Deep StateEight O’Clock in the MorningLetture Consigliate

“L’ultima guerra mondiale. Gli Stati Uniti iniziano e perdono”. Parte 2

Continua la nostra analisi sul libro pubblicato nel 2016, dove Sergey Glazyev ha descritto le ragioni oggettive per cui gli Stati Uniti usano l’Ucraina come trampolino di lancio per fomentare una guerra mondiale in Europa.

Di Gianfranco Uccheddu

Qui la prima parte dell’articolo

Vediamo ora come l’autore ci spiega le varie tecniche e metodiche applicate ad azioni non violente volte a rovesciare un governo e poi a quali conclusioni finali sia giunto nella sua analisi.

Articoli correlati

Oggi abbiamo un riscontro di quanto siano state corrette le sue analisi sui dati raccolti con metodo scientifico nell’evoluzione degli eventi degenerati con l’avvio della guerra alla fine di febbraio di quest’anno.  Procediamo ora seguendo alcune pagine importanti del capolavoro di Glaziev  implementato con informazioni più recenti.

La tecnologia chiave delle tattiche di guerra americane è l’organizzazione della disobbedienza civile.”

Nel 1983, presso il “Center for International Affairs” dell’Harvard Institute, Jean Sharp, docente di scienze politiche all’Università del Massachusetts, ha creato il “Centro Internazionale per la non Violenza”, resa popolare nel suo libro “From Dictatorship to Democracy: A Conceptual Framework for Liberation” (Dalla Dittatura alla Democrazia: un quadro concettuale per la liberazione), tradotto in 39 lingue.

Questo testo è diventato una guida all’azione per i movimenti anti-governativi in ​​tutti i paesi della periferia americana, compreso lo spazio post-sovietico.

Contiene una descrizione di circa 200 metodi di azione non violenta per rovesciare un governo legittimo. 

La loro applicazione pratica con l’intervento delle agenzie di intelligence statunitensi negli affari interni degli stati sovrani è stata registrata in più di settanta casi accertati.

Il principale strumento di intervento sono le organizzazioni non governative aventi profili più diversi e al contempo costituitesi in diversi modi. Decine di migliaia di strutture create in tutti i paesi aventi una qualsiasi importanza rilevante o meno per gli Stati Uniti.

Lo stesso libro le caratterizza in una rete di organizzazioni coordinate dal Dipartimento di Stato e dalla CIA statunitense.

Per questo lavoro viene stanziato annualmente l’1% del budget statunitense, distribuito attraverso il famigerato US AID.

Insieme alle reti statali, esistono anche numerose reti non statali che operano nell’interesse del grande capitale americano.

Le forme e gli obiettivi delle loro attività sono illimitati nella loro diversità: dalle fondazioni di beneficenza (ONG) fino alle campagne militari private.

I risultati che gli Stati Uniti ottengono a seguito di guerre ibride con altri paesi sono pianificati in anticipo e calcolati sull’autosufficienza: le multinazionali americane ottengono il controllo delle risorse naturali e delle infrastrutture dei paesi sconfitti, le banche bloccano i loro beni, vandali appositamente addestrati depredano musei storici, il sistema finanziario è rigidamente legato al dollaro.

Tutte le guerre guidate dagli Stati Uniti hanno dato i suoi frutti molte volte, comprese le guerre in Iraq e in Afghanistan.

Dopo l’occupazione americana, i flussi di droga in Russia e in Europa controllati dai servizi speciali americani sono aumentati di 44 volte (!).

È interessante notare che, sotto la pressione della comunità mondiale, nel 2001 lo stesso governo talebano aveva praticamente ridotto a zero la produzione di droga.

Ad oggi, il 92% della produzione mondiale di eroina è concentrato in Afghanistan e il 21% del consumo mondiale è nella sola Russia.

La mafia internazionale della droga guadagna più di 100 miliardi di dollari dagli oppiacei afgani (principalmente eroina), secondo stime prudenti.

I tesori depredati dei musei di Baghdad, i giacimenti petroliferi sequestrati dalle multinazionali americane, milioni di ettari di terra trasferiti oggi alla coltivazione di piante geneticamente modificate americane hanno ripagato di cento volte il costo dell’occupazione militare statunitense dell’Iraq.

Di fondamentale importanza per la tattica americana nello scatenare le guerra sono i negoziati avente una potenziale vittima, la cui vigilanza è cullata da una demagogia sconfinata sull’inammissibilità dell’uso della violenza, sulla violazione della libertà di parola, sui principi della democrazia e dello stato di diritto.

L’utilizzo della diplomazia è accompagnata parallelamente dall’avvio di operazioni volte alla creazione di un conflitto armato.

Attività criminali delle agenzie di intelligence americane per far crescere organizzazioni naziste anti-russe in Ucraina.

Come accennato in precedenza, l’organizzazione di colpi di stato in vari paesi è attuata dagli Stati Uniti secondo gli stessi schemi ben consolidati, differenziandosi solo per il colore dei nastri e per i nomi delle “sacre vittime”.

Le loro tecnologie sono state elaborate secondo standard universali, sia in termini di programmi per l’escalation coerente della tensione, sia in termini di organizzazione del finanziamento delle forze rivoluzionarie.

Allo stesso tempo, la tecnologia di preparazione e organizzazione della presa del potere da parte dei nazisti filoamericani in Ucraina, così come i metodi della loro coltivazione, meritano un’attenzione particolare.

Il lavoro sull’Ucraina ha coinvolto l’intera rete di organizzazioni coinvolte nell'”export della democrazia” degli Stati Uniti e dell’UE.

L’analisi delle informazioni accumulate mostra coloro che hanno sviluppato un’apposita strategia per influenzare lo sviluppo della situazione socio-politica in Ucraina:

• Istituto Einstein (Sharpe e Helvey);

• Institute for the Support of Democracy in Eastern Europe (USA);

• Gruppo di crisi internazionale (Soros);

• Centro per le libere elezioni e la democrazia (Varsavia, Polonia);

• Centro Democratico dell’Europa Orientale (Belgrado, Serbia);

• Centro per le azioni e strategie non violente applicate.

