Quantcast
Database Italia

Mai al di fuori dei periodi di guerra le popolazioni sono state sottoposte a tali oltraggiosi assalti da parte delle macchine di propaganda del governo

Al mattino, il mondo è come dovrebbe essere. Il sole sorge, come previsto per questa parte d’Italia all’inizio di dicembre, intorno alle sette. Poco dopo, mi alzo, svolgo le solite routine mattutine, faccio una colazione veloce, mi lavo e sono al mio computer per le dieci. Le ore passano ineccepibili fino all’ora di pranzo. E poi non posso più rimandare la l’uscita per negozi.

Andare a fare la spesa è una cosa che faccio il meno possibile oggigiorno. Una volta avrei potuto entrare e uscire dal vicino centro città più volte in un giorno, senza pensarci due volte: ma era allora che potevo spostarmi da casa alla strada senza interruzioni, senza passaggi stridenti tra qui e là.

Adesso è diverso. Ora, oltre i confini protettivi della nostra casa si trova un universo parallelo, un luogo di rituali e dogmi stravaganti, dove figure grottescamente mascherate si incrociano cautamente per strada o, al supermercato, si nascondono dietro simbolici schermi di plastica. Invece della musica, mentre seguo il percorso prescritto tra i corridoi, voci disincarnate avvertono di morte e malattia, ordinarmi di proteggere me stesso e gli altri mantenendo le distanze e tenendo per me le mie esalazioni piene di peste.

“Siamo in questo insieme!” proclamano.

In meno di un anno una negromanzia maligna ha trasformato gli intrepidi esseri sociali che una volta affollavano negozi e caffè nel periodo precedente a ogni Natale in un’infestazione di pericolosi germi fuori misura: o, se un esame scrupoloso dei fatti ti ha lasciato sicuro che “Il nuovo coronavirus” non è più minaccioso per le persone moderatamente sane dei più cattivi marchi di influenza, in pazzi aderenti a qualche culto apocalittico.

Dato che ho passato gli ultimi nove mesi a esaminare scrupolosamente i fatti, gli occhi che ora mi scrutano oltre l’inadeguato coprirsi il viso di quella donna che si ritira frettolosamente dietro le scatolette di tonno mentre mi avvicino sono, quelli di una pazza. Ma poi, sono un miscredente. Non indosso la maschera della fedeltà. Segnato dal cordino intorno al collo, faccio la spesa il più rapidamente possibile e mi affretto a tornare alla tormentata sanità mentale della vita domestica.

Sì, anche qui sotto attacco: perché mentre l’assalto della propaganda continua senza remissione, solo il completo divorzio dal mondo esterno può offrire protezione. Fortunatamente, dall’arrivo del computer sono fuori dalla portata della televisione programmata, ma per svegliarmi con l’accompagnamento di musica piacevole ma poco impegnativa, ho sopportato l’infarinatura intermittente di pubblicità su Classic FM. Tuttavia, ora che il governo è diventato la fonte di reddito più redditizia dei media, questo non è più tollerabile. Chi vuole essere svegliato bruscamente dal sonno da insulsi incantesimi di “Mani! Viso! Distanza! “, A volte ripetuto due volte in cinque minuti?

“È solo un attore!” penso, mentre lancio esecrazioni, e peggio, alla radio. Ma che provenga da attori o ministri della salute, il lavaggio del cervello fa schifo. “Non desideri solo una bella pubblicità sui divani?” chiede tristemente un amico, mentre discutiamo della progressiva acquisizione di spazi pubblicitari da parte della ” nudge unit ” del governo . Persino le pubblicità in buona fede dei grandi supermercati sono nauseati dalle assicurazioni farinose di acquisti “sicuri”. L’unico tipo di acquisto sicuro che desidero è fare acquisti al riparo da continui richiami al Virus: acquisti smascherati e socialmente conviviali; la possibilità di curiosare senza impedimenti nelle librerie e di soffermarsi socialmente indisturbato davanti a tazze di caffè in un bar affollato.

Devi chiederti, Perché questa campagna di terrore? Perché, nel mezzo di un’autentica pandemia, dovrebbe essere ricordato incessantemente a qualcuno che la morte insegue i suoi passi? Che in qualsiasi momento Il Virus, diffuso all’estero da qualche super-spargitore passato fugacemente per strada, potrebbe insinuarsi nel tuo corpo – o, peggio, che noi stessi, infetti ma inalterati, potremmo contaminare silenziosamente una persona cara?

