CoronavirusEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

L’ONS si rifiuta di pubblicare i dati sulle morti infantili ma un rapporto precedente mostrava che i bambini vaccinati contro il Covid-19 hanno il 5100% di probabilità in più di morire rispetto ai bambini non vaccinati

Articolo pubblicato da The Exposè

Un rapporto pubblicato dall’Office for National Statistics il 20 dicembre 21, sui decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra ha rivelato inavvertitamente che i bambini vaccinati contro il Covid-19 hanno una probabilità fino a 52 volte maggiore di morire per qualsiasi causa rispetto ai bambini non vaccinati.

Ma l’ultimo aggiornamento dell’ONS pubblicato il 4 febbraio 22, non ha incluso alcun dato sui decessi tra i bambini, suggerendo che le autorità nel Regno Unito hanno chiaramente qualcosa da nascondere quando si tratta della sicurezza dei bambini che ricevono il vaccino Covid-19.

L’ultimo set di dati su ” Decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra “, è stato pubblicato dall’Office for National Statistics (ONS) il 4 febbraio 22, e contiene statistiche sui decessi tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 21. Il set di dati contiene varie tabelle che mostrano dettagli come “Tassi di mortalità mensili standardizzati per età per stato di vaccinazione per decessi che coinvolgono COVID-19” e “Tassi di mortalità mensili standardizzati per età per stato di vaccinazione per decessi non COVID-19”.

Ma ciò che l’ultimo rapporto non ha incluso sono le statistiche sui decessi che si verificano tra i bambini, la domanda è perché?

La fascia di età più giovane inclusa nell’ultimo set di date è 18-39

Ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni è stata offerta l’iniezione di Covid-19 dal 21 settembre, grazie al Chief Medical Officer per l’Inghilterra, il professor Chris Whitty, che ha annullato il Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) e ha incaricato il governo del Regno Unito di lanciare l’iniezione sperimentale ai bambini con effetto immediato.

E il precedente set di dati pubblicato dall’ONS il 20 dicembre 21 contenente dati sui decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 1 gennaio e il 31 ottobre 21 , includeva molti dati su bambini di appena 10 anni.

Allora perché l’ONS non ha incluso alcun dato sui bambini nel loro set di dati più recente sui decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra?

Bene, potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che il rapporto precedente mostrava che i bambini hanno 52 volte / 5.100% in più di probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto ai bambini che non hanno ricevuto l’iniezione sperimentale, ma anche allora l’ONS ha cercato di nasconderlo .

Il 20 dicembre 21, l’Office for National Statistics (ONS) ha pubblicato un set di dati contenente dettagli sui “decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra” tra il 1 gennaio e il 31 ottobre 21.

L’ONS ha tabulato i loro “tassi di mortalità mensili standardizzati per età per fascia di età e stato di vaccinazione per i decessi per 100.000 anni persona”, ma ha presentato solo i dati per individui di età pari o superiore a 18 anni.

Fonte

Tuttavia, nella tabella 9 del set di dati “Deaths by Vaccination Status” , l’ONS ha fornito inavvertitamente dettagli sufficienti sui decessi tra bambini e adolescenti per stato di vaccinazione per permetterci di calcolare noi stessi i tassi di mortalità.

Tutto quello che dovevamo fare per calcolare il tasso di mortalità per 100.000 anni-persona era dividere gli anni-persona per 100.000, e poi dividere il numero di decessi per la risposta a quell’equazione.

  • Persona Anni / 100.000 = x
  • Numero di decessi / x = tasso di mortalità per 100.000 anni persona

Ecco i tassi di mortalità calcolati per stato di vaccinazione tra i 15-19 anni sulla base degli anni-persona calcolati dall’ONS contenuti nel precedente rapporto pubblicato il 20 dicembre 21 –

Dati di origine

I dati hanno mostrato un massiccio aumento dei decessi tra gli adolescenti vaccinati singolarmente e con due vaccinazioni rispetto alle loro controparti non vaccinate. Per i bambini di età compresa tra 15 e 19 anni, il rischio di morte è aumentato dell’82% dopo la prima dose e di uno sconvolgente 226% dopo la seconda. Ma ecco i tassi di mortalità calcolati per stato di vaccinazione tra i 10-14 anni sulla base degli anni persona calcolati dall’ONS contenuti nel precedente rapporto pubblicato il 20 dicembre 21 –

Dati di origine

Le cose tra gennaio e ottobre 2021 sono andate molto peggio per i ragazzi dai 10 ai 14 anni. Il rischio di morte è aumentato di uno strabiliante 885% dopo il primo sparo, e poi di un sconvolgente 5105% dopo la seconda dose. Ciò significa che i bambini tra i 10 e i 14 anni, che avevano ricevuto almeno un vaccino contro il Covid-19, avevano 10 volte più probabilità di morire tra gennaio e ottobre 2021, mentre i bambini che avevano la seconda dose avevano 52 volte più probabilità di morire.

Ma queste cifre erano in realtà anche peggiori di come apparivano all’inizio, perché il tasso di mortalità dei non vaccinati tra i 10-14 anni includeva bambini di età compresa tra 10 e 11 che all’epoca non erano idonei alla vaccinazione. Mentre i tassi di mortalità dei vaccinati non includono i bambini di 10 e 11 anni.

Pertanto, se le iniezioni di Covid-19 non avessero causato la morte prematura dei bambini, allora ci saremmo effettivamente aspettati di vedere un tasso di mortalità più basso tra la popolazione vaccinata rispetto al tasso di mortalità tra la popolazione non vaccinata, non un tasso di mortalità simile , e certamente non un tasso di mortalità 52 volte superiore.

Ora, abbiamo rivelato tutto questo nel gennaio 2022. Quindi, se l’Office for National Statistics voleva dimostrare che ci sbagliavamo, allora aveva la possibilità di farlo nel loro prossimo set di dati su ” Decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 21 ‘.

Ma hanno pubblicato quel set di dati il ​​4 febbraio 22 e invece di fornire dati sui bambini per reprimere i nostri timori per le gravi conseguenze nel somministrare ai bambini un’iniezione sperimentale di Covid-19 di cui non hanno bisogno, l’ONS ha invece scelto di non includere alcun dato sui decessi tra i bambini qualunque. Siamo ora a marzo e l’ONS ha avuto un mese per fornire dati rivisti, compresi i decessi tra i bambini, ma non sono riusciti a farlo, anche se possiamo vedere che hanno rivisto i dati l’8 febbraio 22.

Dal precedente rapporto che includeva dati fino al 31 ottobre 21, il numero di bambini di età compresa tra 12 e 15 che hanno ricevuto un vaccino Covid-19 fino al 31 dicembre 21, è aumentato da circa il 33% della popolazione a circa il 50%. Quindi l’ONS aveva molti più dati che avrebbero potuto utilizzare nel loro ultimo aggiornamento per dimostrare al pubblico in generale che i dati mostrano effettivamente che la vaccinazione contro il Covid-19 è un’ottima cosa per i bambini.

Fonte – Pagina 17

Invece hanno scelto di nascondere quei dati sotto il tappeto, e tutto ciò che ci rimane sono dati storici che mostrano che i bambini con doppia vaccinazione hanno il 5.100% di probabilità in più di morire rispetto ai bambini non vaccinati, una statistica che si è riflessa nel numero complessivo di decessi per settimana tra i 10 e i 14 anni dall’introduzione del vaccino Covid-19 in questa fascia di età.

Fonte

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!