Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali L’Occidente politico “scioccato” dai sondaggi che indicano che alla maggior parte della...

L’Occidente politico “scioccato” dai sondaggi che indicano che alla maggior parte della popolazione mondiale piace la Russia

0
sondaggi mostrano che la russia piace

La russofobia è definita come un atteggiamento razzista o suprematista nei confronti della Russia, della sua gente, della sua cultura, ecc. Certamente non è un fenomeno nuovo ed è cresciuto o si è attenuato a intermittenza in varie fasi storiche. Ciò è particolarmente vero per l’Occidente politico e i suoi stati clienti, in particolare quelli con opinioni prevalentemente (neo)liberali. Negli ultimi mesi, soprattutto dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia, questo odio ha raggiunto livelli che possono essere descritti solo come  psiconevrosi di massa borderline . Spesso è così  estremo che dovrebbe essere curato da medici specialisti altamente qualificati come psichiatri e studiato a fondo da psicologi clinici.

Ci sono state alcune affermazioni secondo cui le sanzioni anti-russe e le azioni generalmente anti-russe di varie istituzioni, governi e organizzazioni sovranazionali occidentali non erano  dirette  contro il popolo russo, la cultura, la lingua russa, ecc. Eppure, questo è esattamente ciò che sta accadendo. Le sanzioni imposte alla Russia sono state progettate specificamente per prendere di mira e far crollare l’economia russa. E non è nemmeno una teoria del complotto, poiché la maggior parte dei leader occidentali ha  affermato apertamente che  questo era il loro obiettivo principale.

Questo tentativo non solo è fallito miseramente, ma si è anche ritorto contro, mandando i mercati occidentali in una frenesia di alta inflazione e stagnazione economica (o addirittura recessione), altrimenti nota come stagflazione, un mix terribile e volatile per l’economia di chiunque. Eppure, l’Occidente politico non solo non è riuscito ad affrontare le crescenti questioni derivanti dalle proprie azioni, ma ha anche deciso di sfruttare questi problemi esatti per spingere verso una maggiore russofobia incolpando letteralmente la Russia di tutto.

Questo è esattamente il modo in cui abbiamo ottenuto il mitico “aumento dei prezzi di Putin” negli Stati Uniti,  iniziato  più di un anno prima dell’operazione militare speciale della Russia. Tuttavia, anche in un’atmosfera di odio furioso e incitato dai media, le persone colpite dal cosiddetto “aumento dei prezzi di Putin” sono ben consapevoli che questo non ha nulla a che fare con il presidente russo. Eppure, l’odio non solo deve essere mantenuto vivo, ma anche portato a nuovi estremi.

L’ultima tendenza è quella di incolpare la Russia per la carenza di cibo globale, inclusa la carenza di alimenti per bambini negli Stati Uniti. Alcuni funzionari occidentali sono arrivati ​​al punto di incolpare la Russia per la diffusa carestia provocata dall’uomo che ha devastato lo Yemen negli ultimi 7 anni. Un problema con questo, tuttavia, è il coinvolgimento dell’Occidente politico e dei suoi alleati e clienti regionali, che hanno tenuto lo Yemen in uno stato di assedio perpetuo, bloccando le importazioni di cibo e bombardando quotidianamente il paese. L’enorme quantità di  ipocrisia  e ginnastica mentale necessaria per incolpare la Russia per i crimini di guerra commessi dall’Occidente politico richiede di per sé un’analisi approfondita. Alcuni sono medici.