Allo stesso tempo i principali donatori non residenti che hanno finanziato le attività delle organizzazioni non governative ucraine partecipanti all’attuazione dei piani strategici per la “riforma” della società civile sono stati:

• US National Endowment for Democracy (Duke);

• Istituto Nazionale Democratico degli Stati Uniti;

• Fondazione Società Aperta (Soros);

• La Banca Mondiale.  Freedom House, finanziata dal governo degli Stati Uniti;

• The Eurasia Foundation, considerata una fondazione privata ma supportata dall’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale;

• Fondi di K. Adenauer, F. Naumann, G. Seidel, F. Ebert (Germania).

Le informazioni disponibili consentono di identificare il principale centro di coordinamento della distribuzione dei fondi direttamente in Ucraina nell’Ambasciata degli Stati Uniti ma non solo.

Il principale flusso di risorse per la “democratizzazione” è passato anche attraverso l’ambasciata statunitense e tedesca, gli uffici dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID è subordinata al Dipartimento di Stato americano) e in misura minore attraverso l’agenzia Tedesca, Svedese e Canadese per lo sviluppo internazionale.

È ovvio che la strategia per la presa del potere in Ucraina è stata sviluppata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, la pianificazione dell’attacco e la gestione della campagna militare è stata guidata dall’ambasciata americana a Kiev, che ha coordinato le attività di altre ambasciate e varie missioni dei paesi della NATO .

Attraverso sforzi congiunti, hanno creato una vasta rete di organizzazioni non governative e agenti di influenza, penetrando in tutte le strutture governative, i media, le istituzioni educative e le organizzazioni pubbliche in tutte le regioni dell’Ucraina.

A titolo illustrativo della portata delle loro attività, ecco solo un elenco di sovvenzioni dal solo National Endowment for Democracy degli Stati Uniti alle ONG ucraine nel solo 2012:

• Centro per le Tecnologie Umane AHALAR – ($ 35.230);

• “Centro risorse ANGO” – ($ 30.086);

• Associazione degli osservatori delle forze dell’ordine ucraine – ($ 44.900);

• “Centro di sviluppo regionale Bakhchisaray “Tor-Kaua” – (15526 USD);

• “Agenzia” Bucovina “- (48295 dollari);

• Centro per le imprese private internazionali – ($ 359.945);

• Centro per la ricerca e l’analisi politica – ($ 27.940);

• Centro per i giovani progressisti Apelsin – ($ 25.000);

• Centro di ricerca sulle prospettive sociali nel Donbass ($ 39.776);

• Centro per lo Studio dei Processi Sociali e dei Problemi Umanitari – ($ 30.060);

• “Comitato degli elettori dell’Ucraina a Cherkassy” – (34993 dollari);

• “Iniziativa” del Centro Educativo Giovanile di Cherkasy – ($ 27.930);

• “Comitato degli elettori dell’Ucraina a Chernivtsi” – (29920);

• “Centro di informazione e analisi “Spazio civile” – ($ 31.535);

• “Centro di supporto alle iniziative civili” – ($ 48.486);

• “Comitato degli elettori di Donetsk dell’Ucraina” – (52930);

• Fondo per la promozione delle attività civiche – ($ 27.130);

• “Centro di formazione per i diritti umani” – (19370);

• “Associazione Indipendente dei Relatori” – (39271 dollari);

• Istituto per la cooperazione euro-atlantica – ($ 48.120);

• “Istituto di educazione politica” – (47994 dollari);

• “Istituto della Repubblica” – (29990 dollari);

• “Gruppo Kharkiv per la tutela dei diritti umani” – (47.200 dollari);

• “Comitato degli elettori dell’Ucraina a Kherson” – (40890 dollari);

• “Lugansk Business Club “Scelta Europea” – ($ 32.000);

• “Istituto Nazionale Democratico per le Relazioni Internazionali” – ($ 345.000);

• “Comitato degli elettori dell’Ucraina a Odessa” – (41851 dollari);

• “Centro per la ricerca economica e politica.  O. Rozumkov “- (39990 dollari);

“Sumy Comitato Regionale delle Organizzazioni Giovanili” – ($ 56.260);

“Università Cattolica Ucraina” – ($ 35.000);

“Associazione giovanile ucraina” – (42.900 dollari);

• “Organizzazione giovanile di Vinnitsa “Our Podilla” – (52.046 dollari);

• E molte altre sovvenzioni e organizzazioni

Come già accennato, secondo il riconoscimento ufficiale del Dipartimento di Stato americano, sono stati spesi più di 5 miliardi di dollari per “elaborare” la coscienza pubblica ucraina.

L’anello principale nelle reti di influenza americana sono i media.

“La costruzione dello stato nazista anti-russo viene effettuata dai servizi di intelligence americani utilizzando le tecnologie di manipolazione della coscienza di massa, educando i giovani su miti immaginari sull’eterna lotta degli ucraini per la liberazione dal giogo russo, aumentando gli “squadroni della morte” nazisti per intimidire e soggiogare i cittadini, agire con violenza contro i dissidenti, eliminare fisicamente i leader della resistenza, controllare direttamente le attività delle autorità pubbliche, dei politici e dei funzionari.

La manipolazione mentale è il fronte più importante dell’aggressione americana.

Se prima del colpo di stato il regime al potere era bollato come antipopolare e oligarchico, dopo di esso, senza cambiare sostanzialmente, ha cominciato a presentarsi come democratico e responsabile.

Le menzogne ​​propagandistiche della “rivoluzione dell’immondizia” non hanno limiti.

Non un solo obbligo dei “rivoluzionari” filoamericani è stato adempiuto.

• Hanno promesso un regime di esenzione dal visto con l’UE, ma è diventato molto più difficile per gli ucraini ottenere un visto per i paesi dell’UE

• Hanno promesso un aumento di cinque volte dei salari e delle pensioni, ma hanno ricevuto un calo dei salari reali di quasi quattro volte e il valore delle pensioni è sceso al di sotto del livello di sussistenza

• Hanno promesso di rimuovere gli oligarchi dal potere, di conseguenza, i più odiosi di loro sono diventati governatori e uno è persino diventato il presidente dell’Ucraina

• Promessa una “istruzione europea”, ricevette di conseguenza un piano per ridurre il numero delle università da 802 a 317

• Ha promesso massicci investimenti occidentali, ha ricevuto una massiccia fuga di capitali dall’Ucraina

• Promessa di nuovi posti di lavoro, ha ricevuto un aumento della disoccupazione

“Il più grande portale Internet “Ukrainska Pravda” è stato organizzato dagli americani prima della “rivoluzione arancione” del 2004.

