Quantcast
Database Italia

L’EX PRESIDENTE SARKOZY SCONTERÀ UN ANNO DI CARCERE AI DOMICILIARI CON IL BRACCIALETTO ELETTRONICO PER CORRUZIONE




L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato giudicato colpevole di corruzione con l’accusa di aver tentato di corrompere un magistrato. Il giudice ha condannato Sarkozy a tre anni di carcere, con due anni di sospensione.

Il giudice Christine Mee, che ha presieduto il caso, ha dichiarato che l’ex leader politico di 66 anni ha “usato il suo status di ex presidente francese” in un atto di illecito “particolarmente grave” , quando ha emesso la sentenza.

Sarkozy fu processato con l’accusa di aver tentato di corrompere Gilbert Azibert, un magistrato francese, offrendogli un lavoro ben retribuito a Monaco in cambio di informazioni su un’indagine penale sul suo partito politico all’epoca, l’Unione per un movimento popolare.

L’indagine stava esaminando le accuse secondo cui Sarkozy e il suo partito avevano ricevuto pagamenti illegali dall’imprenditrice Liliane Bettencourt durante la sua campagna presidenziale del 2007.

Il processo ha visto l’ex presidente accusato di spaccio di influenza e violazione del segreto professionale, con i pubblici ministeri che chiedevano una condanna a quattro anni con due anni di sospensione per Sarkozy.

I pubblici ministeri hanno concentrato il loro caso sulle conversazioni registrate che coinvolgono i coimputati, dove è stato discusso lo schema di corruzione, con Herzog che ha menzionato in una chiamata il fatto che Azibert fosse interessato a un lavoro a Monaco, e Sarkozy ha affermato che lo avrebbe “aiutato” .

Durante tutto il processo e nonostante la condanna, Sarkozy ha negato le accuse e ha protestato per la sua innocenza. Ci si aspetta che faccia appello alla sentenza del tribunale.

Mentre l’ex presidente è stato condannato a un anno di reclusione e due anni di sospensione della pena, il giudice ha stabilito che Sarkozy sarebbe stato autorizzato a scontare la pena indossando un tag elettronico agli arresti domiciliari.

L’indagine su Sarkozy può essere fatta risalire alla creazione dell’Ufficio del procuratore nazionale delle finanze francese nel 2014, che stava indagando sull’ex presidente sulle accuse di aver ricevuto illegalmente milioni di euro di finanziamenti per la campagna dall’ex leader libico Muammar Gaddaffi. Come parte del loro caso, i pubblici ministeri hanno intercettato il telefono di Sarkozy e quello del suo allora avvocato Herzog, registrando le conversazioni che hanno rivelato lo schema di corruzione.

Sarkozy dovrà ancora affrontare un altro processo entro la fine dell’anno, insieme ad altre 13 persone, per accuse di finanziamento illegale della sua campagna presidenziale del 2012. Il caso si concentrerà sulle accuse secondo cui il suo ufficio avrebbe utilizzato un sistema di falso in bilancio per nascondere le spese eccessive. Alla fine ha perso quell’elezione contro Francois Hollande.

Accanto all’ex presidente, il tribunale francese ha giudicato colpevoli anche i coimputati Thierry Herzog, ex avvocato di Sarkozy, e Gilbert Azibert, il magistrato accusato di corruzione, colpevoli e condannati alla stessa condanna.

Questa è la seconda volta nella storia della Francia che un ex presidente è stato condannato al carcere. Jacques Chirac, che era il predecessore di Sarkozy, è stato riconosciuto colpevole di abuso e sperpero di denaro pubblico nel 2011 e gli è stata inflitta una condanna a due anni con sospensione della pena per azioni criminali avvenute durante il suo periodo come sindaco di Parigi.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.