CoronavirusSalute

L’OMS modifica i criteri del test sul virus nel tentativo di ridurre i falsi positivi


L’ Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ) ha avvertito gli esperti di non fare affidamento esclusivamente sui risultati di un test PCR per rilevare il  virus  .

Nella guida aggiornata pubblicata il 20 gennaio, l’OMS ha affermato che gli esperti di laboratorio e gli operatori sanitari dovrebbero anche considerare la storia del paziente e i fattori di rischio epidemiologico insieme al test PCR nella diagnosi del virus 

La nuova guida potrebbe portare a un numero significativamente inferiore di casi giornalieri.

“La maggior parte dei test PCR sono indicati come ausilio per la diagnosi, pertanto, gli operatori sanitari devono considerare qualsiasi risultato in combinazione con la tempistica del campionamento, il tipo di campione, le specifiche del test, le osservazioni cliniche, la storia del paziente, lo stato confermato di eventuali contatti e le informazioni epidemiologiche, “Dice la guida.

Non è chiaro perché l’agenzia sanitaria abbia aspettato più di un anno per rilasciare la nuova direttiva. L’OMS non ha risposto a una richiesta di The Epoch Times.

Scienziati e medici hanno sollevato preoccupazioni per molti mesi di un eccessivo affidamento e di un uso improprio del test PCR come strumento diagnostico poiché non può distinguere tra un virus infettivo vivo da un frammento di virus inattivato che non è infettivo.

Inoltre, i valori di soglia del ciclo elevato della maggior parte dei test PCR, a 40 cicli o più, aumentano il rischio di falsi positivi. Un valore di soglia più alto indica una minore carica virale e che la persona ha meno probabilità di essere infettiva, mentre una persona con un valore di soglia del ciclo inferiore ha una carica virale più alta o è più contagiosa.

L’OMS non ha specificato quale dovrebbe essere il valore soglia di soglia per una diagnosi positiva, ma ha detto di solo “determinare se la regolazione manuale della soglia di positività PCR è raccomandata dal produttore”.

Fonte: The Epoch Times

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!