Quantcast
Database Italia

L’EUROPA SOTTO PRESSIONE PER I PASSAPORTI VACCINALI. BORIS JHONSON INTANTO PENSA DI INTRODURLI NEL REGNO UNITO.




BRUXELLES, 23 FEB – Sul certificato di vaccinazione “vogliamo avere un approccio digitale europeo per uso medico.
    Nei prossimi mesi poi vedremo se ci sarà la possibilità di usarlo per altri scopi, come i viaggi. Ma la vaccinazione non può diventare un obbligo per viaggiare”. Così il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, a margine del Consiglio affari generali Ue. “Anche chi non si è sottoposto all’immunizzazione deve poter continuare” a muoversi, “con l’uso dei test e dei periodi di quarantena”

Intanto il primo ministro britannico Boris Johnson ha rilanciato l’idea di rilasciare “passaporti vaccinali” per uso domestico, promettendo una revisione della possibilità nonostante l’avesse esclusa solo una settimana fa.

Martedì, durante una visita a una scuola del sud di Londra, Johnson ha detto che, sebbene “non ci siano dubbi”, molti paesi richiederanno la prova della vaccinazione per i viaggi internazionali, usarli a livello nazionale è “una novità per il nostro paese. “

“Non abbiamo mai avuto cose del genere prima. Non abbiamo mai pensato in termini di avere qualcosa che devi mostrare per andare in un pub o in un teatro “, ha detto.

Ma ha suggerito che potrebbe vedere il caso dei passaporti domestici. “So che i ferventi libertari si opporranno, ma altre persone penseranno che ci sia un motivo per questo”, ha detto.

Ha detto che ci sono “questioni profonde e complesse” che devono essere risolte – “questioni etiche su quale sia il ruolo del governo nel dare mandato alle persone di avere una cosa del genere, o addirittura vietare alle persone di fare una cosa del genere”.

“Non possiamo essere discriminatori nei confronti di persone che, per qualsiasi motivo, non possono avere il vaccino”, ha detto.

Johnson ha detto di volere una “revisione adeguata” di questo problema guidata dal ministro di gabinetto Michael Gove , che ha il compito di ottenere “i migliori punti di vista scientifici, morali, filosofici ed etici”.

Le sue ultime osservazioni mostrano un notevole cambiamento nella posizione del governo sulla questione rispetto a solo una settimana fa, quando lo aveva escluso .

“Quello che non penso che avremo in questo paese sono – per così dire – passaporti per le vaccinazioni che ti permettano di andare, diciamo, al pub o qualcosa del genere”, ha detto Johnson ai media il 15 febbraio.

Prima di allora, vari ministri del governo, tra cui il segretario alla sanità Matt Hancock , il ministro dei vaccini Nadhim Zahawi e Michael Gove, avevano ripetutamente negato che esistessero piani per passaporti domestici per i vaccini.

Parlando con i media martedì, Johnson ha anche espresso ottimismo sul fatto che tutte le restrizioni COVID-19 possano essere revocate il 21 giugno.

Continua il teatrino dei burattini della politica ma la roadmap disegnata da id2020 e dal Wef per il Grande Reset prosegue indisturbata.
Il Mainstream sottolinea il no dell’Europa ai passaporti sanitari per i viaggi internazionali (che poi non è un no ma un “vedremo”). In realtà vi stanno comunicando che certamente ci saranno i passaporti sanitari per uso domestico. Bel trucco vero?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITELIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.