Database Italia

Lo staff del consolato saudita e gli strani eventi nel giorno della morte di Khashoggi

Al personale che quel giorno avrebbe dovuto lavorare presso il consolato saudita di Istanbul all’epoca dell’omicidio di Jamal Khashoggi è stato ordinato di stare lontano il giorno in cui il giornalista dissidente è scomparso nel 2018.

A una donna delle pulizie, due autisti e un tecnico furono negati tutti gli accessi e gli è stato comunicato di non presentarsi al lavoro quel 2 ottobre, queste le loro dichiarazioni il primo giorno del processo in tribunale in Turchia.

Al tecnico del consolato Zeki Demir inizialmente era stato detto che ci sarebbero stati dei lavori di ristrutturazione nella casa del console generale Mohammed al-Otaibi, ma gli è stato chiesto di entrare alle 14:00″C’erano cinque o sei persone lì. Mi hanno impedito di entrare attraverso i tre ingressi. Mi hanno chiesto di illuminare il tandoor (forno). C’era un’atmosfera di panico”, ha detto.”Ho acceso il tandoor e si sono parlati. Ho scherzato dicendo che se cadi nel tandoor diventi uno spiedino. Poi me ne sono andato.”L’autista del Console Generale, Hakan Guven, ha detto alla corte di aver portato al-Otaibi e la sua famiglia all’aeroporto l’8 ottobre.

Queste dichiarazioni sono state incluse nell’accusa, che illustra in dettaglio gli eventi che hanno portato al pomeriggio del 2 ottobre, quando Khashoggi entrò nel consolato saudita in un affollato quartiere degli affari di Istanbul per raccogliere documenti che gli avrebbero permesso di sposare la sua fidanzata Hatice Cengiz. Non ne è mai uscito.

Gli avvocati per i 20 imputati sauditi, assegnati dall’Ordine degli avvocati turco per un processo equo, hanno dichiarato di non essere in grado di raggiungere i propri clienti.

I sospetti nominati nell’accusa includono Ahmed al-Assiri, ex vice capo dell’intelligence generale dell’Arabia Saudita, e Saud al-Qahtani, ex consigliere del Principe ereditario saudita. Entrambi gli uomini sono accusati di “omicidio premeditato e tortura”. 

I restanti 18 imputati sono accusati di “omicidio con tortura premeditato”.

Cengiz, la relatrice speciale delle Nazioni Unite Agnes Callamard, i rappresentanti dell’International press Institute (IPI), della Federazione europea dei giornalisti (EFJ) e dei Reporter senza frontiere (RSF) erano tutti presenti al processo venerdì.

Cengiz, che spera che il caso offra nuovi indizi su dove si trovino i resti di Khashoggi, ha detto ai giornalisti fuori dal tribunale che l’intero processo “esauriva sia spiritualmente che psicologicamente” per lei.”È una responsabilità morale sulle nostre spalle perseguire questo omicidio”, ha detto.

Fonte: CNN



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.