Quantcast
Database Italia

L’ESERCITO UCRAINO BOMBARDA LA PERIFERIA DI DONETSK. A UN PASSO DA UNA PERICOLOSISSIMA GUERRA



 MOSCA, 12 APR – L’esercito ucraino starebbe bombardando la periferia di Donetsk nell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk (DPR). Lo ha detto il sindaco di Donetsk, Alexei Kulemzin, stando a quanto riporta Interfax.

Kulemzin ha detto sui social che l’attacco all’insediamento urbano di Oleksandrivka è iniziato alle 12:05 e ha coinvolto veicoli da combattimento di fanteria e un lanciagranate anticarro. Kiev ha detto, da parte sua, che un militare ucraino è stato ucciso in un attacco nel Donbass. Il servizio stampa del gruppo tattico Sever (Nord) ha detto su Facebook che le sue posizioni erano state attaccate.
    “L’Ue, gli Stati membri e le istituzioni stanno seguendo da vicino e con una certa preoccupazione il peggioramento della situazione nell’Ucraina dell’est e i movimenti delle truppe russe vicino ai confini dell’Ucraina e anche nella Crimea annessa illegalmente”. Lo ha detto Peter Stano, portavoce dell’Alto rappresentante Ue Josep Borrel ribandendo la richiesta di “una soluzione pacifica al conflitto”. L’Ue, ha proseguito Stano, chiede “alle autorità russe di astenersi da qualsiasi azione che porti ad ulteriori tensioni e ad attuare gli accordi di Minsk. Contatti sono in corso a vari livelli”.

https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2021/04/12/ucraina-separatisti-bombardata-donetsk.-kiev-attaccati_048f76f4-dd29-4c00-8e34-e8bd07facae8.html

ULTIMI AVVENIMENTI

Le riprese VIDEO di oggi sembrano mostrare nuovi importanti movimenti di truppe nelle regioni russe a una distanza impressionante dall’Ucraina, in netto contrasto con gli avvertimenti occidentali. 

La TV di stato russa ha avvertito che Mosca è “a un passo dalla guerra” additando l’Ucraina come stato nazista.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy oggi ha chiesto colloqui con il presidente russo Vladimir Putin per discutere l’escalation del conflitto nell’Ucraina orientale, ma non ha ancora ricevuto risposta, ha detto lunedì a Reuters la sua portavoce Iuliia Mendel.

La Russia aveva ammassato più di 40.000 soldati al confine orientale dell’Ucraina e più di 40.000 soldati in Crimea, ha detto Mendel.

Nel frattempo, si ritiene che le navi da guerra USS Donald Cook e USS Roosevelt siano in viaggio verso il Mar Nero.

L’ultima prova di un rafforzamento russo è arrivata quando il portavoce del Cremlino ha insistito “nessuno si muoverà verso la guerra”.

Mosca ha presentato un potente video delle sue ultime armi in occasione della Giornata delle forze di difesa aerea in quella che può essere vista come una mossa per aumentare la pressione psicologica sull’Ucraina. 

Nel frattempo, le forze britanniche stanno aiutando l’Ucraina a monitorare l’enorme accumulo militare della Russia tra i timori di una guerra totale tra i due vicini, riporta il Mirror.

Una piccola squadra di forze speciali britanniche si è schierata nella regione insieme a truppe specializzate per le comunicazioni da un distaccamento Royal Signals ed è stato schierato un aereo spia della RAF.

Uno squadrone di thypons della RAF armati di bombe e missili allo zolfo sarà anche schierato sulla costa rumena del Mar Nero.

I jet Typhoon FGR4 andranno in punta di piedi con i MIG russi e i jet Sukhoi quando le tensioni raggiungeranno il punto di ebollizione.

Saranno supportati da aerei spia e squadre di guerra elettronica per bloccare i radar nemici e i sistemi di tracciamento missilistico.

Un filmato mostrava anche nuove masse militari russe sul fianco occidentale dell’Ucraina, con movimenti in Transnistria, una terra di nessuno controllata da Mosca al confine con la Moldova. 