Con il colpo di stato del 2014, i canali televisivi Internet “Gromadske TV channel”, “espresso.tv” e “spilno.tv” hanno lavorato come agenzie dirette dagli americani.

La natura dell’operazione punitiva nel Donbass indica anche che la vera guida delle ostilità è affidata a consiglieri militari americani.

Il controllo diretto americano delle autorità ucraine è particolarmente evidente nella composizione del loro personale.

Tanto per cominciare, la distribuzione degli incarichi chiave del nuovo governo è avvenuta rigorosamente nel rispetto delle parole di Victoria Nuland nella famosa conversazione telefonica intercettata: Poroshenko è il presidente, Yatsenyuk è il primo ministro, Klitschko è il sindaco di Kiev.

Considerando che due delle tre posizioni annunciate sono elette, è chiaro che le “elezioni” sono state in realtà una farsa con un esito predeterminato. Nella realtà storica, l’Ucraina è fiorita solo come parte di un paese con la Russia.

Gli ucraini non sono mai stati discriminati dalla Russia, a differenza della Polonia, dell’Austria-Ungheria e della Germania, sotto il loro giogo gli ucraini erano servi privati ​​dei signori della gleba e non erano trattati meglio del bestiame da lavoro.”

Quindi a causa del rifiuto di Yanukovich di firmare l’accordo di associazione con l’UE, che oggi sta schiavizzando l’Ucraina, gli Stati Uniti sono stati costretti a interferire bruscamente nella politica dell’Ucraina e organizzare un sanguinoso colpo di stato nel 2014 che ha portato il nuovo governo di Kiev a firmare rapidamente il suddetto documento.

Tra le carte vincenti delle tattiche negoziali americane vi è l’inganno banale.

“Così cinico che la vittima, gravata di valori morali, non riesce a credere di essere semplicemente “allevata” per il massacro.

Un classico esempio di questa tattica è l’organizzazione del colpo di stato in Ucraina.

Così, alti funzionari americani ed europei, cullando la vigilanza di Yanukovich con la persuasione sul non uso della forza, stavano preparando i nazisti al suo violento rovesciamento.

Quindi hanno utilizzato i colloqui di Ginevra sulla risoluzione del conflitto nel Donbass in modo che la giunta sotto il loro controllo avesse il tempo di mobilitare le forze armate contro la popolazione russa dell’Ucraina.

Subito dopo aver raggiunto un accordo sul disarmo dei gruppi illegali e l’avvio di un dialogo nazionale, il vicepresidente Usa Biden è arrivato a Kiev per sostenere le azioni della giunta per portare a termine un’operazione punitiva dell’esercito ucraino contro le forze della resistenza del Donbass.

Assicurando incessantemente al presidente russo il suo impegno per la pace e chiedendo la fine della violenza, la leadership degli Stati Uniti e dell’UE sostiene costantemente l’intensificazione del terrore da parte dell’esercito ucraino contro la popolazione del Donbass.

Allo stesso tempo, non appena la Russia ha accettato gli accordi sulla riduzione del conflitto e fatto retrocedere le truppe separatiste dal confine ucraino, la giunta nazista ha iniziato ad aumentare notevolmente le sue forze armate nella zona di conflitto e ha iniziato a utilizzare l’aviazione e veicoli blindati contro la popolazione del Donbass.

Allo stesso tempo, i media controllati dagli americani e dai loro scagnozzi incolpano la Russia di tutto, facendone diligentemente l’immagine di un nemico per l’Ucraina e di uno spaventapasseri per l’Europa.

L’uso sistematico della violenza divenne la base dell’organizzazione sociale dei neonazisti ucraini.

“Ci sono molti dati sui crimini commessi su Euromaidan tra il 30 novembre 2013 e il 22 febbraio 2014.

In particolare, sono state allestite camere di tortura nella Camera dei sindacati di Kiev, costituite dagli euromaidanisti, ed è stato svolto un sistemico omicidio degli oppositori dell’Euromaidan.

Un militante arrestato, della Guardia Nazionale che lo ha testimoniato, ha dichiarato di aver ucciso personalmente dieci persone con colpi di arma da fuoco alla nuca, e il numero totale delle vittime a lui note, i cui cadaveri sono stati portati fuori e sepolti nella foresta in Brovary, era di almeno 99 persone (questo è solo il numero delle vittime a lui note).

Ci sono testimonianze oculari e prove fotografiche di atti di tortura e umiliazione, quando gli euromaidanisti scrivevano iscrizioni insultanti sulla fronte delle persone, le costringevano a inginocchiarsi, versavano acqua fredda su di loro a temperature sotto lo zero all’aria aperta, e così via.

Una nostra nota da segnalare ad esempio è la testimonianza dell’anziano blogger Sergei Rulev, contrario all’Euromaidan, è stato torturato per diverse ore alla Camera dei sindacati, picchiandolo, infilando aghi sotto le unghie e usando le pinze per strapparle. Altro esempio è il rogo di persone vive nella Camera dei sindacati di Odessa.

Vi sono riscontrabili chiari parallelismi storici con le attività degli organi punitivi dell’occupazione austriaca e tedesca dell’Ucraina durante la prima e la seconda guerra mondiale.

È curioso che tra i leader della giunta nazista al potere in Ucraina ci siano molti discendenti diretti dei punitori bolscevichi che nel 1918-1921 spararono ai loro vicini russi, e poi attuarono l’espropriazione dei ricchi contadini della Piccola Novorossia e la collettivizzazione forzata dell’agricoltura.

Tra i nomi degli organizzatori del cosiddetto “Holodomor” pubblicato dalla SBU, non ci sono quasi cognomi russi, il che non ha impedito all’autore di questo mito, il capo del dipartimento di intelligence britannico dell’MI6 R. Conquest, di inventare una leggenda sulla colpa dei russi e di Mosca per la morte di milioni di ucraini-russi che presumibilmente morirono di fame nel 1932-1933 in una crisi alimentare provocata forzatamente.

Allora, però, le vittime delle epidemie di tifo, malaria e colera non pensavano nemmeno di chiamarsi ucraini.

Molti dei cittadini ucraini-russi, dopo la fine dell’ucrainizzazione  forzata, nel successivo censimento le statistiche ufficiali hanno evidenziato diversi milioni in meno, attribuiti da Conquest alle “vittime dell’Holodomor”.”

