Quantcast
Database Italia

L’Election Integrity Group di George Soros si prepara a cacciare il Presidente Trump, indipendentemente da chi vincerà le elezioni

Un gruppo di “integrità elettorale” sostenuto da Soros sta preparando il terreno per una rivoluzione contro il presidente Donald Trump dopo le elezioni di novembre.

Il Transition Integrity Project, un’organizzazione che comprende un gruppo bipartisan di nemici di Trump, sostiene che il presidente Donald Trump causerà violenza se contesterà i risultati delle prossime elezioni. Stanno  eseguendo simulazioni  che, secondo loro, indicano che Trump e i suoi sostenitori creeranno il caos.

“Tutti i nostri scenari si sono conclusi sia in violenza a livello di strada che in un vicolo cieco politico”, ha detto Rosa Brooks, professore di diritto e politica alla Georgetown University, che ha istituito il TIP. “La legge è essenzialmente … è quasi impotente contro un presidente che è disposto a ignorarla”, ha aggiunto.

Revolver ha  notato  che Brooks è un agente di George Soros con legami con il suo Open Society Institute da decenni. Dal 2006 al 2007 è stata consigliere speciale del presidente dell’Open Society Institute di New York.

I profondi legami di Brooks con Soros l’hanno aiutata a navigare con successo nei ranghi dell’élite di Washington DC. È stata consigliere senior dell’assistente segretario Harold Hongju Koh presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Ha insegnato alla University of Virginia School of Law prima di trasferirsi a Georgetown. È anche membro del Comitato consultivo dell’Azione per la sicurezza nazionale e del Comitato direttivo del Consiglio direttivo per le donne nella sicurezza nazionale. Il suo Deep State in buona fede non è secondo a nessuno.

Due dei repubblicani che hanno partecipato allo studio di Brooks sono i neocon Bill Kristol e David Frum. Erano il tipo di persone incaricate dei giochi di guerra per il presidente Trump, l’uomo a cui hanno dedicato la loro carriera all’opposizione. Kristol è ora finanziato da un oligarca democratico e Frum continua a ripetere a pappagallo bugie sulla collusione russa fino ad oggi.

“I nostri esercizi di scenario non si sono conclusi in buone condizioni, ma è importante notare che ciò non significa che ci sia qualcosa di inevitabile nel caos e nella crisi costituzionale nei prossimi mesi – solo che questi particolari esercizi suggeriscono che queste sono possibilità reali”, ha detto Brooks sui risultati del suo studio.

“L’obiettivo degli esercizi non era quello di paventare scenari da incubo alle persone, ma piuttosto di identificare possibili punti di svolta per prevenire o mitigare esiti catastrofici per le elezioni presidenziali del 2020”, ha aggiunto.

Brooks spera che i responsabili politici agiscano sulla base dei risultati del suo studio, aggiungendo che “i governatori degli stati, i procuratori generali, i leader legislativi e i segretari di stato devono riflettere su questi problemi ora e comprendere il sistema elettorale e le leggi pertinenti ora, e non aspettare fino alle elezioni per pensare a tutto ciò che potrebbe andare storto. “

Revolver ritiene che questo gruppo TIP possa essere l’organizzazione incaricata di fomentare una rivoluzione colorata per far dimettere il presidente Trump indipendentemente dai risultati delle elezioni di novembre. Hanno confrontato il recente Washington Post  op / ED  con  la Democrazia Playbook , una guida alle rivoluzioni colorate pubblicato dal Brookings Institution globalist. Hanno concluso che il TIP riguarda la creazione di una profezia che si autoavvera che impedisce a Trump di un secondo mandato presidenziale indipendentemente da ciò che decide il popolo americano.

Biden viene incoraggiato a non concedere la vittoria a Trump in nessuna circostanza, poiché i democratici si impegneranno ancora una volta nell’accusare Trump:

Il candidato presidenziale fallito Hillary Clinton sta  esortando Joe Biden a non arrendersi alla sconfitta  e a rendere le elezioni di novembre il più estenuante e angosciante possibile.

Clinton non crede che Biden debba fare ciò che è meglio per il paese. Se perde la notte delle elezioni, lo implora di continuare la lotta anche se ciò significa fare a pezzi la nazione.

“Joe Biden non dovrebbe cedere in nessuna circostanza perché penso che questo si trascinerà, e alla fine, credo che vincerà se non diamo un centimetro e se siamo concentrati e implacabili come è l’altra parte, ”Ha detto Clinton durante un’apparizione in The Circus della Showtime  .

“Penso che [i repubblicani] abbiano un paio di scenari a cui stanno guardando. Uno sta incasinando il voto per posta. Credono che questo li aiuti in modo che poi possano ottenere forse uno stretto vantaggio nel collegio elettorale il giorno delle elezioni. … Quindi dobbiamo avere una massiccia operazione legale, e so che la campagna di Biden sta lavorando su questo ”, ha detto Clinton.

“ Dobbiamo avere le nostre squadre di persone per contrastare la forza di intimidazione che i repubblicani e Trump metteranno fuori dai seggi elettorali. Questa è una grande sfida organizzativa, ma almeno sappiamo di più su cosa faranno “, ha aggiunto.

Tutto è pronto contro il presidente Trump a novembre, ma la cospirazione potrebbe non essere sufficiente per fermarlo. Le sue probabilità di battere Biden  stanno aumentando di giorno in giorno .



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!