CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningEventi Avversi V.C.SaluteVideo

L’UE si rifiuta di divulgare accordi segreti di Big Pharma sui sieri Covid-19

Un gruppo di parlamentari preoccupati in Europa sta facendo infuriare la Commissione Europea corrotta da big pharma per “calpestare la democrazia”.

Al fine di “proteggere la salute dei loro elettori” dalla pandemia di covid, i leader dell’Unione Europea (UE) a Bruxelles hanno acquistato milioni di lotti di vaccino contro il covid-19 da varie aziende farmaceutiche senza alcuna supervisione da parte dei legislatori reali.

In effetti, le persone “elette” dagli europei per rappresentarli sono state completamente escluse dagli accordi. Solo la Commissione, che non è eletta, sapeva cosa c’era nei contratti segreti firmati con le aziende farmaceutiche.

Secondo RT , intere pagine di questi documenti – dei pochi che sono stati effettivamente rilasciati – sono pesantemente redatte. È chiaro che ci sono individui che non vogliono che il pubblico sappia cosa è stato fatto a porte chiuse.

Numerosi leader europei, tra cui l’eurodeputato romeno Cristian Terhes, sono preoccupati e vogliono risposte. Insieme a molti altri, Terhes ha parlato in una recente conferenza stampa esprimendo serie preoccupazioni per la situazione.

A partire dal 3 novembre, tutti i membri del Parlamento devono mostrare un “Green Pass” digitale valido per il vaccino contro il Covid-19 per poter entrare nell’edificio. Questo è un problema per molti motivi, non ultimo il fatto che ai legislatori viene negato l’accesso ai documenti sui vaccini e alle procedure utilizzate per portarli in Europa.

Terhes ha rivelato che già a gennaio i legislatori dell’UE chiedevano “pieno accesso ai contratti firmati tra queste aziende che producono i vaccini e l’UE”.

Più e più volte, questi rappresentanti sono stati lasciati in giro da Bruxelles, che fino ad oggi si rifiuta di essere trasparente su come tutto questo sia avvenuto.

Citando un articolo di Euractiv , Terhes, che rappresenta il Partito Nazionale Contadino Democratico-Cristiano, ha spiegato che il contratto firmato tra il colosso farmaceutico CureVac e la Commissione Europea lo scorso novembre “è stato messo a disposizione degli eurodeputati il 12 gennaio 2021 in una versione redatta dopo che la società ha accettato di aprire il contratto al vaglio”.

Senza sapere con che cosa si trova in questi contratti, non c’è modo di controllare se ognuno è stato stipulato in modo appropriato e tenendo a mente il migliore interesse del pubblico.

In aggiunta a ciò, Terhes ha affermato che Bruxelles “sta imponendo un prodotto medico ai cittadini europei senza che loro sappiano cosa c’è in questi contratti”.

Quel che è peggio, è che anche i membri del parlamento dell’UE sono stati tenuti fuori dal giro. Solo pochi eletti ai vertici erano coinvolti nell’elaborazione di questi contratti.

PER FAVORE, VALUTA L’IDEA DI EFFETTUARE UNA DONAZIONE PER SOSTENERE DATABASE ITALIA. CLICCA QUI PER VISUALIZZARE TUTTI I METODI DISPONIBILI

Quanto a quali parti dei contratti siano state maggiormente omesse, un’analisi condotta da Euroactive ha rilevato che “il 4,22% della sezione responsabilità e il 15,38% della sezione indennizzo è risultato omesso, mentre lo 0% della sezione sul trattamento dei dati personali è stato censurato».

Inoltre, nelle versioni fornite a legislatori come Terhes, sono stati oscurati anche uno scioccante 61 per cento degli allegati del contratto, che contengono i “dettagli dell’accordo”. Tutto sommato, circa il 24 percento del contratto non poteva essere visto perché era stato pesantemente censurato.

“I diritti dei cittadini dell’UE sono gravemente violati dal certificato digitale”, ha twittato Terhes, indignato per tutto questo. “Lotteremo per il tuo diritto alla libertà, che deve essere ripristinato nell’UE!”

[jetpack_subscription_form]
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!