In questa parte l’autore svolge una riflessione che potremmo definire quasi profetica considerando i risvolti che oggi abbiamo modo di vedere con i nostri occhi sullo sviluppo del conflitto.

Perché l’Ucraina?

Abbiamo già parzialmente toccato questo problema sopra.

La scelta degli Stati Uniti sull’Ucraina come trampolino di lancio per scatenare una guerra in Europa si spiega con una combinazione di fattori unici:

• l’impossibilità per la Russia di condurre una guerra a tutti gli effetti con l’Ucraina come parte del cuore del mondo russo;

• la tradizione geopolitica europea, che vede nella separazione dell’Ucraina dalla Russia un obiettivo strategico fondamentale per l’indebolimento e la riduzione in schiavitù di quest’ultima;

• dimensione sufficientemente ampia del territorio, del potenziale economico e della popolazione, l’instaurazione di un controllo che consente agli Stati Uniti di estrarre notevoli profitti e rafforzare i vantaggi competitivi delle società americane appropriandosi dei beni ucraini;

• la dipendenza dell’economia russa, compreso il complesso militare-industriale, dalla cooperazione con le imprese ucraine, la cui rottura le causerà notevoli danni;

• l’enorme significato culturale e storico di Kiev, Piccola Russia e Novorossiya per il mondo russo, la cui separazione dalla Russia gli provoca un irreparabile danno morale;

• la possibilità di scatenare una guerra per mano dell’esercito ucraino senza gravi perdite per gli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti hanno bisogno di una guerra e le agenzie di intelligence americane continuano a spingere i loro burattini ucraini a continuarla.

Nonostante gli accordi di Minsk, continuano i bombardamenti delle città del Donbass, la mobilitazione e il potenziamento delle forze armate ucraine non si fermano e l’assistenza militare americana sta diventando sempre più ampia.

Non c’è dubbio che gli Stati Uniti non ascolteranno l’opinione dei loro alleati europei, i cui interessi verranno sacrificati senza dubbio per raggiungere i loro obiettivi.”

Gli obiettivi dell’aggressione americana in Ucraina.

Soprattutto, l’Ucraina stessa soffre della strategia americana per l’integrazione europea forzata dell’Ucraina, che è destinata a una spaccatura che si è trasformata da guerra civile ad una catastrofe umanitaria ed economica.

È ovvio che questa strategia non corrisponde in alcun modo agli interessi nazionali dell’Ucraina, così come agli interessi della stragrande maggioranza dei suoi cittadini.

Pertanto, il discorso che gli Stati Uniti stanno perseguendo gli obiettivi della protezione, del benessere e dello sviluppo dell’Ucraina dovrebbe essere immediatamente scartato in quanto completamente ridicolo e contrario ai reali risultati della politica americana.

Il vero leader dell’Ucraina è l’ambasciatore degli Stati Uniti, che ha effettivamente nominato il presidente, il primo ministro e i deputati della Verkhovna Rada.

Tutti i candidati discutibili per gli americani sono stati eliminati fisicamente dalle elezioni, o semplicemente non sono stati registrati o sono stati costretti a rifiutarsi volontariamente di parteciparvi attraverso ricatti e pressioni.

Non fidandosi completamente dei loro scagnozzi ucraini, i servizi di intelligence americani hanno nominato i loro agenti diretti a posizioni chiave nel governo ucraino, a cui Poroshenko ha immediatamente concesso la cittadinanza.

Per confermare questi fatti ovvi, citati sempre più spesso nei paesi europei stanchi degli abbracci americani, non sono necessari dati di intelligence speciali o l’accesso a fonti di informazione chiuse.

La dirigenza degli Stati Uniti, rappresentata da Barack Obama e dal Segretario di Stato Kerry, ha più che francamente dichiarato ultimamente più volte di mediare – si legge, partecipazione diretta – al cambiamento del regime ucraino e agli eventi successivi, tra cui l’imposizione energica di sanzioni contro la Russia da parte dei paesi dell’UE.

L’elemento chiave dell’aggressione anti-russa in Ucraina da parte degli Stati Uniti è la sua subordinazione alla giurisdizione dell’UE attraverso l’imposizione di un’associazione con l’UE, che subordina l’Ucraina alla giurisdizione dell’UE, la priva della sua indipendenza e di opportunità legali di integrazione con la Russia.

Nel 2013, un gruppo di scienziati delle Accademie delle scienze russe e ucraine, compreso l’autore di questo libro, insieme a tutti gli specialisti e gli esperti dei ministeri e dei dipartimenti ucraini interessati a un quadro obiettivo, hanno analizzato le conseguenze legali, economiche e sociali dell’adozione di questo accordo per l’Ucraina.

Loro, come gli avvertimenti di altri esperti, hanno fatto dubitare alla dirigenza ucraina dell’opportunità di firmare questo accordo come discriminatorio.

Di fronte alla riluttanza del presidente e del governo ucraini a firmare l’accordo di associazione con l’UE, che sta schiavizzando l’Ucraina, gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno fatto ricorso a gravi ingerenze negli affari interni dell’Ucraina, organizzando un colpo di stato e imponendo con la forza il loro governo fantoccio.

Gli Stati Uniti hanno perseguito questo obiettivo durante i due decenni successivi alla distruzione dell’URSS, avendo speso più di 5 miliardi di dollari per coltivare un’élite politica anti-russa a Kiev, secondo l’Assistente Segretario di Stato americano Victoria Nuland.

Secondo il piano degli strateghi della NATO, la separazione dell’Ucraina dalla Russia dovrebbe essere formalizzata attraverso la subordinazione dell’Ucraina all’Unione Europea nella forma di un’Associazione ineguale, all’interno della quale Kiev conferisce a Bruxelles tutti i diritti sovrani dell’Ucraina per regolare l’economia estera, condurre la politica estera e di difesa.

Il rifiuto di Yanukovich di firmare l’accordo di associazione europea è stato percepito dagli Stati Uniti come il ritiro della leadership ucraina dalla subordinazione e come l’inizio del processo di ripristino di uno spazio economico unico con la Russia, cosa per loro inaccettabile.

Per impedire all’Ucraina di entrare nell’unione doganale con Russia, Bielorussia e Kazakistan e riportare l’Ucraina sulla via dell’integrazione europea, infatti, è stato organizzato un colpo di stato, subito dopo il quale i leader dell’UE si sono precipitati a firmare un accordo di associazione con il giunta nazista illegittima, che contraddice la costituzione ucraina.”

