CoronavirusEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

L’OMS raccomanda 2 nuovi farmaci come trattamenti per il COVID-19

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha raccomandato due nuovi farmaci per il trattamento del presunto COVID-19: baricitinib e sotrovimab.

Baricitinib, un farmaco orale, è “fortemente raccomandato” per le persone con COVID-19 grave o critico, da somministrare con corticosteroidi, ha annunciato l’OMS.

Baricitinib fa parte di una classe di farmaci chiamati inibitori della Janus chinasi (JAK), che sopprimono la sovrastimolazione del sistema immunitario. Il farmaco è anche usato per trattare l’artrite reumatoide.

Il gruppo di sviluppo delle linee guida dell’OMS ha trovato “prove di certezza moderata che baricitinib ha migliorato la sopravvivenza e ridotto la necessità di ventilazione, senza alcun aumento osservato degli effetti avversi”.

Sotrovimab è “consigliato condizionatamente” per le persone con COVID-19 lieve o moderato ma ad “alto rischio” di ricovero. Ciò include le persone che sono “anziane, immunocompromesse, con condizioni di base come diabete, ipertensione e obesità e quelle non vaccinate”, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite.

Sotrovimab viene somministrato come una singola infusione endovenosa della durata di 30 minuti. È un farmaco anticorpo monoclonale e può essere utilizzato come alternativa al casirivimab-imdevimab, un altro anticorpo monoclonale raccomandato dall’OMS a settembre 2021.

La raccomandazione del 14 gennaio è l’ottavo aggiornamento delle linee guida vigenti dell’agenzia sulle terapie e sul COVID-19 , pubblicate sul British Medical Journal , e si basa sull’evidenza di sette studi che coinvolgerebbero oltre 4.000 pazienti con COVID-19 che vanno da non grave a critico.

Il gruppo di esperti dietro le linee guida ha anche esaminato le informazioni relative ad altri due farmaci per COVID-19 gravi e critici: gli inibitori JAK ruxolitinib e tofacitinib.

Hanno determinato che le prove di piccoli studi “non hanno mostrato benefici e hanno suggerito un possibile aumento di gravi effetti collaterali con tofacitinib”. Da allora l’OMS ha formulato una raccomandazione condizionale contro il loro uso.

L’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) ha applaudito alla nuova raccomandazione dell’OMS per baricitinib. In una dichiarazione , il gruppo ha esortato i governi ad adottare misure per assicurarsi che le protezioni dei brevetti “non ostacolino l’accesso a questo trattamento”.

MSF ha osservato che la società farmaceutica statunitense Eli Lilly ha depositato e ottenuto numerosi brevetti, inclusi Brasile, Russia, Sud Africa e Indonesia, bloccando quindi la produzione di versioni a prezzi accessibili di baricitinib.

“Nonostante il fatto che baricitinib sia già approvato per altre condizioni come l’artrite reumatoide – e le versioni generiche siano già disponibili in India e Bangladesh a prezzi molto più bassi rispetto a quelli praticati da Eli Lilly – baricitinib non sarà ampiamente disponibile per il trattamento del COVID-19 in quanto fintanto che l’azienda continua a bloccare la produzione di generici nella maggior parte dei luoghi”, ha affermato MSF.

“Un  produttore indiano ha valutato il baricitinib  a $ 5,50 per ciclo di trattamento di 4 mg una volta al giorno per 14 giorni e il prezzo più basso di listino in Bangladesh ( pdf ) è di $ 6,70. Questo è quasi 400 volte inferiore all’esorbitante prezzo di listino di Eli Lilly a luglio di $ 2.326 per ciclo di trattamento”.

[jetpack_subscription_form]
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!