Home Deep State L’Ucraina chiude il gas diretto all’Europa

L’Ucraina chiude il gas diretto all’Europa

0
Ukraina chiude il gas all'Europa

Kiev cita cause di “forza maggiore” per lo stop di un terzo del flusso di gas russo in transito verso l’Europa, mentre Gazprom afferma che non ci sono stati problemi che giustificherebbero tale mossa

Il gruppo russo Gazprom non ha ricevuto alcuna conferma di problemi o cause di forza maggiore o ostacoli al proseguimento del transito del gas attraverso uno svincolo nella regione di Lugansk, dopo che l’operatore ucraino OGTSU ha annunciato che interromperà ulteriori consegne a partire dall’11 maggio, a causa della presenza di “occupanti russi”.

Martedì i Gas Transit Services of Ukraine (OGTSU) hanno dichiarato forza maggiore, affermando che è impossibile continuare a far transitare del gas attraverso un punto di connessione e una stazione di compressione situati nell’area di Lugansk. Poiché il personale dell’OGTSU “non può svolgere il controllo operativo e tecnologico” sul punto di connessione di Sokhranovka e sulla stazione di compressione di Novopskov, l’azienda non può continuare ad adempiere ai propri obblighi contrattuali, ha affermato. 

Il gas proveniente da questo collegamento non sarà accettato nel sistema di transito dell’Ucraina a partire dalle 7:00 di mercoledì, ha affermato OGTSU. Sokhrankovka rappresenta quasi un terzo del gas russo che transita attraverso l’Ucraina verso l’Europa – fino a 32,6 milioni di metri cubi al giorno – secondo gli operatori.

Gazprom non ha ricevuto alcuna conferma di forza maggiore o interruzione delle operazioni a Sokhranovka o Novopskov, ha detto martedì il portavoce dell’azienda Sergey Kupriyanov. Ha aggiunto che gli specialisti ucraini hanno sempre avuto pieno accesso a entrambe le strutture e in precedenza non c’erano state lamentele al riguardo.

Kupriyanov ha anche affermato che Gazprom è stato informato dalla compagnia del gas ucraina Naftogaz che se la Russia continua a fornire gas attraverso Sokhranovka, Kiev ridurrà il volume al punto di uscita della stessa quantità, confiscando di fatto il gas.

Mentre OGTSU ha proposto di reindirizzare il gas a Sudzha, un connettore situato nella regione di Sumy e controllato dal governo ucraino, Kupriyanov ha affermato che ciò è “tecnologicamente impossibile”. 

“La distribuzione dei volumi è chiaramente esplicitata nell’accordo di cooperazione del 30 dicembre 2019 e la parte ucraina ne è ben consapevole”, ha affermato.

Gazprom sta adempiendo a tutti i suoi obblighi nei confronti dei suoi clienti europei, con tutti i servizi di transito in conformità con i termini del contratto e pagati per intero, ha sottolineato Kupriyanov. Mosca ha continuato le consegne di gas all’Europa, compreso il transito attraverso l’Ucraina, indipendentemente dalle operazioni militari in corso e dagli embarghi contro la Russia imposti dagli Stati Uniti e dai suoi alleati nell’UE. 

Previous articleElon Musk: “Annullerò il ban di Trump su Twitter dopo la chiusura dell’accordo”
Next articleIL BOOMERANG DELLE SANZIONI. L’ECONOMIA RUSSA È TORNATA IN PIEDI