Le conseguenze di un Ucraina anti-Russia.

“Sebbene formalmente la firma illegale dell’Accordo di Associazione tra Ucraina e Ue sia proclamata un successo dell’integrazione europea, in realtà crea molti problemi all’Ue.

Primo, in connessione con gli enormi costi dell’assistenza finanziaria all’Ucraina, che la “scelta europea” ha portato al fallimento.

Per prevenire un default, l’Ucraina, di cui ora è responsabile l’UE, ha bisogno di almeno 60 miliardi di euro.

In totale, il programma per il ripristino e la modernizzazione dell’economia ucraina, necessario per garantirne lo sviluppo sostenibile, è stimato in oltre 300 miliardi di euro.

Solo l’adeguamento delle imprese ucraine agli standard dell’UE, cosa che, secondo l’accordo di associazione, dovrebbe avvenire principalmente in due anni, richiede, secondo le stime dell’Unione Ucraina degli Industriali e degli Imprenditori, circa 180 miliardi di euro in 10 anni.

Secondo, il congelamento dei beni russi in dollari ed euro comporterà l’incapacità di alcuni dei loro proprietari di onorare i propri obblighi nei confronti, principalmente, delle banche europee, il che creerà serie difficoltà a queste ultime, irte del fallimento di alcune di esse.

La destabilizzazione del sistema bancario europeo stimolerà il deflusso di capitali verso gli Stati Uniti per mantenere la piramide del dollaro delle loro obbligazioni di debito.

Terzo, le sanzioni contro la Russia danneggiano le relazioni commerciali ed economiche dei paesi dell’UE con la Russia, il che non si limita all’embargo sull’importazione di prodotti alimentari europei.

Il ritiro forzato delle imprese europee dal mercato russo, le restrizioni all’importazione di risorse energetiche e materie prime russe, la distruzione dei legami di cooperazione, il congelamento dei progetti comuni a lungo termine causeranno danni all’economia dell’UE per un ammontare di circa un trilione di euro, che peggiorerà il suo già precario stato, indebolirà la sua posizione in concorrenza con gli Stati Uniti.

Quarto, trascinare i paesi europei in una guerra con la Russia aumenterà la loro dipendenza politica dagli Stati Uniti, il che renderà più facile per questi ultimi imporre una zona di libero scambio all’UE a condizioni favorevoli per gli Stati Uniti.

Quinto, le nicchie lasciate dalle aziende europee nel mercato russo saranno riempite con produzione nazionale o prodotti cinesi, il che significherà una diminuzione dei vantaggi comparativi e della competitività dei produttori europei.

Sesto, l’aggressione americana contro la Russia impone agli Stati membri europei della NATO l’obbligo di aumentare la spesa militare, gravando sui loro bilanci già in deficit.

Quindi, l’aggressione degli Stati Uniti in Ucraina persegue un altro obiettivo: indebolire l’UE, peggiorare lo stato della sua sicurezza e, quindi, massimizzare la sua dipendenza dagli Stati Uniti.

Un altro obiettivo importante dell’aggressione americana in Ucraina è il banale profitto.

“Da segnalare i trofei che sono già stati ricevuti dai funzionari degli stati occidentali che hanno partecipato attivamente all’organizzazione del colpo di stato e della presa del potere in Ucraina da parte dei nazisti, e delle corporazioni ad essi associate, dopo aver portato al potere il governo criminale sotto il loro controllo.

In primo luogo, l’appropriazione dei beni statali dell’Ucraina:

• trasferimento di attività dell’industria petrolifera e del gas sotto il controllo del figlio del vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden – Robert Hunter Biden, che è diventato membro del consiglio di amministrazione della compagnia petrolifera e del gas ucraina Burisma Holdings insieme ad un altro organizzatore e attivista di Euromaidan – l’ex presidente della Polonia A. Kwasniewski, che ha visitato l’Ucraina durante i sanguinosi eventi ben 27 volte;

• giacimenti minerari, compresi i giacimenti di gas di scisto nelle regioni di Kharkiv e Donetsk, nonché in Transcarpazia, trasferiti a dismissione esclusiva di campagne Shell e Chevron strettamente associate alla leadership politica dei paesi della NATO;

• valori dell’arte e della cultura scomparsi senza lasciare traccia dopo il saccheggio dei musei di Kiev da parte di bande di militanti organizzato dall’Ambasciata americana;

• i resti delle riserve auree dell’Ucraina, prelevati dagli aerei da trasporto militari statunitensi per lo “stoccaggio”.

In secondo luogo, la conquista dei mercati ucraini e del combustibile atomico, degli aerei e delle attrezzature, che sono importanti per le società americane.

Nell’aprile 2014 l’Ucraina ha esteso un contratto congelato due anni fa con la società americana Westinghouse, che prevede la fornitura di combustibile TVS-W fino al 2020 per tre centrali nucleari di progettazione sovietica.

Per fare ciò, il primo ministro Yatsenyuk, nominato dagli americani, ha dovuto licenziare il presidente della Commissione statale di regolamentazione nucleare, Ye. Mykolaichuk, che responsabilmente e abilmente si è opposto all’uso del combustibile americano nelle centrali nucleari ucraine in quanto minacciava una disastro ambientale non solo per l’Ucraina, ma per l’intera Europa.

Quindi, anche la guerra in Ucraina per gli Stati Uniti è un affare.

A giudicare dai resoconti dei media, hanno già rimborsato tutte le spese per le rivoluzioni Maidan e Orange.

Infine, il quinto e principale obiettivo dell’aggressione americana in Ucraina è colpire la Russia per rovesciare il governo esistente con il suo successivo smembramento e distruzione finale come stato sovrano.

L’annuncio del presidente degli Stati Uniti B. Obama della Russia come una delle minacce per l’umanità non è retorica, ma un riflesso dell’obiettivo strategico della geopolitica americana, replicato oggi dal presidente Biden.”

Il processo di asservimento ideologico degli ucraini non è stato spontaneo.

“Come dimostrato in numerosi studi, è stato diretto, organizzato e finanziato dagli Stati Uniti.

Migliaia di organizzazioni non governative americane ed europee lavoravano costantemente con vari settori della società ucraina, facendo crescere la sua nuova élite sull’ideologia anti-russa.

