Home Coronavirus Lo zinco aiuta il sistema immunitario a far ricrescere le cellule immunitarie,...

Lo zinco aiuta il sistema immunitario a far ricrescere le cellule immunitarie, a rivelarlo un nuovo studio

0
L'importanza dello zinco nella ricostruzione delle cellule immunitarie

Lo zinco è stato riconosciuto come minerale essenziale sin dagli anni ’70. Più di 300 enzimi nel corpo richiedono zinco per il normale funzionamento ed è ben noto per il suo ruolo nell’immunità e nel normale sviluppo del sistema immunitario.

Uno studio del marzo 2022 ha ora gettato nuova luce su come lo zinco influenza la funzione immunitaria. Lo zinco è necessario per lo sviluppo dei linfociti T che combattono le malattie e per la rigenerazione del timo, che produce i linfociti T.

Leggi: Il vaccino Pfizer Covid-19 distrugge le cellule T e indebolisce il sistema immunitario

Una molecola all’interno delle tue cellule chiamata GPR39 agisce come un sensore che tiene traccia dei cambiamenti nello zinco esterno e, quando il livello aumenta, GPR39 innesca il rilascio di un fattore chiave di rinnovamento e rigenerazione timica.

Gli ionofori di zinco, che fungono da navetta per trasportare lo zinco nella cellula, migliorano l’assorbimento dello zinco. Gli ionofori di zinco includono idrossiclorochina (HCQ), clorochina, quercetina ed epigallocatechina gallato (EGCG).

Leggi anche: Lo zinco inibisce il virus dell’influenza e aiuta il nostro corpo a disintossicarsi dal grafene

Un’eccessiva integrazione di zinco può causare uno squilibrio nel rapporto zinco-rame, che può compromettere la funzione immunitaria. Il rame, a sua volta, è interdipendente dal ferro.

Lo zinco è stato riconosciuto come minerale essenziale per la salute umana sin dagli anni ’70. 1  È il secondo minerale più abbondante che si trova nel corpo umano, 2  ma il corpo non può immagazzinarlo molto bene, quindi dovrai consumare cibi con zinco ogni giorno per soddisfare le esigenze del tuo corpo.

Più di 300 enzimi nel tuo corpo richiedono zinco per il normale funzionamento, 3  ed è ben noto per il suo ruolo nell’immunità e nel normale sviluppo del sistema immunitario. 4

La ricerca nell’ultimo decennio ha identificato il ruolo cruciale che lo zinco svolge nel ridurre in particolare la lunghezza e la gravità delle infezioni delle vie respiratorie superiori. Ad esempio, una meta-analisi 5  pubblicata nel 2017 ha rilevato che coloro che assumevano un supplemento di zinco da 80 a 92 milligrammi (mg) ogni giorno all’inizio dei sintomi del raffreddore hanno visto una riduzione della durata del raffreddore del 33%.

Una ricerca pubblicata nel 2020 ha anche dimostrato che lo zinco è fondamentale per la funzione del sistema immunitario e che la carenza può aumentare il rischio di gravi malattie da Covid. 6  All’inizio della pandemia, un certo numero di medici che stavano curando pazienti affetti da Covid ha riconosciuto l’importanza dello zinco e ha pubblicato linee guida per il trattamento precoce che lo includevano. 9

Come lo zinco influenza la tua funzione immunitaria

Lo zinco influisce sulla funzione immunitaria e aiuta a prevenire le infezioni in vari modi. Ad esempio, i dati hanno mostrato: 10

