CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningEventi Avversi V.C.

ll giudice stabilisce che la FDA non può mantenere segreti i documenti sui vaccini “fino al 2096”

Un giudice federale ha affermato che l’autorità di regolamentazione dei farmaci deve accelerare radicalmente il rilascio di centinaia di migliaia di file sul vaccino Pfizer.

Alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense è stato ordinato di accelerare di oltre cento volte la pubblicazione dei documenti relativi al vaccino contro il coronavirus di Pfizer, dopo che l’agenzia ha affermato che la divulgazione richiederebbe decenni.

In una sentenza di giovedì, il giudice distrettuale Mark Pittman ha respinto le precedenti argomentazioni della FDA dopo aver affermato che potrebbero volerci decenni, forse fino al 2096, per completare la richiesta del Freedom of Information Act (FOIA). Sebbene l’agenzia abbia affermato di poter elaborare e pubblicare solo circa 500 pagine al mese, Pittman ha affermato che avrebbe dovuto accelerare il ritmo, ordinando invece di pubblicare 55.000 pagine nello stesso lasso di tempo.

“La corte conclude che questa richiesta FOIA è di fondamentale importanza pubblica”, ha scritto il giudice, aggiungendo che il completamento tempestivo del rilascio è “non solo praticabile, ma necessario”.

Pittman ha accettato una precedente proposta della FDA per una pubblicazione iniziale di circa 12.000 pagine entro la fine di questo mese, ma ha affermato che dovrà accelerare drasticamente il processo entro marzo. Ha permesso al regolatore di oscurare i record solo quando ha “privilegio, esenzione o esclusione” sulle informazioni e ha detto ai querelanti e alla FDA di presentare un “rapporto sullo stato congiunto” che dettaglia i progressi della divulgazione continua entro il 1 aprile, e di nuovo ogni 90 giorni dopo fino al completamento.

La causa FOIA è stata intentata a settembre dall’avvocato Aaron Siri per conto dell’organizzazione Public Health and Medical Professionals for Transparency, un gruppo di professori e scienziati che in precedenza si erano lamentati che la FDA stava trascinando i piedi sulla condivisione dei dati sui vaccini di Pfizer. Poiché l’agenzia è stata in grado di elaborare l’intero bagaglio di documenti Pfizer in 108 giorni per autorizzare il vaccino, i querelanti hanno insistito sul fatto che non erano necessari decenni per rivedere, redigere e consegnare i documenti come affermato.

Commentando la sentenza di giovedì in un post di Substack , Siri ha ritenuto la decisione una “grande vittoria per la trasparenza” che spezzerà una “presa soffocante” del governo sui dati del vaccino.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!