Entro la fine della presidenza di Yushchenko, i russofobi da loro addestrati hanno invaso tutti i media repubblicani, hanno preso posizioni chiave in tutti gli organi di governo, l’ideologia nazista è germogliata nel sistema educativo.

La politica di ucrainizzazione è proseguita sullo sfondo di un rapido degrado dell’economia e di un deterioramento del tenore di vita della popolazione.

Al fine di prevenire un cambiamento nel corso della separazione dell’Ucraina dalla Russia, le agenzie di intelligence statunitensi hanno utilizzato l’intero arsenale delle tecnologie di guerra ibride sopra descritte.

Il livello più alto dell’amministrazione statale ha subito la “caotizzazione” modificando le principali linee guida per la formazione della politica interna ed estera, il livello di competenza e qualifiche dell’apparato del potere supremo è diminuito, ha prevalso la psicologia “dopo di me – anche un diluvio”, provocando un’atmosfera di impunità e permissività.

Ma la tendenza più pericolosa, associata al controllo esterno sull’apparato statale e sulla vita sociale dell’Ucraina, è stata l’introduzione nella coscienza pubblica del sistema di coordinate “o con noi o nemici” da parte delle forze di giornalisti, esperti e beneficiari di borse di studio addestrati dall’Occidente , consulenti che hanno costantemente condotto un’operazione per escludere tutti i russi dalla coscienza pubblica e impiantare un’autoidentificazione anti-russa degli ucraini.

Gli stessi esperti americani, che sono impegnati in attività per creare un caos controllato nei paesi che sono diventati oggetto dell’aggressione statunitense, chiamano questo lavoro la costruzione della nazione.

Per realizzarlo in Ucraina, usarono un esercito pre-addestrato di nazisti ucraini, i discendenti di ex complici nazisti che si rifugiarono negli Stati Uniti e in Canada, che divennero un vero nascondiglio per i “Bandera”.

Citiamo la citazione chiave di S.Bandera per capire perché i leader dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini-Esercito insorto ucraino (OUN-UPA), condannati dal Tribunale di Norimberga e caduti nelle mani degli Stati Uniti, non solo non sono stati condannati per legge, ma sono stati richiesti dagli Stati Uniti che hanno sostenuto e consentito loro una carriera, hanno costruito la loro infrastruttura, hanno dato loro l’opportunità di partecipare al processo legislativo americano:

“Il nostro nemico non è solo questo regime zarista e o bolscevico, non solo lo stato e il sistema sociale, ma la stessa nazione russa, infettata dai demoni dell’imperialismo, dall’avidità di essere sempre più grandi, potenti, ricchi”.

I nazisti galiziani si sono rivelati molto necessari per gli Stati Uniti e il Canada (il 4% della popolazione di questo paese proviene dall’Ucraina occidentale) nella loro politica volta a indebolire e distruggere la Russia.

Gli Stati Uniti, così come i loro alleati nell’ “impero del bene”, non esitano a fare affidamento sul nazismo galiziano come ideologia di supporto per raggiungere il proprio dominio geopolitico in Ucraina.

Poroshenko, nominato da loro alla carica di capo, ha continuato la linea del suo predecessore “arancione” Yushchenko, che ha dato a Bandera e Shukhevych i titoli di “Eroi dell’Ucraina”.

Poroshenko ha affermato che i galiziani sono la base della statualità ucraina e ha proclamato il giorno di fondazione dell’OUN-UPA in collaborazione con i nazisti “Giornata del difensore della patria”.”

La natura superficiale e importata del nazismo ucraino non è nato dall’ambiente culturale ucraino, ma è sempre stato portato dall’esterno: dall’Austria-Ungheria, dalla Polonia, dalla Germania e dagli Stati Uniti.

Pertanto, non ha un proprio suolo ucraino culturale.

I moderni nazisti ucraini non conoscono non solo la cultura russa, ma neanche quella ucraina, che è sostituita da un odio accecante per tutto ciò che è russo.

Non parlano bene l’ucraino.  Non ci sono quasi ucraini etnici nel loro strato principale.  I dibattiti nella Verkhovna Rada colpiscono per la miseria del loro contenuto, che sostituisce la resa dei conti e la colluttazione.

Pertanto, il nazismo ucraino è generato dalla politica antirussa dell’Occidente.

Inizialmente formato dall’Austria-Ungheria al fine di stabilire il controllo sulla Russia dei Carpazi e il genocidio dei Rusyn, aveva anche lo scopo di incitare al separatismo nella Piccola Novorossia per minare dall’interno l’Impero russo.

Oggi è diventato uno strumento della politica imperiale statunitense, che, con l’aiuto delle moderne tecnologie di costruzione della nazione, lo usa come arma contro la Russia.

Ideologicamente, è il successore del fascismo ucraino, coltivato dalla Germania nazista come mezzo improvvisato per sfruttare e intimidire il popolo ucraino durante il periodo della sua occupazione.

Ma, grazie alla moderna tecnologia di manipolazione mentale, è diventato molto più sofisticato ed efficace.

Se gli scagnozzi di Hitler hanno cercato di controllare i loro compatrioti ridotti in schiavitù con la violenza diretta, contando su un senso di paura, oggi i neonazisti allevati dagli americani hanno esperti, oratori e tecnologi altamente qualificati che possono entrare nell’anima di una persona, fargli credere in un’ovvia bugia, odiare i suoi genitori e fratelli senza una ragione oggettiva.

Le tecnologie che usano si sono rivelate così efficaci che hanno reso possibile in due decenni di creare una nuova nazione da un popolo post-sovietico intelligente, istruito e colto, unito da un’idea: uccidere tutto ciò che è russo.

“Il nazismo ucraino è un fenomeno assolutamente estraneo al mondo russo, una parte del quale è sempre stata Malorossiya, Karpatorossiya e Novorossiya, che costituiscono la parte principale dell’attuale Ucraina.

Il nazismo ucraino come arma dell’Occidente contro la Russia.

Il geromartire arciprete Giovanni di Kherson lo disse chiaramente e accuratamente durante l’interrogatorio all’NKVD:

“La frammentazione della Russia avvenuta dopo la rivoluzione e, in particolare, la separazione di Ucraina, Bielorussia, ecc., lo considero un fenomeno di declino politico, tanto più triste perché non ci sono motivi per questa frammentazione. Ucraini e russi hanno sempre formato un tutt’uno.  Ucraini e russi sono un popolo, una nazione, e non c’è motivo di distinguere l’Ucraina in qualsiasi forma dall’insieme generale”.

