Database Italia

L’FBI INDAGA SU POSSIBILI FINANZIAMENTI ESTERI DIETRO L’ASSALTO DEL CAMPIDOGLIO.



Secondo quanto riferito, l’FBI sta indagando se attori stranieri abbiano finanziato alcuni dei rivoltosi che hanno violato il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio, hanno detto a NBC News un attuale e un ex funzionario dell’FBI .

L’agenzia sta indagando se governi, organizzazioni o individui stranieri abbiano fornito finanziamenti a coloro che hanno contribuito a pianificare la rivolta, secondo il giornale.  Nell’ambito dell’indagine, secondo quanto riferito, l’agenzia sta esaminando pagamenti di $ 500.000 in bitcoin da parte di un programmatore di computer francese prima della rivolta.

Il programmatore di computer francese è morto suicida poco dopo aver trasferito la criptovaluta, secondo i media francesi, riferisce NBC News. 

Yahoo News ha evidenziato per la prima volta i pagamenti in bitcoin giovedì. La storia è stata poi riportata dalla società di analisi Chainanalysis.

L’8 dicembre, ben 28,15 BTC, che al momento del trasferimento valevano $ 522.000, sono stati inviati a 22 diversi portafogli virtuali, secondo il rapporto.

La maggior parte del denaro è andato al podcaster Nick Fuentes, che ha ricevuto 13,5 BTC, secondo il rapporto di Chainanalysis  , che valgono circa $ 250.000.

Fuentes ha detto a ProPublica che era al raduno ma non è entrato in Campidoglio con la folla, ha osservato la NBC.

Separatamente, l’FBI ha emesso un bollettino all’inizio di questa settimana, con il Dipartimento per la sicurezza interna che avverte che gli attori di influenza russi, iraniani e cinesi “hanno colto l’opportunità per amplificare le narrazioni a sostegno del loro interesse politico durante la transizione presidenziale”, secondo la NBC.

L’FBI ha rifiutato di commentare. 

Il Dipartimento di Giustizia non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte di The Hill.

Il rapporto arriva mentre le forze dell’ordine federali cercano di rintracciare e accusare i presenti tra la folla coinvolta nelle rivolte del 6 gennaio.

La scorsa settimana, Michael Sherwin, in qualità di procuratore degli Stati Uniti per la DC, ha detto in una conferenza stampa che i funzionari stavano trattando le indagini “proprio come una significativa operazione internazionale di antiterrorismo o di controspionaggio”.

“Stiamo esaminando tutto: denaro, documenti di viaggio, dati di disposizione, movimento e comunicazione”, ha detto. “Quindi nessuna risorsa relativa all’FBI o all’ufficio del procuratore degli Stati Uniti sarà deselezionata in termini di tentativo di determinare esattamente se c’era un comando e controllo, come funzionava e come eseguivano queste attività”. 

Negli ultimi giorni sono stati effettuati più di 100 arresti in relazione alla rivolta.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.