CoronavirusSaluteSocietà

LOCKDOWN, SECONDO NEIL FERGUSON L’ITALIA HA CAMBIATO CIÒ CHE ERA ACCETTABILE PER I PAESI OCCIDENTALI


Il professor Neil Ferguson, epidemiologo presso l’Imperial College ha rilasciato il 25 dicembre scorso una straordinaria intervista (passata in sordina in Italia) a Tom Whipple al Times, in cui conferma il grado in cui crede che l’imitazione delle politiche di lockdown della Cina all’inizio del 2020 abbiano contribuito a cambiare i parametri di ciò che le società occidentali considerano accettabile.

“Penso che la percezione delle persone di ciò che è possibile in termini di controllo sia cambiata in modo piuttosto drammatico tra gennaio e marzo”, afferma il professor Ferguson. Quando SAGE osservò l ‘”intervento innovativo” fuori dalla Cina, di bloccare intere comunità e non permettere loro di lasciare le loro case, inizialmente presumevano che non sarebbe stata un’opzione disponibile in una democrazia occidentale liberale: È uno stato comunista a partito unico, abbiamo detto. Non potevamo farla franca in Europa, abbiamo pensato … e poi l’Italia l’ha fatto. E abbiamo capito che potevamo. – PROFESSOR NEIL FERGUSON, THE TIMES

Sembra quasi che si sforzi di enfatizzare la derivazione cinese del concetto di lockdown, tornando su di essa più avanti nell’intervista:
“In questi giorni, il blocco sembra inevitabile. Sembra…ma mi ricorda tutt’altro. “Se la Cina non l’avesse fatto”, dice, “l’anno sarebbe stato molto diverso” “.

Per coloro che, ancora adesso, si oppongono ai blocchi sui principi delle libertà civili, questo sarà un agghiacciante promemoria della centralità del modello autoritario cinese nell’influenzare la politica globale in questo anno storico.

Questa intuizione ha permesso a Ferguson e ad altri consulenti di promuovere il controllo del virus al di sopra di ogni altra considerazione e di mantenerlo lì.

Quando i governi assumono il controllo di un nuovo aspetto della nostra vita, ne assumono la responsabilità permanente nella mente del pubblico e dei media. Sanno che è molto più probabile che siano chiamati a rendere conto di eventuali conseguenze negative di un successivo rilassamento di quanto non lo siano per i suoi benefici.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

3 2 votes
Article Rating
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!