Le persone carenti di zinco hanno una maggiore suscettibilità agli agenti patogeni, poiché lo zinco aiuta a prevenire l’ingresso di virus11  e la replica di 12  all’interno delle cellule.
Lo zinco media l’immunità non specifica, comprese le cellule natural killer e i neutrofili.
La carenza di zinco impedisce l’attivazione dei linfociti T, la produzione della citochina Th1 e la capacità dei linfociti B di aiutare. Durante la carenza, anche lo sviluppo dei linfociti B è compromesso.
La carenza colpisce la funzione delle cellule dei macrofagi, che possono innescare la produzione di citochine 13  e la morte intracellulare disregolata. Pertanto, con una carenza di zinco, non solo si ottengono più infezioni virali, ma queste innescano un aumento della risposta iperinfiammatoria.
Lo zinco è fondamentale per la replicazione del DNA, la trascrizione dell’RNA e l’attivazione e la divisione cellulare.
Lo zinco supporta la crescita e la funzione dei peli ciliari nel sistema respiratorio. Uno studio pubblicato sull’American Journal of Rhinology and Allergy 14  ha mostrato che lo zinco stimola la frequenza del battito ciliare e può aiutare a migliorare la clearance mucociliare, essenziale per liberare i polmoni dalle mucose. Un altro gruppo di scienziati ha scoperto che l’integrazione di animali carenti di zinco ha influenzato la lunghezza delle ciglia e il numero di cellule epiteliali nei bronchi. 15
Lo zinco migliora anche la barriera epiteliale respiratoria. 16 17
Lo zinco influenza l’interferone-gamma (IFN-γ), che svolge un ruolo significativo nella difesa contro i patogeni intracellulari. 18  Quando c’è una riduzione di questa citochina, la tua funzione immunitaria sarà compromessa.

Lo zinco aiuta il sistema immunitario a far ricrescere le cellule immunitarie

Uno studio del marzo 2022 ha ora gettato nuova luce su come lo zinco influenza la funzione immunitaria. Come riportato da Science Daily: 19

“In un nuovo studio pubblicato online il 25 marzo sulla rivista Blood, gli scienziati del Fred Hutchinson Cancer Research Center rivelano due modi in cui il minerale supporta l’immunità e suggeriscono come potrebbe essere utilizzato per migliorare la salute.

“Utilizzando i topi, il team ha scoperto che lo zinco è necessario per lo sviluppo di cellule immunitarie che combattono le malattie chiamate cellule T e stimola la rigenerazione del timo, l’organo immunitario che produce le cellule T.

“‘Questo studio si aggiunge alla nostra conoscenza di ciò che lo zinco sta effettivamente facendo nel sistema immunitario e suggerisce una nuova strategia terapeutica per migliorare il recupero del sistema immunitario”, ha affermato l’autore senior Dr. Jarrod Dudakov, immunologo presso Fred Hutch …

“Come negli esseri umani, Iovino e Dudakov hanno scoperto che i timi dei topi privati ​​dello zinco alimentare si restringono e producono un numero notevolmente inferiore di cellule T mature, anche dopo appena tre settimane di dieta senza zinco. Iovino è stato in grado di dimostrare che senza lo zinco i linfociti T non possono maturare completamente.

“Ha anche scoperto che la carenza di zinco rallenta il recupero del numero di cellule T dopo che i topi hanno ricevuto trattamenti di distruzione del sistema immunitario simili a quelli somministrati ai pazienti che stanno per ricevere un trapianto di cellule staminali del sangue. Al contrario, lo zinco extra accelera questo processo e le cellule T si riprendono più velocemente del normale”.

Quando lo zinco esterno alle cellule sale, le cellule rilasciano un fattore rigenerativo che innesca il rinnovamento all’interno del timo. I linfociti T accumulano zinco mentre si sviluppano, ma quando vengono uccisi da un’esplosione di radiazioni (o da un altro evento dannoso), quello zinco viene rilasciato, aumentando il livello di zinco esterno.

Una molecola all’interno delle tue cellule chiamata GPR39 agisce come un sensore che tiene traccia dei cambiamenti nello zinco esterno e, quando il livello aumenta, GPR39 innesca il rilascio del fattore di rinnovamento e la rigenerazione del timo. I ricercatori hanno anche scoperto che potrebbero innescare questo processo rigenerativo utilizzando un nuovo composto che imita l’aumento dei livelli di zinco. Dudakov ha spiegato: 20

“Quello che pensiamo stia succedendo è che, quando si somministra un’integrazione di zinco, questo si accumula all’interno delle cellule T in via di sviluppo. Viene immagazzinato, immagazzinato e immagazzinato, quindi arriva il danno e lo zinco viene rilasciato.

