Quantcast
Database Italia

L’esercito americano pianifica l’invio di quattro divisioni a Taiwan

Se la Cina invade Taiwan e gli Stati Uniti decidono di essere coinvolti, l’esercito degli Stati Uniti dovrebbe essere pronto a schierare decine di migliaia di soldati e migliaia di veicoli pesanti nel paese insulare e “guidare il nemico in mare”, secondo un nuovo audace saggio di Brian Dunn, ex guardia nazionale dell’esercito del Michigan.

Il saggio di Dunn è uno dei numerosi pezzi di riflessione a tema taiwanese nell’ultimo numero di Military Review , la rivista professionale dell’esercito.

Molti pensatori militari americani per decenni si sono tenuti alla larga dal discutere pubblicamente, e specificamente, della possibilità di una guerra tra gli Stati Uniti e la Cina su Taiwan. Ma con l’escalation dell’aggressione di Pechino nel Pacifico occidentale e la crescente attenzione del Pentagono sulla regione, le cose stanno cambiando.

“L’esercito degli Stati Uniti sta diventando intelligente sulle questioni di difesa di Taiwan”, ha twittato Ian Easton, direttore senior del Project 2049 Institute in Virginia.

Lo scenario di Dunn presuppone che l’Esercito popolare di liberazione riesca ad attraversare lo stretto di Taiwan largo 100 miglia e stabilire una sistemazione a Taiwan.

“Se la Cina può quindi costruire forze più velocemente di quanto Taiwan possa mobilitare e contrattaccare”, ha chiesto Dunn, “cosa si può fare per impedire alle forze di terra dell’EPL di rimanere a Taiwan in un ‘conflitto congelato’ che può scongelarsi in qualsiasi momento scegliendo di completare la conquista? “

Una soluzione, ha proposto Dunn, è che l’esercito americano dispieghi a Taiwan un corpo completo, che potrebbe includere fino a quattro delle 10 divisioni attive del servizio. “Naturalmente, questo richiede che la Marina e l’Air Force combattano attraverso le forze navali e aeree cinesi per ottenere un accesso sicuro ai porti e agli aeroporti di Taiwan che consentirebbero il dispiegamento dell’esercito”, ha scritto Dunn.

È più facile a dirsi che a farsi, ovviamente. Il PLA sarebbe in grado di posizionare decine di navi di superficie e sottomarini, centinaia di aerei da guerra e migliaia di razzi dentro e intorno allo Stretto di Taiwan. Taiwan possiede missili propri che possono affondare le navi cinesi e persino colpire le basi sulla terraferma cinese.

Quattro divisioni, ciascuna con 10.000 soldati e centinaia di veicoli corazzati pesanti, sarebbero la forza più grande che l’esercito ha dispiegato nel Pacifico occidentale dalla guerra del Vietnam. Il Pentagono esercita ancora forze in aumento in Corea del Sud in caso di un attacco nordcoreano, ma è passato molto tempo da quando si è preparato per una mobilitazione simile a Taiwan.

“L’infrastruttura e il supporto logistico per realizzarlo sono insufficienti”, ha osservato Dunn. Washington potrebbe dover spendere miliardi di dollari solo per prepararsi a uno spiegamento delle dimensioni di un corpo a sostegno di Taipei. Il dispiegamento di truppe avrebbe bisogno di alloggio e rifornimenti e di esperienza nell’allestire strade, fiumi e ferrovie di Taiwan.

I preparativi stessi sarebbero altamente provocatori. Gli Stati Uniti non hanno basi a Taiwan dal 1979. L’ex sede del quartier generale del comando di difesa statunitense di Taiwan è ora un museo di belle arti a Taipei.

L’esercito potrebbe facilitare la transizione acquisendo uno squadrone aggiuntivo di navi preposizionate che trasportano armi, munizioni e rifornimenti. Le navi salperebbero per Taiwan durante una crisi, davanti o accanto ai convogli di truppe.

Le truppe americane in arrivo avrebbero un solo lavoro: aiutare le truppe taiwanesi a contenere, isolare e poi ridurre le teste di ponte cinesi. Le divisioni statunitensi “forniranno il nucleo per un contrattacco decisivo”, secondo Dunn.

“Solo la minaccia credibile di un corpo dell’esercito americano in grado di essere schierato a Taiwan potrebbe dissuadere la Cina dall’invasione”, ha scritto Dunn. “La Cina potrebbe non essere più fiduciosa che lo sforzo principale rimarrà uno tra il PLA e le forze di terra taiwanesi”.

“E se la deterrenza fallisce, il corpo guiderà il nemico in mare.”

David Axe Collaboratore Aerospaziale e difesa



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.