Non solo da un punto di vista religioso e storico, ma anche da un punto di vista scientifico, l’Ucraina appartiene alla stessa civiltà slava orientale con la Russia, unita da una cultura e un sistema di valori spirituali comuni basati sull’Ortodossia.

Nell’autocoscienza russa non c’era nemmeno il concetto di “Ucraina”.

Le persone che abitavano la parte più antica della Russia erano chiamate Piccoli Russi, che corrisponde al concetto di una piccola Patria: la Piccola Russia o l’ex  Rus’ di Kiev, che pose le basi per la civiltà russa.

Dopo l’attacco dei tartari-mongoli, queste terre divennero dipendenti dalla Lituania e poi divennero parte della Polonia.

I possedimenti sudorientali di quest’ultima, abitati dalla popolazione ortodossa russa, iniziarono a chiamarsi Ucraina (periferia).

Sotto il dominio dei polacchi, la popolazione ortodossa ucraina è stata discriminata: l’autogoverno dei borghesi è stato notevolmente limitato, i contadini hanno perso il diritto alla terra, sono stati ridotti in schiavitù, la panshchina (giorni di lavoro per un pan-polacco proprietario terriero) era tre giorni alla settimana.

I residenti ortodossi sono stati privati ​​dei diritti civili.

La sofferenza che la popolazione ortodossa sopportò in Polonia nel XVII secolo è testimoniata dal discorso del deputato Volyn L. Drevinsky, pronunciato nel 1620 al Sejm alla presenza del re:

“… tutti vedono chiaramente quale oppressione soffre questo antico popolo russo riguardo alla sua fede.  Già nelle grandi città le chiese sono state suggellate, i possedimenti ecclesiastici sono stati saccheggiati, non ci sono monaci nei monasteri – il bestiame è rinchiuso lì: i bambini muoiono senza battesimo, i corpi dei morti senza rito ecclesiastico vengono portati fuori dalle città come carogne.  Senza parlare di altre città, dirò cosa si sta facendo a Leopoli: chi non è uniformato, non può vivere in città, commerciare ed essere accolto nelle botteghe artigiane.  I monaci ortodossi vengono presi sulla strada libera, picchiati e imprigionati.  Gli scienziati degni non sono promossi nei ranghi dei civili solo perché non sono uniformati.”

L’ideologia del nazionalismo ucraino si è formata principalmente negli anni 20-30, degenerando rapidamente nel nazismo.

“A seguito del crollo dell’Unione Sovietica, la SSRUcraina ricevette lo status di stato indipendente.  E subito si manifesta la sua natura complessa.

La maggior parte della popolazione delle regioni orientali, meridionali e settentrionali dell’Ucraina, che non solo erano originariamente formate come terre russe, ma per quasi tutta la loro storia facevano parte dello stesso stato con la Russia, ha vissuto il crollo dell’URSS in modo estremamente doloroso ed erano attratti da un’alleanza con la Russia.

Hanno resistito all’ucrainizzazione, hanno cercato di garantire alla lingua russa lo status di lingua di stato.

A quel tempo, l’ex élite politica e umanitaria repubblicana, cogliendo l’ambita “indipendenza” e adottando un concetto caratteristico dei nazionalisti ucraini del secolo scorso, iniziò a costruire un’idea nazionale su basi filo-occidentali e anti-russe.

Iniziò il processo di una politica aggressiva di ucrainizzazione e fu inventato un loro concetto di storia.

Molto prima che i nazisti ucraini iniziassero a uccidere tutti coloro che esprimevano pubblicamente la loro russità, i leader della parte occidentale dell’Ucraina furono costretti a fare affidamento su di loro per prendere il potere.

Fin dalla prima azione antistatale, organizzata nell’ottobre del 1990 sotto la guida di un’organizzazione studentesca radicale, i nazisti sono stati l’avanguardia dei nazionalisti ucraini.

Nel 2004, con la connivenza di Kuchma, hanno agito come la forza politica decisiva della Rivoluzione arancione, costringendo la Corte Suprema dell’Ucraina a prendere una decisione incostituzionale di tenere un terzo turno elettorale con la forza e portando Yushchenko al potere.

Quest’ultimo, sotto la guida di sua moglie, Yekaterina Chumachenko, un’impiegata dei servizi di intelligence americani nota per le sue opinioni naziste, fece del nazismo ucraino una parte dell’ideologia statale e della politica interna.

E nel 2014, i nazisti hanno preso il potere con la forza e hanno lanciato un genocidio diretto della popolazione russa dell’Ucraina.”

Dall’Ucraina viene creata una testa di ponte per attaccare la società russa.

“Militanti, terroristi e propagandisti addestrati in Ucraina da istruttori americani saranno inviati a svolgere attività sovversive in Russia, e neonazisti addestrati contro la Russia che intensificheranno le provocazioni per trascinare la Russia in una guerra con la NATO. Costringeranno la giunta ukronazista a loro subordinata a condurre una guerra su vasta scala nel Donbass, gli Stati Uniti stanno creando un nuovo “punto caldo” nel centro dell’Europa.

Per indurre la Russia ad un’azione militare contro l’Ucraina, i consiglieri americani impongono ai loro protetti di Kiev l’uso delle armi più crudeli nei confronti della popolazione: frammentazione ad alto potenziale esplosivo e proiettili al fosforo, bombe a grappolo e mine.

Dopotutto, più vittime ci sono, maggiori sono le aspettative di un intervento militare russo a protezione della popolazione russa e maggiore è il rischio di una nuova guerra europea di cui gli Stati Uniti hanno bisogno per mantenere il dominio mondiale nel contesto dei cambiamenti strutturali globali causati da un cambiamento nelle strutture tecnologiche ed economiche mondiali.”

Eurofascismo in Ucraina.

“Gli eventi che si svolgono in Ucraina sono guidati dallo spirito malvagio del nazismo e del fascismo, apparentemente superato da tempo dopo la seconda guerra mondiale.

Dopo quasi 70 anni, è di nuovo “uscito dalla bottiglia”, spaventando non solo con i simboli e la retorica completamente riconoscibili degli scagnozzi di Hitler, ma anche con l’ossessivo “Drang nah Osten” (Assalto all’est).

Gli anglosassoni stapparono ancora una volta questa bottiglia del genio della guerra: come 77 anni fa a Monaco benedissero Hitler per combattere l’URSS, oggi a Kiev incitano diligentemente i nazisti ucraini alla guerra con la Russia.