“Ora hai più zinco di quanto avresti normalmente e può istigare questo percorso rigenerativo. Con il composto sperimentale possiamo semplicemente mirare direttamente a GPR39 e ottenere praticamente lo stesso effetto senza nessuno di questi pretrattamenti”.

Gli ionofori di zinco migliorano l’efficacia dello zinco

Mentre lo zinco è un minerale cruciale per la normale funzione immunitaria, lo zinco supplementare non è molto biodisponibile. Quindi, per migliorare l’assorbimento di zinco nella cellula, uno ionoforo di zinco può essere molto utile. Gli ionofori di zinco agiscono fondamentalmente come navette che trasportano lo zinco attraverso la membrana cellulare nella cellula e portare lo zinco nella cellula è fondamentale per fermare la replicazione virale.

Gli ionofori di zinco che hanno ricevuto molta esposizione in mezzi alternativi negli ultimi due anni sono l’idrossiclorochina (HCQ), la clorochina, la quercetina e l’epigallocatechina gallato (EGCG). 21  È probabile che tu abbia sentito parlare di HCQ utilizzato per Covid, ma la vera chiave nei protocolli di trattamento precoci che utilizzano HCQ è davvero lo zinco. Il ruolo principale dell’HCQ è quello di aumentare l’assorbimento di zinco nella cellula.

La quercetina, che è un integratore naturale, trasporta anche lo zinco ma ha proprietà antivirali22 , 23 , 24 , 25 , 26 , 27 , 28 , 29 , 30  anti-coagulanti, antinfiammatorie e antiossidanti in aggiunta a quelle. 31  La quercetina ha anche dimostrato di inibire il legame della proteina spike ai recettori ACE-2, bloccando così la capacità di SARS-CoV-2 di infettare le cellule umane. 32

È importante sottolineare che la quercetina aumenta la biogenesi mitocondriale nel muscolo scheletrico, il che suggerisce che parte dei suoi effetti antivirali sono dovuti alla maggiore segnalazione antivirale mitocondriale. 33  Attenuando il danno ossidativo, riduce anche il rischio di infezioni batteriche secondarie, 34  che in realtà è la causa principale dei decessi correlati all’influenza.

Quando è stato vietato l’uso di HCQ per Covid, molti si sono saggiamente rivolti alla quercetina, che è disponibile. Numerosi studi hanno dimostrato che la quercetina, se usata precocemente, riduce il rischio di ospedalizzazione e morte per Covid, 35  e migliora i risultati clinici. 36

Attenzione, la supplementazione di zinco può innescare uno squilibrio di rame

Nonostante tutti i suoi vantaggi, di più non è meglio quando si tratta di integrazione di zinco. In effetti, può ritorcersi contro se non riesci a mantenere un sano rapporto zinco-rame.

Come notato da Chris Masterjohn, che ha un dottorato di ricerca in scienze nutrizionali, 37  in un articolo 38  e in una serie di post su Twitter, 39  “rapporti accettabili di zinco-rame vanno da 2 a 1 a 15 a 1 a favore di zinco. Il rame sembra sicuro da consumare fino a un massimo di 10 mg/die” e “la quantità massima di zinco che si può consumare rimanendo nell’intervallo accettabile del rapporto zinco-rame e rimanendo anche entro il limite superiore per il rame è di 150 mg /d.”

È stato dimostrato che l’assunzione di zinco a dosi comprese tra 150 mg e 300 mg al giorno diminuisce i marcatori della funzione immunitaria, avverte Masterjohn, ed è “molto possibile che l’effetto dannoso di 300 mg/die di zinco sull’indice di stimolazione dei linfociti sia mediato principalmente o completamente per induzione di carenza di rame”.