La risposta breve è che non lo farebbero. In una vera pandemia, questo costante maltrattamento mentale sarebbe superfluo. Se la peste nera infuriasse fuori dalla mia porta, il governo saprebbe benissimo che non avrebbero bisogno di sborsare milioni per convincermi a restare dentro; molto probabilmente avrebbero dovuto pagarmi per lasciare la casa.



Eppure questo governo ha comprato il blocco dei mass media, azioni e barili, a spese enormi, con l’unico scopo, sembra, di martellare a casa un messaggio di imminente rovina. Invece di placare le nostre paure con fatti e argomenti razionali, hanno pensato bene di inondare le onde radio con slogan calcolati per  mantenere il panico ; con falsi  appelli alle emozioni ; con conteggi dei decessi fuori contesto, offuscamento intenzionale della differenza tra casi e infezioni, un  test PCR criminalmente pericoloso  e grafici e modelli computerizzati (spazzatura in entrata, spazzatura fuori) accuratamente selezionati per sottolineare le  peggiori eventualità possibili .

E non contenti di sottometterci con una dieta costante di informazioni distorte e incomplete, hanno scatenato la 77 Brigata dell’esercito inglese per trollare gli scambi sui social media e soffocare ogni dissenso persistente – o, come il governo preferisce chiamarlo, ” disinformazione ” . L’obiettivo non può che essere quello di indurre il massimo terrore pubblico di fronte a un virus che, senza tutte queste chiacchiere ingannevoli, difficilmente sarebbe stato notato dalla popolazione in generale.

Perché lo fanno? Sicuramente, ormai, devono essere consapevoli che un numero crescente di scienziati altamente stimati ed esperti contestano politiche che stanno uccidendo molto più persone di quante ne stiano salvando, e che continueranno a uccidere anche in futuro!

È vero, i non scienziati potrebbero perdersi in tutte le risme di informazioni contrastanti sfornate da quando siamo stati messi in allerta terrorismo per la prima volta a febbraio e marzo, ma una domanda è fondamentale e facilmente risolvibile: i dati sulla mortalità in eccesso per quest’anno sono significativamente superiori media? Solo un’enorme e prolungata divergenza dalla norma indicherebbe la presenza di una nuova malattia abbastanza mortale da giustificare le misure straordinarie prese dal governo.

I grafici Euromomo per il Regno Unito non mostrano  tale anomalia . In Irlanda del Nord non c’è mai stato alcun aumento sostanziale dei decessi complessivi. Anche in Galles la mortalità si è appena discostata dal range normale. La Scozia ha registrato un picco ben al di sopra della media in primavera, ma da allora è rimasta quasi interamente entro i limiti della normalità. Anche la popolosa Inghilterra, nonostante un tasso di mortalità che è salito bruscamente a una grande altezza a marzo prima di ridiscendere altrettanto bruscamente a metà giugno, ha trascorso la maggior parte dell’anno a sbuffare al di sotto della linea di “aumento sostanziale”, con il consueto aumento dell’inverno. approcci. Un altro grafico al  Covid-19 in Proporzione?  mostra che

I livelli di mortalità nel 2019/2020 sono molto simili a quelli subiti nel 1999/2000

Sicuramente non la peste nera, quindi, e nemmeno l’influenza del 1918. In effetti, uno dei principali epidemiologi del mondo, John Ioannidis, ci assicura da tempo che il tasso di mortalità per infezione del Covid-19 è paragonabile a quello di una brutta influenza. La sua prima stima, a marzo, di un tasso di mortalità nella popolazione generale compreso tra lo 0,05% e l’1,0%, come indicato dall’epidemia sulla nave da crociera  Diamond Princess   – una conclusione per la quale l’eminente professore è stato, in modo esilarante, censurato dai non scienziati di  YouTube .



Eppure ora ci viene detto che solo la vaccinazione di massa contro questo virus abbastanza comune ci permetterà di tornare a qualsiasi parvenza di vita normale. Per dispensa speciale, milioni di dosi di  vaccino non sufficientemente testato  sono già in cantiere, con la garanzia di non ritorno per Big Pharma o per i medici che chiudono un occhio sul precetto “Primo a non fare del male”, se i curati fossero colpiti con ripercussioni dannose sulla loro salute o, appunto, sulla vita stessa.

