Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEight O’Clock in the MorningIntel

L’ULTIMA FALSE FLAG: L’ATTACCO NUCLEARE RUSSO IN UCRAINA

La Russia sta perdendo la guerra in Ucraina”. È importante che questa narrazione prenda piede

La Russia sta perdendo la guerra in Ucraina, Putin è sempre più disperato e, secondo la narrativa dei media occidentali, il prossimo evento che il mondo si aspetta è il lancio di un attacco nucleare del Cremlino contro l’Ucraina.

Non sarà con “normali” armi nucleari strategiche di grandi dimensioni, ma piuttosto con armi nucleari “a basso rendimento” o tattiche, quindi sappiamo cosa aspettarci.

L’affondamento della nave da guerra Moskva giovedì – descritto come l’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero – è citato come un duro “colpo” allo sforzo bellico di Putin in Ucraina.

Il modo in cui la nave è affondata è controverso.

La Russia dice che è affondata in mari in tempesta dopo essere stata danneggiata da un incendio a bordo causato dall’esplosione di munizioni. L’Ucraina e il Pentagono affermano che la nave è stata colpita da due missili antinave Neptune.

Il giorno successivo, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha rilasciato un’intervista alla CNN in cui ha avvertito che la Russia potrebbe attaccare il suo paese con armi nucleari tattiche.

Il linguaggio criptico è bizzarro. Zelensky ha “confessato” a Jake Tapper della CNN la sua paura che la Russia possa usare le armi nucleari: “Non solo io, tutto il mondo, tutti i paesi devono essere preoccupati perché potrebbero non essere informazioni reali, ma potrebbe essere la verità”.

Sembra anche strano che la CNN mandi il suo conduttore di punta in una zona di guerra per condurre un’intervista esclusiva nel comfort dell’ufficio presidenziale addobbato con bandiere. Alcune settimane fa, Zelensky si sarebbe nascosto in bunker sotterranei segreti tra telefonate affrettate a leader e parlamenti internazionali.

Zelensky ha affermato che la Russia potrebbe usare armi chimiche o armi nucleari perché Putin “non ha rispetto per la vita degli Ucraini”.

Zelensky scappa da Kiev

All’inizio di questa settimana, il direttore della CIA William Burns ha lanciato il chiaro avvertimento che la Russia potrebbe ricorrere ad armi nucleari tattiche in Ucraina. Parlando il 14 aprile, ha affermato che il rischio valutato in quel momento era basso. Ma Burns ha qualificato la valutazione aggiungendo che qualora la Russia fosse disperata, la sua decisione di usare le armi nucleari potrebbe cambiare.

“Data la potenziale disperazione del presidente Putin e della leadership russa, date le battute d’arresto che hanno affrontato finora, militarmente, nessuno di noi può prendere alla leggera la minaccia rappresentata da un potenziale ricorso ad armi nucleari tattiche o armi nucleari a basso rendimento, ha detto Burns.

La narrativa dei media occidentali sulla Russia pronta ad usare armi nucleari è in costante crescita. Quando Putin ha ordinato l’intervento militare per “smilitarizzare e denazificare” l’Ucraina il 24 febbraio, ha messo in allerta anche le forze nucleari russe. Quella mossa precauzionale, dato il contesto più ampio dell’armamento della NATO al regime di Kiev, è stata riportata dai media occidentali in termini isterici che “il pazzo Vlad” stava per creare nuvole a fungo sull’Europa. Da allora è stata promossa la narrativa secondo cui Putin potrebbe giocare d’azzardo con il tintinnio della sciabola nucleare nel tentativo maniacale di “escalation per deescalation”.

Poi abbiamo avuto ondate di “segnalazioni” che la Russia stava progettando di usare armi chimiche.

Approfondimento: BIDEN: “NATO INTERVERRÀ NEL CONFLITTO IN CASO DI UTILIZZO DI ARMI CHIMICHE” | LA FALSE FLAG DIETRO L’ANGOLO

 Successivamente è stato ammesso che l’affermazione era pure disinformazione rilasciata dall’intelligence statunitense che è stata avidamente amplificata dai media occidentali. Zelensky sembra ora tornare alla paura delle armi chimiche oltre alle armi nucleari.

È importante che la narrazione che prenderà piede sia l’affermazione che la Russia sta perdendo la guerra in Ucraina.

Le truppe russe si sono ritirate dalla capitale Kiev per concentrare i loro sforzi di combattimento per sconfiggere i principali gruppi di battaglia ucraini nell’est del paese. Mosca afferma che il suo obiettivo principale è proteggere le repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk, le cui persone principalmente di lingua russa hanno sopportato otto anni di guerra dal regime di Kiev sostenuto dalla NATO.