È stato dimostrato che anche l’assunzione di 60 mg di zinco al giorno riduce l’attività della superossido dismutasi, un enzima importante per la difesa antiossidante e la funzione immunitaria e che dipende sia dallo zinco che dal rame per il normale funzionamento.

Quindi, una cosa fondamentale da ricordare è che il tuo livello di zinco è influenzato anche dal tuo livello di rame e uno squilibrio in questo rapporto può portare a problemi di salute. Il modo migliore per raggiungere prontamente il giusto equilibrio è ottenere i minerali da cibo vero coltivato in terreni sani e ricchi di sostanze nutritive.

Hai bisogno di più zinco?

Detto questo, la carenza di zinco è comune. Gli esperti ritengono che circa il 17,3% della popolazione mondiale sia carente 40  e si stima che la maggior parte delle persone con più di 65 anni consumi solo il 50% della quantità raccomandata. 41

Questo deficit può essere in parte il risultato dell’esaurimento del suolo di zinco dovuto ai metodi di coltivazione convenzionali e può anche semplicemente essere dovuto al fatto che nella dieta non sono inclusi abbastanza alimenti ricchi di zinco. Tuttavia, una grave carenza è rara 42  e spesso associata a una condizione ereditaria chiamata acrodermatite enteropatica.

Segni comuni 43  che il tuo corpo potrebbe aver bisogno di più zinco includono mancanza di appetito, letargia mentale, alterazione del senso del gusto o dell’olfatto, frequenti raffreddori, influenza o infezioni, perdita di capelli 44  e scarsa funzione neurologica. 45  Gli individui a più alto rischio di carenza di zinco includono quelli con malnutrizione, diarrea persistente, 46  anziani, persone con malattie infiammatorie o autoimmuni, alcolisti cronici, vegetariani e vegani. 47

Sebbene possa essere necessario integrare durante la malattia quando il tuo corpo ha bisogno di più zinco, ti consiglio di provare a soddisfare il tuo fabbisogno giornaliero con gli alimenti. Gli alimenti ricchi di zinco includono: 48 49 50

Granchio reale dell’AlaskaOstrichemandorleAnacardi
FagioliPollo ruspanteAgnelloCeci
Fiocchi d’avenaManzo nutrito con erbaCheddar o formaggio svizzeroYogurt
FunghiSpinaciBraciole di maialeSemi di zucca

Personalmente, sarei molto cauto nell’assumere più di 15 mg di zinco al giorno per integratore. Se stai consumando grandi quantità di alimenti animali come la carne di manzo, potresti non averne nemmeno bisogno, poiché i cibi animali (vedi tabella sopra) sono generalmente carichi di zinco, in particolare carni e organi.
 Personalmente non prendo alcun integratore di zinco diverso da quello che ottengo dal mio cibo, che è probabilmente una forma ottimale per massimizzare l’assorbimento.

Se si opta per un integratore, Masterjohn consiglia di assumere da 7 mg a 15 mg di zinco quattro volte al giorno, idealmente a stomaco vuoto o con un alimento privo di fitati. 51  L’indennità dietetica raccomandata negli Stati Uniti è di 11 mg per gli uomini adulti e 8 mg per le donne adulte, con dosi leggermente più elevate raccomandate per le donne in gravidanza e che allattano, 52  quindi non stiamo parlando di assumere dosaggi significativamente più elevati.

Raccomanda inoltre di assumere almeno 1 mg di rame dal cibo e integratori per ogni 15 mg di zinco che assumi. 53  È meglio prendere il rame dal cibo e non da un integratore.

 Anche la vitamina C per alimenti integrali può essere utile, poiché la vitamina C contiene un enzima chiamato tirosinasi, che contiene due atomi di rame. L’acerola è un’ottima fonte. Vuoi anche molti grassi saturi nella tua dieta, poiché il rame è un minerale liposolubile. Se non hai grassi nella tua dieta, la tua capacità di assorbire il rame precipita.

