag. 2918-2922]

A seguito dell’e-mail di cui sopra, il dottor Tubb ha allegato “l’ultimo sitrep sul coronavirus” che consisteva in ” Travax News Alert Service di Shoreland – Abbreviato ” e una versione più dettagliata intitolata ” Rapporto sull’epidemia di coronavirus del 2019 – completo “.

Leopold NIH FOIA Anthony Fauci eMails [Pg.2924]

Mentre era in preparazione l’uso del biossido di titanio come disinfettante, il 6 febbraio 2020 Fauci è stato avvisato che uno studio secondo cui il nuovo coronavirus poteva essere trasmesso dalle persone era difettoso. Tuttavia, secondo Fauci, “il concetto è corretto” perché la Cina l’ha detto.

Leopold NIH FOIA Anthony Fauci eMail [pag. 2936]

In sintesi, il biossido di titanio è stato sviluppato e approvato per l’uso nell’Unione Europea. Nella sua intervista con la CNBC, il Dr. Tubb ha menzionato un’azienda danese. All’epoca era consulente di ACT.Global, quindi possiamo presumere che questa sia la società danese e la società a cui si fa riferimento nelle sue e-mail a Fauci. Entro il 30 gennaio 2020, Tubb aveva già stretto contatti con i governi indiano, cinese, saudita e statunitense per promuovere una soluzione fotocatalitica di nano biossido di titanio come disinfettante “per ora e in futuro”. Il Dr. Tubb si riferisce solo alle superfici di spruzzatura e non ci sono riferimenti alle maschere per il viso.

Il collegamento ACT.Global fornito sul motore di ricerca Internet porta all’azienda tedesca TerraNow che offre due prodotti: CleanCoat e ECA System. I suoi clienti target sono “le industrie in cui sono fondamentali ambienti a bassa emissione di germi e la massima qualità dell’aria, ad esempio B. Healthcare, Hospitality, trasformazione alimentare, produzione di bevande e molti altri”. Nel settembre 2021, l’azienda ha dichiarato che i suoi prodotti erano “già utilizzati con successo sulle navi da crociera, negli hotel, per il trasporto passeggeri e nel settore dello sport e del benessere”.

Biossido di titanio nelle maschere per il viso

Il primo riferimento che abbiamo potuto trovare sull’uso del biossido di titanio nelle maschere per il viso è stato un rapporto dell’Express . Nel marzo 2020, l’ Express ha riferito che “un’azienda nanotecnologica all’avanguardia ha rilasciato quella che afferma essere la maschera facciale resistente al coronavirus del mondo… Il rivestimento sulla maschera facciale è una nanotecnologia molecolare brevettata giapponese il cui ingrediente attivo era il biossido di titanio .”

The Express citava Saba Yussouf, Direttore del Gruppo Nanotera . Il prodotto a cui si riferiva si chiama MVX Protex ed è riassunto come :

  • Un disinfettante a lunga durata che dura fino a 5 anni.
  • Uno spray rivoluzionario che garantisce la completa sanificazione delle superfici domestiche.
  • Riveste qualsiasi superficie dura o morbida eccetto la pelle umana e uccide batteri, funghi e virus.
  • Distrugge la capacità di virus, batteri e funghi di attaccarsi a una cellula ospite, in modo che non possano diffondersi.
  • Può essere utilizzato su varie superfici tra cui mobili, dispositivi digitali e tessuti.
  • A metà marzo 2020, ha appena ottenuto la licenza nel Regno Unito e sempre più utilizzato dagli studi dentistici a Londra.
  • Sviluppato in Giappone dalla società di nanotecnologie Nanotera Group . La sede di Nanotera è in Irlanda . Fornisce il “trasferimento tecnologico” soprattutto nel campo dell’acqua. Il trasferimento di tecnologia si ottiene attraverso le loro piattaforme scientifiche e tecniche, ad esempio attraverso la concessione di licenze o la produzione attraverso il collegamento in rete di scienziati accademici, inventori indipendenti e consulenti tecnici.

MVX Protex suona in modo simile al prodotto che il Dr. Tubb stava promuovendo tranne che, ha detto, il prodotto è stato sviluppato in Danimarca. Forse ingredienti diversi dal biossido di titanio differiscono nelle soluzioni spray e quindi li distingue?

FONTE

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!