I media occidentali hanno descritto la strategia della Russia come una ritirata irregolare e una battuta d’arresto per Putin che, siamo anche “informati”, viene fuorviato dai suoi generali militari intimiditi e servili.

Tuttavia, analisti militari indipendenti come l’ex ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Scott Ritter respingono il discorso sulla “battuta d’arresto”, affermando che le forze russe hanno quasi sconfitto la parte ucraina e stanno preparando un devastante “calderone” per spazzare via i resti del battaglione nazista Azov nell’est Regione del Donbass. La conquista della città portuale di Mariupol questa settimana è indicativa del successo strategico russo. Il licenziamento di Kiev non è mai stato dichiarato come un obiettivo russo.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e l’alleanza della NATO sono sottoposti a forti pressioni per intervenire direttamente in Ucraina. Biden da quando è entrato in carica ha già ordinato armi per un valore di 3 miliardi di dollari per “difendere l’Ucraina dall’aggressione russa“. Ma Biden e la leadership della NATO a Bruxelles sono finora contrari a qualsiasi coinvolgimento diretto, temendo che possa precipitare nella terza guerra mondiale. Sleepy Joe, potrebbe esserlo, ma dormire camminando nell’Armageddon potrebbe causare un risveglio troppo forte.

Il regime di Kiev e il suo attore esperto di media, diventato presidente Zelensky, che opera come una risorsa metodica della CIA, sono implacabili nel fare pressioni sugli Stati Uniti e la NATO affinché entrino in guerra contro la Russia. In quella chiamata, Zelensky è sostenuto dai governi russofobi della Polonia e degli stati baltici di Lituania, Lettonia ed Estonia. Questi stati minori della NATO sono entusiasti di inviare aerei da guerra e missili. Le code stanno cercando di far scodinzolare i cani.

Biden è senza dubbio diffidente nei confronti del pericolo catastrofico, ma sembra esserci una fazione all’interno dell’apparato di intelligence militare statunitense che sta contemplando una guerra con la Russia. I potenziali profitti per Lockheed Martin and Co sono irresistibilmente seducenti oltre ogni ragione. Il capitalismo americano ha anche bisogno di evitare il tracollo sociale in atto a causa della povertà record e delle tensioni di classe.

Le provocazioni false flag di presunte atrocità da parte della Russia in Ucraina sono in crescendo. Le accuse di bombardamenti di ospedali, teatri e stazioni ferroviarie (che sono state smentite) sono mescolate con gli orrori riportati di giustiziare civili e gettare i loro corpi in fosse comuni. Le truppe russe sono accusate di ogni sorta di depravazione, di aver violentato nonne e bambini.

Zelensky dice alla CNN che Putin non si preoccupa delle vite ucraine. L’immagine subumana della Russia e del suo leader si costruisce e costruisce.

Nel frattempo, la CNN e altri media occidentali spazzano via la condotta nazista dell’esercito ucraino, la tortura e l’esecuzione dei soldati russi catturati, il bombardamento indiscriminato di civili nel Donbass, per non parlare delle affermazioni credibili secondo cui le forze ucraine sostenute dalla NATO avrebbero compiuto le atrocità a Bucha e Kramatorsk allo scopo di incriminare la Russia.
Vedi qui su Bucha
Biden ha sentito la “pressione emotiva” di condannare la Russia per crimini di guerra e genocidio. Risultato? Invierà più armi questa settimana.

Ma finora, le false flag che il regime ucraino e i suoi manipolatori occidentali hanno tirato fuori non hanno ancora provocato una guerra completa – ancora. L’ultima false flag che viene istituita è la sensazionale notizia che “Putin ha lanciato una bomba atomica in Ucraina”.

La cosa fondamentale di un attacco nucleare da 8 kilotoni a basso rendimento, in contrasto con le bombe più grandi della varietà Hiroshima (che gli americani si distinguono come le uniche ad aver mai effettivamente utilizzato), è che il primo può essere simulato come proveniente dalla Russia . Un tale dispositivo potrebbe essere portatile, una cosiddetta bomba a valigia. Si calcola che gli Stati Uniti abbiano 100 armi nucleari tattiche di questo tipo in Europa. Se non ne viene effettivamente utilizzato uno, la segnalazione di “esplosioni estremamente rumorose e sconosciute” da parte dei rispettosi media occidentali può essere fatta apparire come il temuto risultato. Come ha detto Zelensky alla CNN… “perché può non essere un’informazione reale, ma può essere la verità”.

Articolo di Karl Haki per Strategic Culture

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!