Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali L'”operazione militare speciale” russa diventa Guerra di Liberazione dichiarata dalla Repubblica popolare...

L'”operazione militare speciale” russa diventa Guerra di Liberazione dichiarata dalla Repubblica popolare di Donetsk

11
0

Oggi un funzionario eletto di Donetsk ha annunciato l’ultimo piano per l’Ucraina e questo segna il più grande cambiamento da quando la Russia ha iniziato la sua operazione militare speciale (SMO).

Denis Pushilin è un politico della regione di Donetsk, capo della Repubblica popolare di Donetsk (DPR) dal 2018.

In precedenza era stato presidente del Consiglio popolare ed era diventato capo di stato ad interim in seguito all’assassinio dell’incumbent Alexander Zakharchenko durante il conflitto nella regione dell’Ucraina orientale. Si è candidato con successo alle elezioni per un intero mandato nelle elezioni del 2018.

Detto questo, quando Pushilin parla, parla con autorità; è stata la sua amministrazione a chiedere – e ottenere – protezione dalla Russia attraverso l’SMO in corso.

Questa mattina, Pushilin ha fatto il seguente annuncio:

“Oggi è tempo di liberare di nuovo le città russe fondate dal popolo russo: Kiev, Chernihiv, Poltava, Odessa, Dnepropetrovsk, Kharkov, Zaporozhye, Lutsk”

Questo annuncio è probabilmente il più importante da quando l’esercito russo è entrato in Ucraina il 24 febbraio. L’escalation della guerra necessaria per raggiungere questo obiettivo, ora sembra spiegare completamente perché così tanti treni carichi di truppe e armi russe si sono riversati nel teatro di guerra tutta la scorsa settimana, quasi TRIPLICANDO la quantità di potenza di fuoco russa disponibile (ma non ancora schierata) in Ucraina.

Previous articleLa Grande Romania emerge dalle ceneri di Stalingrado
Next articleAttenzione: la nuova malattia – TTV (Tutto tranne i vaccini)
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.