Database Italia

Lukashenko racconta la trama della Rivoluzione Colorata sostenuta da Soros contro lo Stato Bielorusso. L’UE intanto chiede sanzioni

MINSK – Il principale aggressore nei confronti della Bielorussia sono gli Stati Uniti. Lo ha annunciato ieri, 16 settembre,  Alexander Lukashenko.

“Ora possiamo guardare indietro e analizzare nel dettaglio tutte le fasi dello scenario di distruzione del nostro Paese, che fortunatamente non abbiamo permesso si realizzasse e non lo consentiremo”, ha detto in un incontro con attivisti politici mercoledì.

Secondo lui, “l’analisi fase per fase degli eventi nel paese rivela i veri progetti e tattiche degli aggressori”, che “negli ultimi dieci anni si sono preparati scrupolosamente” 

“Per rimuovere tutte le maschere contemporaneamente, chiamiamo questi giocatori per nome. A livello di centri globali, questi sono, prima di tutto, gli Stati Uniti d’America, più precisamente, la loro rete di fondi a sostegno della cosiddetta democrazia (Soros). I satelliti americani hanno operato attivamente nel continente europeo: Polonia, Lituania, Repubblica Ceca e, purtroppo, la nostra Ucraina ”, ha detto il leader bielorusso.

Allo stesso tempo, Lukashenko ha osservato che ciascuno di questi paesi stava svolgendo un proprio ruolo specifico.

“La Repubblica Ceca è stata a lungo un centro di risorse, la Polonia – prima come incubatore di canali mediatici (Belsat, Nekhta e altri), e poi come piattaforma per organi alternativi in ​​esilio”, ha detto.

Inoltre, Lukashenko ha anche definito la Lituania, “ferita dall’argomento NPP (preoccupazione per l’energia bielorussa), come un ariete delle relazioni bielorusse-europee”.

“L’Ucraina, nonostante il nostro costante sostegno (ad esempio, in materia di integrità territoriale e altro), contrariamente allo spirito delle nostre relazioni, è diventata un avamposto di provocazioni politiche”, ha aggiunto.

Secondo il presidente della Bielorussia, “vediamo chiaramente i soggetti di questo processo, le loro guide e complici”.

“Le tattiche degli organizzatori erano basate sul classico libro di testo americano delle“ rivoluzioni colorate ”. Il famoso  Gene Sharp “,  ha detto.

Organizzatori stranieri, provenienti da Israele, Stati Uniti e paesi dell’Europa centrale e orientale, sono stati avvistati in Bielorussia, a sostegno degli sforzi della Rivoluzione colorata.

Questo è diventato un chiaro punto caldo per tali attività, in particolare intorno al Covid-19. Lukashenko non ha imposto maschere, lockdown, distanziamento sociale, o quarantena .

I vettori atlantisti che hanno promosso una preoccupazione enorme per il nuovo coronavirus, sono stati in grado di fare in modo che i manifestanti chiedessero quarangtena e lockdown – un ritmo strano considerando la natura delle proteste opposte che si verificano organicamente in paesi che hanno emanato rigidi blocchi.

Lukashenko ha osservato che tali proteste ricevono finanziamenti da US-AID e NED, supportati anche da George Soros.

Allo stesso tempo, Lukashenko ha criticato la “politica ostile” dei suoi vicini.

“Negli ultimi anni abbiamo perso l’abitudine a rendere pubbliche le politiche ostili dei nostri vicini. Ma la loro essenza anti-bielorussa non è andata da nessuna parte e si è manifestata appieno. E ancora di più: si è trattato di un attentato alla nostra sovranità e persino all’integrità territoriale “, ha detto.

Vi ricordiamo che dopo le elezioni presidenziali in Bielorussia sono iniziate le azioni di protesta. Lukashenko ha incolpato i paesi occidentali per questo. Successivamente, il direttore dei servizi segreti stranieri russi  Sergei Naryshkin ha  annunciato che gli Stati Uniti erano coinvolti nelle rivolte in BielorussiaSecondo lui, Washington sta cercando di organizzare una “rivoluzione colorata” e un colpo di stato anticostituzionale nella repubblica.

Intanto con 574 voti a favore, 37 contrari e due astensioni, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione in cui respinge i risultati ufficiali delle “elezioni presidenziali” in Bielorussia del 9 agosto, perché si sono svolte “in flagrante violazione di tutte le norme riconosciute internazionalmente” e annuncia che a conclusione del mandato del presidente in carica, Alexander Lukashenko, il 5 novembre, non lo riconoscerà più come presidente del Paese.

I deputati si pronunciano quindi a favore di sanzioni europee contro un ampio gruppo di persone responsabili della falsificazione dei risultati elettorali e la violenta repressione in Bielorussia, in particolare il presidente Lukashenko. Chiedono agli stati membri dell’Ue di mettere in opera misure restrittive senza tardare, in stretto coordinamento con i partner internazionali.

I deputati inoltre salutano la recente creazione del Consiglio di coordinamento in qualità di “rappresentante provvisorio del popolo che chiede un cambiamento democratico in Bielorussia”, aperto a tutti gli attori politici e sociali e ripetono i numerosi appelli allo svolgimento di nuove elezioni libere ed eque nei tempi più rapidi possibili e sotto supervisione internazionale.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.