Quantcast
Database Italia

L’ex consigliere di Trump Steve Bannon è stato arrestato con l’accusa di frode

L’ex capo stratega della Casa Bianca Steve Bannon è stato arrestato con l’accusa di aver frodato centinaia di migliaia di donatori attraverso la campagna “We Build the Wall”. 

Bannon, insieme a tre dei suoi collaboratori, è stato incriminato giovedì dagli investigatori del distretto sud degli Stati Uniti di New York. Affermano che il gruppo di leader conservatori ha truffato i donatori e ciò ha portato a raccogliere “più di 25 milioni di dollari per costruire un muro lungo il confine meridionale degli Stati Uniti”, secondo il comunicato stampa. 

Il servizio di ispezione postale degli Stati Uniti ha assistito nelle indagini. 

Gli altri citati nell’accusa sono Timothy Shea, che a maggio è stato annunciato come amministratore ad interim della Drug Enforcement Administration , Brian Kolfage, un veterano della guerra in Iraq, e Andrew Badolato. 

La campagna aveva lo scopo di raccogliere fondi per aiutare il presidente Donald Trump a mantenere la promessa della campagna di costruire un muro lungo il confine. Invece, i pubblici ministeri affermano che Bannon e il suo team hanno approfittato dell’accordo. 

I pubblici ministeri affermano che gli imputati “hanno ricevuto collettivamente centinaia di migliaia di dollari in fondi da donatori da ‘We Build the Wall’, che ognuno di loro ha utilizzato in modo incompatibile con le rappresentazioni pubbliche dell’organizzazione”, secondo l’accusa. 

“Gli imputati hanno truffato centinaia di migliaia di donatori, capitalizzando il loro interesse nel finanziare un muro di confine per raccogliere milioni di dollari, con la falsa pretesa che tutti quei soldi sarebbero stati spesi per la costruzione”, ha detto in una nota il procuratore degli Stati Uniti Audrey Strauss.

“Pur assicurando ripetutamente ai donatori che Brian Kolfage, il fondatore e volto pubblico di We Build the Wall, non sarebbe stato pagato un centesimo, gli imputati hanno segretamente tramato per passare centinaia di migliaia di dollari a Kolfage, che ha usato per finanziare il suo sontuoso stile di vita. Ringraziamo l’USPIS per la loro collaborazione nell’indagare su questo caso e continuiamo a impegnarci a sradicare e perseguire le frodi ovunque le troviamo ”.

La Casa Bianca e una portavoce di Bannon non hanno ancora commentato. 

Kolfage, 37 anni, veterano e triplo amputato, alla fine del 2018 ha lanciato una campagna di crowdfunding su GoFundMe per costruire un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

Lo sforzo di Kolfage è diventato rapidamente virale e ha raccolto milioni di dollari da centinaia di migliaia di donatori, ma GoFundMe ha minacciato di sospendere la campagna di costruzione del muro a meno che Kolfage “non identifichi un’organizzazione senza scopo di lucro legittima in cui trasferire quei fondi”, secondo l’accusa .

Leggi il comunicato del DOJ:

Audrey Strauss, il procuratore ad interim degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, e Philip R. Bartlett, ispettore in carica del New York Field Office del servizio di ispezione postale degli Stati Uniti (“USPIS”), hanno annunciato l’annullamento del sigillo di un atto d’accusa che imputa BRIAN KOLFAGE, STEPHEN BANNON, ANDREW BADOLATO e TIMOTHY SHEA per il loro ruolo nel frodare centinaia di migliaia di donatori in relazione a una campagna di crowdfunding online nota come “We Build the Wall” che ha raccolto più di $ 25 milioni. Gli imputati sono stati arrestati questa mattina. KOLFAGE sarà presentato oggi davanti al giudice magistrato americano Hope T. Cannon nel distretto settentrionale della Florida. BANNON sarà presentato oggi nel distretto meridionale di New York. BADOLATO sarà presentato oggi davanti al giudice del magistrato statunitense Thomas Wilson nel distretto centrale della Florida. SHEA sarà presentato oggi davanti al giudice magistrato statunitense Kristen L. Mix nel distretto del Colorado. Il caso è assegnato al giudice distrettuale statunitense Analisa Torres nel distretto meridionale di New York.