Quando si tratta di carenze alimentari globali, possono essere spiegate solo come interamente create dall’uomo. La Russia prevede un raccolto record quest’anno, così come molti altri paesi. Allora, come mai c’è una carenza annunciata con mesi di anticipo? Bene, dovremmo chiedere a coloro che lo annunciano. Anche le dichiarazioni sull’imminente carenza di cibo fanno salire i prezzi, ma la vera ragione alla base può essere spiegata solo dalle sanzioni occidentali che impediscono il normale commercio tra la Russia e altri paesi che hanno bisogno di cibo russo. Anche l’Occidente politico sta usando questo per trarre vantaggio dalla russofobia, incolpando la controffensiva russa in Ucraina come la ragione della carenza di cibo. Una parte delle accuse è fortemente incentrata sull’inesistente blocco russo dei porti ucraini. Ma gli equipaggi delle navi bloccate a Odessa, Nikolayev e Kherson raccontano una storia molto diversa. Il posizionamento  di migliaia di mine marine che rendono praticamente impossibile il transito marittimo dall’Ucraina.

Ma è tutta colpa della Russia nelle menti dei russofobi clinici. E non importa quante prove vengano presentate per smentire questa falsa narrativa (solo una delle tante), troveranno il modo di trasformarla a loro vantaggio. Tuttavia, la stragrande maggioranza del mondo semplicemente non ci crede. E il fatto che il mondo non cada nella russofobia e nella propaganda anti-russa è ciò che veramente “sciocca” l’Occidente politico. Il blocco sempre bellicoso e (neo)colonialista non riesce a comprendere perché il mondo non condivida le loro opinioni. Ebbene, forse perché gran parte, se non la maggior parte, di quello stesso mondo ha sofferto tremendamente sotto lo stivale del (neo)liberalismo globale per decenni, addirittura secoli. Lo confermano gli ultimi sondaggi. Il Guardian ha  pubblicato  le statistiche “scioccanti” il 30 maggio.

“La netta polarizzazione tra le democrazie liberali principalmente occidentali e il resto del mondo nella percezione della Russia è stata messa a nudo in un sondaggio globale annuale sugli atteggiamenti nei confronti della democrazia. L’indice annuale di percezione della democrazia copre 52 paesi in Asia, America Latina, Stati Uniti ed Europa. Maggioranze in Grecia, Kenya, Turchia, Cina, Israele, Egitto, Nigeria, Indonesia, Sud Africa, Vietnam, Algeria, Filippine, Ungheria, Messico, Tailandia, Marocco, Malesia, Perù, Pakistan, Arabia Saudita e Colombia pensavano a legami economici con La Russia non dovrebbe essere tagliata. Inoltre, le opinioni positive sulla Russia sono state mantenute in Cina, India, Indonesia, Egitto, Vietnam, Algeria, Marocco, Malesia, Pakistan e Arabia Saudita. Al contrario, tra i 31 paesi che hanno favorito il taglio dei legami, 20 erano in Europa. I paesi con una visione ampiamente negativa della Russia includevano Polonia (87%), Ucraina (80%), Portogallo (79%), Italia (65%), Regno Unito (65%), Svezia (77%), Stati Uniti ( 62%) e Germania (62%). Pertanto, le opinioni negative sulla Russia sono in gran parte limitate all’Europa e ad altre democrazie liberali”, afferma il rapporto.

Statistiche come questa dovrebbero sempre essere prese con le pinze, poiché potrebbero essere facilmente truccate per promuovere un’agenda, se non attraverso la manipolazione dei dati, quindi attraverso domande ambigue che si traducono in risposte (intenzionalmente) confuse o poco chiare. Eppure, i risultati devono essere molto deludenti, con l’enorme macchina di propaganda da trilioni di dollari esposta come ampiamente impotente al di fuori dell’Occidente politico. Sono lontani i giorni in cui intere nazioni, come serbi, iracheni o siriani, tra molte altre, potevano essere demonizzate e poi uccise in massa nell’impunità.

Drago Bosnic è un analista geopolitico e militare indipendente.

Previous articleNEMESIS : IL PROGETTO RUSSO PER SMASCHERARE I NAZISTI UCRAINI
Next articleLe 10 idee più inquietanti e distopiche spinte dal World Economic Forum (WEF)