Quantcast
Database Italia

“Le nostre opzioni sono illimitate”, l’Iran giura una risposta tit-for-tat agli Stati Uniti in caso di nuove sanzioni sul nucleare.

Teheran ha promesso un rapido respingimento agli Stati Uniti se l’amministrazione Trump si muovesse per attivare le sanzioni “snapback” previste dall’accordo nucleare del 2015, sostenendo che sarebbero “illegali” da quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nel 2018.

La minaccia degli Stati Uniti di attivare un meccanismo incorporato nell’accordo nucleare del 2015, che consente di avviare il ripristino di tutte le sanzioni delle Nazioni Unite contro l’Iran, è arrivata dopo che l’amministrazione Trump ha ricevuto un duro colpo durante la riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU. venerdì, poiché nessuno dei suoi alleati ha appoggiato la risoluzione sostenuta da Washington di estendere un embargo sulle armi di 13 anni a Teheran.

Cina e Russia, che si sono apertamente opposte all’estensione, hanno votato contro, mentre gli alleati europei degli Stati Uniti, Francia e Regno Unito, si sono astenuti dal voto. Solo un membro del corpo di 15 nazioni, la Repubblica Dominicana, ha sostenuto il progetto sponsorizzato dagli Stati Uniti, mentre il resto si è astenuto allo stesso modo.

Arrabbiato per il rifiuto da parte di tutti i membri dell’UNSC, tranne uno, di andare d’accordo con il suo braccio di ferro contro l’Iran, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha denunciato tale comportamento come “imperdonabile”, mentre l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Kelly Craft ha promesso di fare di tutto per invocare il divieto.

“Nei prossimi giorni, gli Stati Uniti manterranno la promessa di non fermarsi davanti a nulla per estendere l’embargo sulle armi”, ha detto, aggiungendo che gli Stati Uniti “hanno tutto il diritto” di imporre il cosiddetto “meccanismo di snapback” e che può essere promulgato se una delle parti dell’accordo ritiene che l’Iran violi l’accordo.

Un giorno prima del voto, gli Stati Uniti avrebbero inviato un promemoria ai membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, tentando di persuaderli che, nonostante gli Stati Uniti abbiano lasciato l’accordo unilateralmente nel 2018, rimangono ancora un partecipante dell’accordo nucleare storico, che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ripetutamente etichettato “Il peggior affare di sempre.”

L’Iran ha sostenuto che tali sanzioni sarebbero illegali, sottolineando che il risultato del voto ha rivelato “l’isolamento” di Washington 

“Gli Stati Uniti devono imparare da questa debacle. Il suo tentativo di sanzioni “snapback” è illegale ed è stato respinto dalla comunità [internazionale], come è stato evidente oggi “, ha twittato l’ambasciatore iraniano alle Nazioni Unite Majid Takht Ravanchi.

Il diplomatico ha osservato che spetterebbe a Teheran reagire quando e se gli Stati Uniti decidessero di portare a termine la loro minaccia, dicendo che “l’imposizione di eventuali sanzioni o restrizioni … sarà accolta severamente dall’Iran e le nostre opzioni sono illimitate.”

Gli Stati Uniti e qualsiasi entità che possa assisterla o acconsentire al suo comportamento illegale si assumeranno la piena responsabilità.

Con le tensioni tra Teheran e Washington alle stelle, Mosca ha proposto di tenere un vertice online con Iran, Germania e cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per tracciare la strada per evitare il confronto sull’embargo, che scadrà ad ottobre.

Fonte RT



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.