L’ispettore in carica Philip R. Bartlett ha dichiarato: “Gli imputati presumibilmente hanno commesso una frode quando hanno travisato il vero utilizzo dei fondi donati. Come affermato, non solo hanno mentito ai donatori, ma hanno complottato per nascondere la loro appropriazione indebita di fondi creando fatture e conti fittizi per riciclare donazioni e coprire i loro crimini, senza mostrare alcun rispetto per la legge o la verità. Questo caso dovrebbe servire da monito ad altri truffatori che nessuno è al di sopra della legge, nemmeno un veterano di guerra disabile o uno stratega politico milionario ”.

Secondo l’accusa [1]  aperta oggi dal tribunale federale di Manhattan:

A partire da circa dicembre 2018, BRIAN KOLFAGE, STEPHEN BANNON, ANDREW BADOLATO e TIMOTHY SHEA, e altri, hanno orchestrato un piano per frodare centinaia di migliaia di donatori, inclusi donatori nel distretto meridionale di New York, in connessione con una campagna di crowdfunding online in ultima analisi noto come “We Build The Wall” che ha raccolto più di $ 25 milioni per costruire un muro lungo il confine meridionale degli Stati Uniti. In particolare, per indurre i donatori a donare alla campagna, KOLFAGE ha ripetutamente e falsamente assicurato al pubblico che “non avrebbe preso un centesimo di stipendio o compenso” e che “il 100% dei fondi raccolti. . . saranno utilizzati nell’esecuzione della nostra missione e del nostro scopo “perché, come ha dichiarato pubblicamente BANNON,” siamo un’organizzazione di volontari ”.

Quelle rappresentazioni erano false. In verità, KOLFAGE, BANNON, BADOLATO e SHEA hanno ricevuto centinaia di migliaia di dollari in fondi da donatori da We Build the Wall, che ognuno di loro ha utilizzato in modo incompatibile con le rappresentazioni pubbliche dell’organizzazione. In particolare, KOLFAGE ha preso segretamente per suo uso personale più di $ 350.000 in fondi che i donatori avevano dato a We Build the Wall, mentre BANNON, attraverso un’organizzazione senza scopo di lucro sotto il suo controllo (“Non-Profit-1”), ha ricevuto oltre $ 1 milioni da We Build the Wall, almeno alcuni dei quali BANNON ha utilizzato per coprire centinaia di migliaia di dollari di spese personali. Per nascondere i pagamenti a KOLFAGE da We Build the Wall, KOLFAGE, BANNON, BADOLATO, e SHEA hanno ideato uno schema per instradare i pagamenti da We Build the Wall a KOLFAGE indirettamente attraverso No-Profit-1 e una società di comodo sotto il controllo di SHEA, tra le altre strade. Lo hanno fatto utilizzando fatture false e falsi accordi di vendita.

* * *

KOLFAGE, 38 anni, di Miramar Beach, Florida, BANNON, 66 anni, di Washington, DC, BADOLATO, 56 anni, di Sarasota, Florida, e SHEA, 49 anni, di Castle Rock, Colorado, sono accusati di cospirazione per commettere frode e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro, ciascuno dei quali comporta una pena massima di 20 anni di carcere. 

Le pene massime previste dalla legge sono prescritte dal Congresso e sono qui fornite solo a scopo informativo, poiché qualsiasi condanna degli imputati sarebbe determinata dal giudice.

Il caso è gestito dall’unità corruzione pubblica dell’Ufficio. Gli assistenti legali degli Stati Uniti Nicolas Roos, Alison G. Moe e Robert B. Sobelman sono incaricati dell’accusa.

Le accuse contenute nell’atto sono solo accuse. Gli imputati si presumono innocenti fino a prova contraria.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.