Società

L’ONU ACCUSATA DI RAZZISMO DA ALCUNI MEMBRI DEL SUO STAFF

Le Nazioni Unite sono state accusate di razzismo da alcuni membri del suo staff dopo aver pubblicato un sondaggio che includeva una domanda in cui si chiedeva come si identificassero, e proposto “giallo” tra le possibili risposte.

Mercoledì scorso è stata inviata la “Indagine delle Nazioni Unite sul razzismo” a migliaia di dipendenti. Un’e-mail che accompagnava il sondaggio spiegava che era stato condotto come parte della “campagna del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per sradicare il razzismo e promuovere la dignità”.

Ma la prima domanda, su come il personale si identifica, riflette essa stessa una storica visione razzista occidentale degli asiatici elencando il “giallo” come opzione, hanno detto a Reuters diversi membri dello staff delle Nazioni Unite. Altre categorie offerte erano nere, marroni, bianche, miste / multirazziali e qualsiasi altra.

“La prima domanda è folle, profondamente offensiva e difficile da capire come in un’organizzazione così diversa come le Nazioni Unite questa domanda sia stata approvata per il rilascio in un sondaggio a livello di sistema”, ha detto un membro del personale delle Nazioni Unite, parlando a condizione di anonimato.

Le Nazioni Unite non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento sul sondaggio.

Erica Foldy, professore associato presso la Wagner Graduate School of Public Service della New York University, ha affermato che l’uso del termine non è accettabile.

“Il termine ‘giallo’ per riferirsi a persone di origine asiatica è un insulto. Non dovrebbe essere usato, punto. Allo stesso tempo, è utile ricordare che il linguaggio relativo alla razza è complesso e sempre in evoluzione “, ha detto.

“Recentemente il marrone, che era stato considerato una specie di insulto (anche se forse mai problematico come il giallo) è diventato ampiamente utilizzato. Ma non vedo che ciò accada con “giallo” “, ha detto Foldy.

L’email che accompagna il sondaggio, dice: “Questo sondaggio ci fornirà i dati necessari per comprendere la profondità del razzismo all’interno delle Nazioni Unite”. Aggiunge: “non siamo immuni dal problema”.

Organizzazioni e aziende sono state sottoposte a crescenti pressioni per affrontare il razzismo sulla scia delle proteste globali innescate dalla morte di George Floyd, un nero americano morto a maggio dopo che un poliziotto bianco si era inginocchiato sul collo.

Fonte: Reuters

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!