Database Italia

L’evoluzione “Coerente” del Pianeta

Contrariamente al punto di vista neo-darwinista, la nostra capacità di evoluzione dipende, non dalla rivalità o dalla forza nella lotta per l’esistenza. Piuttosto, dipende dalla nostra capacità di comunicazione.

Gli indiani Ufaina nell’Amazzonia colombiana credono in una forza vitale chiamata fufaka che è presente in tutti gli esseri viventi. La fonte di questa forza vitale è il sole. Dal sole raggiunge la terra e viene costantemente riciclata tra piante, animali ed esseri umani. Ogni gruppo di esseri richiede un minimo di quella forza vitale per vivere, prendendo in prestito l’energia dalla riserva energetica totale. Quando un essere muore, l’energia viene rilasciata e torna allo stock. Allo stesso modo, quando un essere vivente ne consuma un altro, ad esempio, quando un cervo mangia le foglie dell’albero o un albero estrae sostanze nutritive dal suolo o quando le persone abbattono gli alberi per fare una radura, il consumatore acquisisce l’energia del consumato . Ciò che è importante per gli Ufaina è che la forza vitale continui a essere riciclata da una specie all’altra in modo tale che non si accumuli troppo in nessuna di esse(Hildebrand, 1988 ).

È una cosmologia straordinariamente coerente: una saggezza ecologica che comprende la natura come un insieme equilibrato dinamicamente collegato dal flusso di energia, con l’energia che è emessa in ultima analisi dal sole. Questa cosmologia si basa su una comprensione che deriva non solo da osservazioni scientifiche, ma da un’esperienza intima della natura dall’interno. Ci sono voluti centinaia di anni di scienza occidentale con molti strumenti sofisticati e una serie di false partenze e svolte per arrivare questo quadro.  La principale differenza tra loro e noi è che mentre gli Ufaina vivono della loro saggezza e si percepiscono come parte della natura, noi ci siamo posti al di sopra e al di fuori dell’equilibrio stesso della natura, a rischio di tutti.

Ciò che vogliamo fare in questo articolo è presentare una visione dell’equilibrio ecologico della biofisica occidentale contemporanea che mostra quanto intimamente siamo collegati l’uno con l’altro e con la natura. Come tutta la natura sia un insieme risonante e intercomunicante.

Cominciamo con la visione ecologica occidentale del flusso di energia. L’energia della luce solare viene assorbita dai singoli pacchetti o quanti chiamati fotoni dalla clorofilla, il pigmento di colore nelle piante verdi. Questa energia in ogni quanto entra in un elettrone eccitato che, nel corso del suo ritorno allo stato fondamentale, viaggia intorno al nucleo, la sua energia viene erogata per supportare tutte le attività vitali come la crescita e la differenziazione, le sensazioni e i movimenti. Quando gli animali si nutrono di piante o di altri animali, assorbono l’energia immagazzinata nel cibo per servire la propria crescita e sviluppo. Quindi, l’energia assorbita dal sole viene fatta circolare lungo tutti gli organismi della biosfera. Il ciclo energetico è accompagnato da un ciclo parallelo, quello chimico. Entrambi i cicli si ramificano in un modo molto complicato ma che non lascia dubbi sul fatto che tutta la vita sia un’unità dinamica.

Albert Szent-Gyorgi ( 1960), padre fondatore della moderna biochimica, aveva un modo carino per dirlo: la vita è un’interposizione tra due livelli di energia di un elettrone: lo stato fondamentale e lo stato eccitato, e inoltre, poiché è l’elettrone che gira attorno come un circuito, la vita è davvero una piccola corrente elettrica che gira e collega tutta la natura con il sole e la terra. Questa fondamentale unità di fisica e biologia ha davvero ispirato molte persone che ritenevano che qui fosse la chiave per svelare il mistero dello stato vivente.

“La coerenza” si riferisce ad attività altamente correlate sia nello spazio che nel tempo. Un modo intuitivo di pensarci è in termini di una grande sinfonia o un grande balletto; o meglio ancora, una band jazz in cui i musicisti fanno e suonano cose diverse ma restando in sintonia e al passo con il tutto. È uno stato di cooperatività in cui gli individui cooperano semplicemente facendo le proprie cose ed esprimendosi.

In che modo lo studio della coerenza contribuisce alla nostra comprensione dell’unità della vita?

 Per tornare alla nostra panoramica sul ciclo della vita, possiamo vedere che la luce solare è la fonte di energia fondamentale, che viene fornita ad alta frequenza, e che i sistemi biologici nel loro insieme mostrano la naturale tendenza a ritardare il decadimento di questo alto energia di livello il più a lungo possibile. Quindi è proprio la diversità della vita che è responsabile di ritardare la dissipazione dell’energia del sole il più a lungo possibile alimentandola in catene e reti sempre più lunghe e cicli paralleli multipli nel corso dell’evoluzione. Questo può essere il motivo per cui gli organismi hanno una durata della vita così diversa; la tendenza in evoluzione è verso l’emergere di organismi con durate sempre più lunghe e, infine, nel caso di organismi sociali ed esseri umani, vediamo l’emergere di tradizioni sociali che abbracciano molte generazioni. Il legame con la tradizione sociale è l’indizio del significato di questo flusso di energia attraverso un campo coerente di larghezza di banda sempre crescente. Perché è allo stesso tempo un flusso e una creazione di informazioni.

Quindi, sembra che l’essenza dello stato vivente sia costruire ed estendere una piattaforma spazio-temporale coerente per la comunicazione a partire dall’energia del sole inizialmente assorbita dalle piante verdi. I sistemi viventi non sono quindi né soli soggetti, né oggetti isolati, ma sia i soggetti che gli oggetti di un universo di reciproca comunicazione di energia. Contrariamente al punto di vista neo-darwinista, la loro capacità di evoluzione dipende, non dalla rivalità o dalla forza nella lotta per l’esistenza. Piuttosto, dipende dalla loro capacità di comunicazione. Quindi, in un certo senso, non sono gli individui in quanto tali che si stanno sviluppando, ma i sistemi viventi collegati tra loro in un insieme coerente. Proprio come le cellule di un organismo assumono compiti diversi per l’insieme, popolazioni diverse racchiudono informazioni non solo per se stesse, ma per tutti gli altri organismi, espandere la coscienza del tutto, mentre allo stesso tempo diventa sempre più consapevole di questa coscienza collettiva. La coscienza umana può avere il suo ruolo più significativo nello sviluppo e nell’espressione creativa della coscienza collettiva della natura.

Fonti e approfondimenti:

  • Bunyard, P. The Colombian Amazon: Policies for the Protection of the Indigenous Peoples and Their Environment, p. 68, The Ecological Press, Bodmin, Cornwall.
  • Dicke, R.H. Coherence in spontaneous radiation processes.
  • Fröhlich, H. Long-range coherence and energy storage in biological systems. Int. J. Quantum chem
  • Glauber, R.J. (1969). Coherence and quantum detection. In Quantum Optics (R.J. Glauber, ed.), p. 22, Academic Press, New York.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.