Sorge la domanda: perché i leader europei sono coinvolti in questo inizio di una nuova guerra, di cui sembrano aver perso completamente la memoria storica?

Per rispondere a questa domanda, è necessario dare definizioni corrette degli eventi che si verificarono. 

Per fare ciò, è necessario evidenziare le loro componenti chiave, sulla base dei fatti.

I fatti sono già stati citati: Yanukovich ha rifiutato di firmare l’Accordo di Associazione con l’UE imposto all’Ucraina, dopo di che gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO lo hanno rimosso fisicamente dal potere, hanno organizzato un violento colpo di stato a Kiev e portato al potere un rappresentante illegittimo con un governo completamente controllato.

Il fatto che lo scopo di questo crimine fosse quello di associare l’Ucraina all’UE è dimostrato dall’improvvisa firma di questo accordo con i suoi fantocci un mese dopo la presa del potere.

Il significato dell’accordo di associazione con l’Unione Europea per l’Ucraina è di trasferire a Bruxelles le funzioni sovrane di regolamentazione del commercio, dell’attività economica estera, di regolamentazione tecnica, di controllo veterinario, sanitario e fitosanitario, nonché di apertura del mercato delle merci europee.

Questo documento di quasi mille pagine delinea le direttive dell’UE che l’Ucraina si impegna a rispettare.

Ogni sezione afferma che la legislazione dell’Ucraina deve essere allineata unilateralmente ai requisiti di Bruxelles.

Allo stesso tempo, gli obblighi dell’Ucraina di conformarsi alle direttive dell’UE riguardano non solo le norme attualmente in vigore, ma anche quelle future, al cui sviluppo l’Ucraina non prenderà parte.

In poche parole, dopo la firma dell’Accordo, l’Ucraina diventa una colonia dell’Unione Europea, soddisfacendo ciecamente tutti i requisiti della sua nuova “madrepatria”.

Compresi quelli che l’industria ucraina non può soddisfare e che sono dannosi per l’economia ucraina.

Apre completamente il suo mercato alle merci europee, il che comporta un aumento delle importazioni di 4 miliardi di dollari e lo spostamento dell’industria ucraina non competitiva.

Deve raggiungere gli standard europei, che richiedono 150 miliardi di euro di investimenti per la modernizzazione dell’economia, le cui fonti non sono disponibili.”

Quali conseguenze?

Nel 2019, la Banca Mondiale ha riconosciuto l’Ucraina come il paese più povero d’Europa.

Nel 2020, gli esperti hanno definito una “catastrofe” la situazione in Ucraina risultante dalla firma di questo documento.

Se nel 2014 il 15% della popolazione ucraina viveva al di sotto della soglia di povertà, dopo 2 anni è il 25%”,

nel 2014 il PIL valeva il 2%, oggi dopo l’indebitamento dovuto alle politiche economiche disastrose in una corsa all’armamento per affrontare l’Orso Russo si è ridotto allo 0,5 circa. (2016)

“Le élite ucraine considerano l’ottenimento di un regime di esenzione dal visto per i propri cittadini l’acquisizione principale dell’associazione con l’Unione Europea.  Ma il regime di esenzione dal visto si è trasformato in un colossale spopolamento e migrazione della popolazione verso i paesi vicini: Polonia o Germania.  In effetti, l’Ucraina si è spopolata e questa non può essere definita una conseguenza positiva dell’accordo”, ha affermato Larisa Shesler, presidente dell’Unione degli emigranti politici e dei prigionieri politici dell’Ucraina.

Anche in ambito economico, dopo la conclusione dell’accordo di associazione con l’Unione Europea, si sono registrati significativi peggioramenti.

“L’Ucraina contava sul fatto che i mercati europei dei prodotti alimentari le sarebbero stati immediatamente aperti.  Ma l’Ue si è difesa dalla fornitura di merci ucraine con quote molto ridotte, che si sono esaurite completamente durante i primi due mesi dell’anno.  Dopodiché, l’Ucraina è costretta a fornire i suoi prodotti in Europa assolutamente senza alcuna preferenza che si aspettasse”, ha affermato Shesler.

“Allo stesso tempo, l’Ucraina ha perso un enorme mercato dei paesi della CSI.  A ciò si associa l’inesorabile deterioramento della bilancia commerciale estera del Paese dal 2015.  La sua situazione economica è deplorevole, con il PIL pro capite a parità di potere d’acquisto (PPA) in calo del 30%  nel 2015.  Questa è un’altra delle conseguenze del fatto che l’Ucraina ha voltato le spalle al mercato orientale, ha fortemente peggiorato le sue relazioni con la Russia e allo stesso tempo non ha acquisito nulla in Occidente”, ha affermato Shesler.

A sua volta, il capo dell’ufficio analitico del progetto SONAR-2050, Ivan Lizan, sottolinea che l’accordo di associazione con l’UE ha portato alla quasi totale perdita della sovranità dell’Ucraina, e ciò che ne resta “sarà smantellato dalla fine del mandato presidenziale di Zelensky”.

Anche nella sfera economica è un completo disastro.

“L’Ucraina ha perso la sua sovranità economica e si è mossa in tal senso per molto tempo e in modo coerente.  A causa della privatizzazione delle imprese, si è verificato un forte indebolimento dell’influenza dello stato sull’economia.  La situazione è peggiorata a causa dell’associazione europea, a seguito della quale l’Ucraina in realtà non ha avuto accesso al mercato europeo, ma gli europei hanno ottenuto l’accesso assoluto al mercato ucraino.  Pertanto, il produttore di materie prime ucraino è allo stremo e sopravvive solo in quei segmenti in cui è diventato un produttore di beni per l’UE”.

Sappiamo oggi come si sono evoluti gl’eventi e quanto danno per i popoli ucraini ed europei si stia sviluppando, economico e sociale, questo conflitto dividerà definitivamente il mondo in diverse parti, non vi sarà più un egemonia degli Stati Uniti grazie ai quali gran parte del pianeta vedrà la propria condizione economica e sociale sprofondare in una catastrofe economica contraria a quei popoli che si ritrovano a doverla subire a causa di governanti senza scrupoli al servizio di imperi finanziari dediti ad allargare i loro mercati per sfruttare e parassitare i continenti, quello Africano ne è testimone primario.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!