CoronavirusSaluteScienza e Tecnologia

Lo zinco inibisce il virus dell’influenza e aiuta il nostro corpo a disintossicarsi dal grafene

Il tuo sistema immunitario è la tua prima linea di difesa contro tutte le malattie, in particolare le malattie infettive, e ci sono molti modi diversi per potenziare il tuo sistema immunitario e migliorarne la funzione. Un nutriente che svolge un ruolo molto importante nella capacità del sistema immunitario di scongiurare le infezioni virali è lo zinco.

I farmaci antimalarici clorochina e idrossiclorochina sono  forme sintetiche di chinino , un  composto naturale presente  nelle piante. L’idrossiclorochina e la  clorochina agiscono come ionofori di zinco così  come gli altri composti naturali  quercetina  ed  epigallocatechina-gallato  (“EGCG”). 

Leggi anche:
“FIOCCHI” DI GRAFENE CONTROLLANO L’ATTIVITÀ DEL CERVELLO
L’arma del delitto di Fauci dispiegata contro 5 miliardi di esseri umani fiduciosi: l’idrossido di grafene
RIVELAZIONI SHOCK DI EX DIPENDENTE PFIZER: “Vaccini con Luciferasi, Ossido di Grafene e Cellule Fetali Abortive”
Ancora un Organismo parassita soprannominato “The Thing” trovato nei vaccini COVID | Dr. Franc Zalewski: “Ecco perché c’è il grafene”

Lo zinco potrebbe essere un giocatore ampiamente sottovalutato nella pandemia di Covid. È vitale per una sana funzione immunitaria e nel 2010 è stato dimostrato che una combinazione di zinco con uno ionoforo di zinco – una molecola di trasporto dello zinco che facilita l’assorbimento dello zinco nel corpo –  inibisce il coronavirus SARS  in vitro o in “esperimenti in provetta”. Nella coltura cellulare, ha anche bloccato la replicazione virale in pochi minuti.

Nota: è interessante notare che uno degli autori di questo studio del 2010 non era altri che Ralph Baric, dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, che è una delle quattro persone intrinsecamente legate alla creazione di SARS-CoV-2 e alla sua pandemia, il altri sono Shi Zhengli, la “donna pipistrello”,  Peter Daszak  e Anthony Fauci.  Secondo il dottor David Martin , Daszak e Fauci sono gli artefici della pandemia.

Nel video qui sotto, il  dott. Roger Seheult  esamina prove convincenti che suggeriscono che il motivo per cui i farmaci antimalarici sembrano così utili nel trattamento dei Coronavirus è in effetti perché migliora l’assorbimento dello zinco nella cellula. Tieni presente che questo video è stato realizzato a marzo 2020.

MedCram: trattamento combinato con clorochina e zinco, 10 marzo 2020 (16 minuti)

Covid e carenza di zinco condividono molti sintomi. Come notato da Bill Sardi, la maggior parte dei sintomi del Covid – 18 sintomi in tutto – sono quasi indistinguibili da quelli della carenza di zinco. I sintomi condivisi da entrambi includono ma non sono limitati a:

Estratto da  Bill Sardi: Il medico del pronto soccorso non si rende conto dei principali segni e sintomi dei casi di coronavirus Covid-19 Corrispondono alle prove di carenza di zinco , 31 marzo 2020

Studi su Zinco e Zinco Ionofori:

I sintomi associati al presunto Covid corrispondono anche ai sintomi delle radiazioni EMF e dell’avvelenamento da ossido di grafene. Ad esempio,  uno studio pubblicato a ottobre ha  concluso che esiste una sostanziale sovrapposizione nella patobiologia tra l’esposizione al presunto Covid e ai sistemi di comunicazione wireless. E La Quinta Columna, che ha pubblicizzato molte ricerche in relazione al grafene trovato in maschere per il viso, tamponi e iniezioni, ha  dichiarato a giugno :

“L’ossido di grafene è un tossico che genera trombi nell’organismo, l’ossido di grafene è un tossico che genera la coagulazione del sangue. L’ossido di grafene provoca alterazione del sistema immunitario. Scompensando l’equilibrio ossidativo rispetto alle riserve di glutatione. Se la dose di ossido di grafene viene aumentata per qualsiasi via di somministrazione, si provoca il collasso del sistema immunitario e la conseguente tempesta di citochine… Insomma, l’ossido di grafene è il presunto SARS-CoV-2, il presunto nuovo coronavirus provocato prima della malattia chiamata Covid19.”

  • Riepilogo del protocollo di disintossicazione da proteine ​​​​spike e ossido di grafene

    Il grafene può essere eliminato naturalmente dal corpo. Un enzima presente nel nostro sangue, la mieloperossidasi, degrada l’ossido di grafene. L’alcol (etanolo) o il tabacco (nicotina), ad esempio, possono aiutare ad aumentare questo enzima. Ma ci sono opzioni più salutari per supportare i nostri corpi nell’abbattere il grafene che entra nei nostri corpi.

    Nel video qui sotto, La Quinta Columna spiega che ogni antiossidante, in particolare il principale antiossidante glutatione, degrada l’ossido di grafene.

     Inclusi nell’elenco degli integratori alimentari suggeriti da La Quinta Columna sono lo zinco ed è ionoforo, la quercetina.

Orwellito: La Quinta Columna informa sugli antiossidanti che degradano l’ossido di grafene , 20 luglio 2021 (12 min)

Per saperne di più:

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!