Alcuni portavano cartelli “peacekeeper”, normale per le forze di Mosca nel territorio separatista. Non era immediatamente chiaro dove si stessero dirigendo le forze. 

Truppe e attrezzature sono state anche in movimento nell’annessa Crimea, insieme alle regioni russe di Pskov, Ryazan, Rostov sul Don e altrove. 

Ciò segue i movimenti nell’area vicino all’Ucraina orientale – nota come Donbass – e alla Crimea, dove si stima che ora ci siano 85.000 soldati provenienti dalla più lontana Siberia centrale. 

E i rapporti dicono che gli aerei da ricognizione militari statunitensi P-8A Poseidon e Lockheed EP-3E Orion sono stati avvistati sul Mar Nero vicino alla Crimea durante il fine settimana. 

In una trasmissione televisiva di stato russa in prima serata domenica sera, l'”addetto alla comunicazione” di Putin Dmitry Kiselyovc ha affermato che l’Europa è “a un passo dalla guerra”, chiedendo se la forza sarebbe presto usata per “deNazificare” l’Ucraina. 

Un titolo diceva: “La bandiera nazista sulle trincee ucraine nel Donbass – l’Ucraina è pronta per la de-nazificazione”.

Ha etichettato l’ex leader comico ucraino della TV Volodymyr Zelensky un “comandante in capo comico”, un “presidente di guerra” che stava “incitando” il conflitto. 

Lo spettacolo ha detto ai telespettatori è che l’Ucraina con il sostegno della NATO, sta accumulando potenza di fuoco militare vicino alle regioni di Donetsk e Luhansk che sono controllate dai ribelli filo-Mosca a seguito di una guerra civile nel 2014. 

“Mai prima d’ora c’era stato così tanto materiale militare Nato in Ucraina”, afferma il rapporto. 

Ha anche evidenziato presunti arrivi di aerei da trasporto statunitensi e navi da carico noleggiate dal Pentagono nel porto strategico ucraino di Odessa.

Il rapporto di guerra ha affermato che Zelenskyj “desidera una vendetta”. 

Ha iniziato come presidente di pace, ma è stato trasformato in un presidente di guerra, afferma il rapporto, sostenendo che l’Ucraina ha optato per la manovra militare per distogliere l’attenzione dal suo “fiasco” Covid-19 con numeri di infezione a spirale e carenza di vaccini.

Il portavoce di Putin Dmitry Peskov ha insistito sul fatto che “naturalmente nessuno si muoverà verso la guerra”.

Ha detto: “Nessuno ammette la possibilità di una guerra del genere … 

“Allo stesso modo, nessuno accetta la possibilità di una guerra civile in Ucraina”.

Ha accusato gli Stati Uniti di aver inventato il rafforzamento militare della Russia. 

“Washington è generalmente avara di qualsiasi valutazione, direi, adeguata e obiettiva della Federazione Russa”, ha detto. 

Separatamente, un politico ucraino ha rischiato di infiammare le tensioni con Mosca parlando dell’intenzione del paese di reintegrare la Crimea e il Donbass, dicendo che ci sarebbe voluta una generazione.

Ma il segretario di stato americano Antony Blinken ha insistito sul fatto che la Russia dovrebbe affrontare “conseguenze” dall’Occidente se agisse in modo “aggressivo” nei confronti dell’Ucraina.

“Devo dirti che ho delle vere preoccupazioni per le azioni della Russia ai confini dell’Ucraina”, ha detto a Meet the Press della NBC.

“Ecco perché siamo in stretto contatto, in stretto coordinamento, con i nostri alleati e partner in Europa. Tutti noi condividiamo questa preoccupazione”.

Ha detto: “Il presidente Biden è stato molto chiaro su questo punto. Se la Russia agisce in modo sconsiderato o aggressivo, ci saranno dei costi, ci saranno delle conseguenze “.
Ma Dmitry Kozak, vice capo dell’amministrazione presidenziale russa, ha detto che i leader ucraini sono come “bambini che giocano con i fiammiferi”.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments