Quantcast
Database Italia

L’INDUSTRIA DEI FONDI LUSSEMBURGHESI É UNA SCATOLA NERA DA 5,4 TRILIONI DI DOLLARI


LONDRA (Reuters) – L’industria dei fondi di investimento lussemburghese è una “scatola nera” finanziaria che aiuta le persone a riciclare denaro illecito ed evitare le tasse, secondo un’indagine pubblicata lunedì i cui risultati sono stati respinti dalla nazione dell’UE.

L’indagine OpenLux condotta da giornalisti di un gruppo di organizzazioni dei media, tra cui Le Monde, Le Soir, Miami Herald e Sueddeutsche Zeitung, ha setacciato quattro milioni di documenti e record su 260.000 società collegate al settore dei fondi di investimento lussemburghese da 4,5 trilioni di euro (5,4 trilioni di dollari) tra 1955 e 2020.

Ai sensi della legge lussemburghese, i fondi di investimento devono pubblicare i nomi degli investitori “beneficiari” o finali – il vero proprietario delle azioni – in un registro per aiutare le autorità a reprimere l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro.

Oltre l’80% dei fondi di investimento privati ​​esaminati non ha dichiarato chi fossero i propri investitori finali, afferma l’inchiesta, che ha coinvolto anche Transparency International e l’Anti-Corruption Data Collective.

“Nel complesso, un numero significativo di fondi con sede in Lussemburgo sembra non essere riuscito a identificare i propri proprietari come richiesto dalla legge”, ha detto l’indagine. “L’industria, con migliaia di miliardi di euro di asset gestiti, continua a funzionare come una scatola nera”.

Ha invitato il Lussemburgo e la Commissione europea a rafforzare l’attuale definizione di titolarità effettiva.

Il governo lussemburghese ha affermato di essere “pienamente in linea e conforme” a tutte le norme dell’UE e internazionali sulla lotta all’abuso e all’elusione fiscale.

“Il Lussemburgo non prevede un regime fiscale favorevole per le società multinazionali o le società digitali, che devono rispettare le stesse regole e la legislazione di qualsiasi altra società in Lussemburgo”, ha affermato il governo in una dichiarazione.

Il governo non ha affrontato la questione del perché l’80% dei fondi esaminati dall’indagine non avesse dichiarato chi fossero i propri investitori finali, ma ha aggiunto: “Alla fine del 2020, il tasso di completezza del registro era intorno al 90%. “

Sulla presunta mancanza di dichiarazione, l’indagine ha affermato: “Nella maggior parte dei casi, ciò è probabile perché (i fondi) non sono stati in grado di identificare alcun beneficiario effettivo secondo la definizione fornita dalla legislazione lussemburghese”.

Secondo la legge antiriciclaggio del Lussemburgo, un beneficiario effettivo è qualcuno che alla fine possiede o controlla un’entità attraverso la proprietà diretta o indiretta di oltre il 25% delle azioni o dei diritti di voto, o attraverso altri mezzi. Se nessun proprietario può essere identificato in base a tali regole, devono essere fornite informazioni sulle persone che ricoprono posizioni di alta dirigenza.

Nel 2019, il Fondo monetario internazionale ha elencato il Lussemburgo, un piccolo stato dell’UE di appena 600.000 persone, come un paradiso fiscale leader a livello mondiale che ha attratto tanti investimenti diretti esteri quanto gli Stati Uniti.

La Commissione europea, l’organo esecutivo dell’UE, ha affermato che le indagini forniscono informazioni importanti per riformare i difetti che possono esistere nel sistema.
“Abbiamo in programma di rafforzare le norme a nostra disposizione sull’elusione e l’evasione fiscale”, ha detto una portavoce della Commissione, senza fare commenti specifici sull’indagine di OpenLux.

Sven Giegold, un membro tedesco del partito dei Verdi al Parlamento europeo, ha detto che la “politica del Lussemburgo” non ha fatto nulla per porre fine ai danni causati dall’evasione e dall’elusione fiscale.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments