Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali L’Ucraina dice no alla richiesta della Russia di sminare i porti per...

L’Ucraina dice no alla richiesta della Russia di sminare i porti per consentire le spedizioni di grano

0
porto di Odessa

Press TV – 8 giugno 2022

L’Ucraina ha rifiutato le richieste russe di sminare i suoi porti intorno al Mar Nero per riprendere le spedizioni di grano, accusando Mosca di aver tentato di “attaccare” il porto di Odessa, il più grande porto marittimo del Paese colpito dalla crisi.

“Per risolvere il problema, l’unica cosa necessaria è che gli ucraini lascino uscire le navi dai loro porti, sminandole o delimitando corridoi sicuri, non serve altro”, ha detto Lavrov.

Parlando al fianco del ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, Lavrov ha affermato che il problema principale è che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si era “categoricamente rifiutato” di risolvere la questione dei porti minati.

“Se ora hanno cambiato posizione, da parte nostra non ci sono complicazioni, vediamo come si possono mettere in pratica gli accordi preliminari di cui abbiamo discusso ieri e oggi”, ha sottolineato Lavrov.

I ministri della Difesa di Russia e Turchia hanno discusso martedì di un potenziale corridoio di esportazione di grano dall’Ucraina.

Secondo il ministero turco, il russo Sergei Shoigu e il turco Hulusi Akar hanno valutato “tutte le misure che possono essere adottate per quanto riguarda la spedizione sicura di cereali, girasole e tutti gli altri prodotti agricoli”.

La Turchia, membro della NATO, condivide un confine marittimo con la Russia e l’Ucraina nel Mar Nero. Ankara ha offerto i suoi servizi per accompagnare i convogli marittimi dai porti ucraini.

L’Ucraina, uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, non è stata in grado di esportare la merce dall’inizio del conflitto nel paese alla fine di febbraio. Kiev e l’Occidente accusano la Russia di creare il rischio di carestia globale chiudendo i porti ucraini del Mar Nero.

L’Occidente ha anche accusato la Russia di bloccare le esportazioni di grano ucraine dal Mar Nero.

La Russia, tuttavia, afferma che non è stata necessaria alcuna azione da parte russa perché aveva già preso gli impegni necessari per risolvere il problema.

Mosca ha anche negato la responsabilità della crisi alimentare internazionale, incolpando le sanzioni occidentali.

Le sanzioni senza precedenti dell’Occidente contro la Russia hanno fatto salire alle stelle i prezzi di grano, olio da cucina, fertilizzanti ed energia.

In una dichiarazione separata mercoledì, il Cremlino ha affermato che affinché il grano russo venga consegnato ai mercati internazionali, le sanzioni contro il paese devono essere revocate.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che “non ci sono state discussioni sostanziali” sulla revoca delle sanzioni.

Russia e Ucraina insieme producono praticamente il 30 per cento della fornitura globale di grano.

Il presidente russo Vladimir Putin ha anche rassicurato all’inizio di questa settimana che il suo governo avrebbe “garantito” un passaggio pacifico alle navi in ​​partenza dai porti ucraini.

L’Ucraina, che è un importante esportatore di mais, orzo, olio di girasole e olio di colza, esportava la maggior parte delle sue merci attraverso i suoi principali porti sul Mar Nero e sul Mar d’Azov. Ma da febbraio è stata costretta ad esportare in treno o attraverso i suoi piccoli porti sul Danubio.

Dalla guerra in Ucraina, i prezzi del grano e del mais sono aumentati rispettivamente del 41% e del 28%,

Gli esperti avvertono che l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e la carenza nei fragili mercati emergenti dell’Africa e dell’Asia occidentale potrebbero portare a un disastro umanitario.

Il mese scorso, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha affermato che le difficoltà nel mercato alimentare globale si stanno accumulando da molto tempo, ma “la crisi è stata ulteriormente esacerbata dall’introduzione da parte di Washington e dei suoi satelliti di sanzioni illegittime contro la Russia. “

La Russia ha lanciato un’operazione militare in Ucraina alla fine di febbraio, a seguito della mancata attuazione da parte di Kiev dei termini degli accordi di Minsk e del riconoscimento da parte di Mosca delle regioni separatiste di Donetsk e Luhansk.

All’epoca, il presidente russo Vladimir Putin disse che uno degli obiettivi di quella che definì una “operazione militare speciale” era quello di “de-nazificare” l’Ucraina.

Fonte

Previous articleOMS E CONTROLLO TOTALE DELLA SINARCHIA GLOBALISTA
Next articleHUNTER BIDEN E LE SUE FOTO