Presta attenzione anche al rapporto rame-ferro

Clicca sull’immagine qui sotto per vedere il video su Rumble .

Mercola: il fattore stealth più importante per migliorare la tua salute – Intervista a Morley Robbins,
11 aprile 2022 (1 ora e 54 minuti)

Il rame è anche fortemente interdipendente dal ferro e deve essere considerato insieme. Se non hai abbastanza rame nella tua dieta, la produzione di emoglobina viene ridotta, insieme a molti altri aspetti del metabolismo del ferro. Quindi, essere anemico non significa automaticamente che sei carente di ferro. Potresti essere carente di rame. L’anemia è tipicamente correlata alla disfunzione o alla disregolazione del ferro, non alla carenza.

Questa interdipendenza, e il ruolo del rame e del ferro nella produzione di energia mitocondriale, è stata discussa a lungo in una recente intervista con Morley Robbins, MBA, CHC, 54 anni,  autore di “Cu-RE Your Fatigue: The Root Cause and How to Fix It”. per conto proprio.” Ho incluso quell’intervista sopra.

L’idea sbagliata comune che l’anemia sia sempre il risultato di una carenza di ferro è tragica, poiché l’eccesso di ferro aumenta lo stress ossidativo e provoca disfunzioni metaboliche. Come spiegato da Robbins, i tuoi mitocondri non producono solo energia. Sono anche centri di riciclaggio cruciali. Il ferro deve essere riciclato attraverso i mitocondri in gruppi di eme o ferro-zolfo, ed entrambi richiedono anche rame nella conversione.

All’interno del tuo corpo, il rapporto ideale tra ferro e rame è, in media, di 50 a 1. Idealmente, avresti circa 5.000 mg di ferro e circa 100 mg di rame nel tuo corpo.

La maggior parte delle persone ha il ferro elevato

Il fatto è che la maggior parte degli uomini e delle donne in postmenopausa hanno un eccesso di ferro. Come spiegato da Robbins, accumuli circa 1 mg di ferro ogni giorno (sulla base della ricerca dei principali biologi del ferro) e, a meno che tu non perda sangue, mantieni quella quantità. A 65 anni potresti aver accumulato oltre 20.000 mg di ferro di accumulo.

Quindi, ancora una volta, il più delle volte, l’anemia (caratterizzata da bassi livelli di ferro sierico e bassa ferritina sierica) non è un segno di ferro insufficiente, ma piuttosto un segno che il ferro non viene riciclato correttamente a causa dell’insufficienza di rame.

Questo accumulo di ferro aumenterà radicalmente lo stress ossidativo e il danno ai tessuti del tuo corpo. È anche una delle cause più comuni di affaticamento a causa di come altera la produzione di energia mitocondriale.

Quando si dona mezzo litro di sangue, si rimuovono circa 250 mg di ferro dal ferro dei tessuti. Donare quattro litri all’anno è molto più della maggior parte delle persone, ma puoi vedere che se avessi 20.000 mg di ferro di accumulo, ci vorrebbero 20 anni di donazione di sangue quattro volte l’anno per riportarlo a un livello sano.

Mentre la donazione di sangue regolare è un modo molto efficace per abbassare il ferro, perdere il 10% del sangue in una sola seduta può essere un problema per molti. È più facile per il tuo sistema rimuovere il sangue in quantità minori una volta al mese secondo il programma che ho elencato di seguito. Se soffri di insufficienza cardiaca congestizia o BPCO grave, dovresti discuterne con il tuo medico, ma per il resto questa è una raccomandazione abbastanza appropriata per la maggior parte delle persone.

Uomini150 ml
Donne in postmenopausa100 ml
Donne in premenopausa50 ml

Fonti e riferimenti

Previous articleLE PALESI MENZOGNE SULLA MORTE DI MARTINA
Next articleCOVID: CAVIE UMANE PER NUOVO VACCINO ANTI-AIDS. Dal SARS-2 BioArma con HIV Denunciato da Montagnier ai Trials del Siero Genico Moderna con Gates & Fauci