Ci viene detto che dovremmo tutti accettare la sospetta panacea a prescindere, al fine di sconfiggere “questo terribile virus”:  è abbastanza sicuro – onesto, hai la mia parola per questo , dice Matt Hancock. Tuttavia, a parte gli effetti collaterali, non vi è alcuna garanzia che il vaccino Pfizer, ricevuto con giubilo l’8 dicembre dal suo primo grato ricevente, sarà efficace nel prevenire sia la malattia che la sua trasmissione: e anche se risulta offrire un’iniziale protezione, questo può durare anche  solo tre mesi , quindi presumibilmente saranno necessarie ripetute iniezioni regolari.

Che cosa? Ripeti le iniezioni! I giovani e i sani stanno affrontando una vita di richiami contro una malattia pericolosa quasi esclusivamente per gli anziani e i malati? E se questo non è abbastanza folle, ci viene detto probabilmente dovremo continuare a indossare maschere e tenere i nostri amici e la nostra famiglia a debita distanza  anche in futuro : un futuro , viene accennato, ai passaporti sanitari e alla sorveglianza di massa di routine, se desideriamo viaggiare con i mezzi pubblici o in generale impegnarci nella  vita oltre la nostra soglia di casa.

Questo, a quanto pare, sarà il Nuovo Normale, ma non preoccuparti! Dopotutto, ti stai già mascherando automaticamente quando esci di casa, vero, e segui i passi a senso unico sul marciapiede come una cosa ovvia? E se diventa troppo fastidioso portare con sé la prova della vaccinazione, beh, presto dovremmo essere in grado di offrirti l’alternativa senza problemi di un  microchip impiantato , per coprire tutte le eventualità: salute; finanza; il tuo punteggio di credito sociale …

A volte penso che sarebbe meglio essere uno degli zombi mascherati. Fiduciosi, obbedienti, vivono in un mondo che, sebbene minaccioso, comprendono e accettano. È reale per loro. Sanno, senza dubbio, che una terribile piaga ha colpito tutti noi, una piaga che minaccia di spazzare via la specie: e sanno che se indossano le loro maschere fedelmente, si lavano le mani mille volte al giorno e stanno alla larga da altri esseri umani, faranno la loro parte per salvare la nazione e, alla fine, riceveranno l’unzione suprema di un vaccino; dopo di che, credono, tutto tornerà alla normalità – forse con qualche pista ciclabile in più e parchi eolici, e un po ‘meno lavori – ma hey! – che importa, quando il governo gentile e compassionevole promette a tutti noi un reddito di base universale?

Per il resto di noi, non è così semplice. Il resto di noi deve vivere in un mondo in cui le nostre percezioni sono sfidate senza rimorso dalla menzogna prevalente. Guidati da processi di pensiero razionali e dall’evidenza, sappiamo che quest’anno non siamo più a rischio dal Covid-19 di quanto non lo fossimo negli anni precedenti da uno dei ceppi più aggressivi di influenza, ma non appena ci avventuriamo nel mondo esterno , tutto contraddice la nostra realtà interiore: e sebbene non possiamo partecipare attivamente alla mascherata, siamo condannati a un perpetuo stato di dissonanza cognitiva, costretti ad acconsentire silenziosamente alla grande illusione che si gioca intorno a noi, sotto la direzione del governo .

E a che scopo?

Se la quantità di denaro versata dal governo nel porno della paura e l’acquisto di PCR test e vaccini frettolosamente inventati fosse stata dirottata in più letti, più una migliore paga per infermieri e altri non – personale amministrativo, tutto avrebbe avuto più senso e avrebbe reso gli inverni futuri meno caotici.

Era ovvio fin dall’inizio per chiunque avesse un’istruzione di base che si fosse preoccupato di verificare i fatti che chiudere l’economia sarebbe stato più dannoso per la vita di qualsiasi virus. Perché questo non era ovvio anche a un primo ministro con una laurea in PPE di Oxford, circondato da intere coorti di colleghi e consiglieri armati di qualifiche altrettanto prestigiose?

Anche concedendo un’iniziale ondata di panico di fronte alle previsioni isteriche della squadra di indovini dell’Imperial College, sarebbe stato possibile ritirarsi in un discreto ordine dopo il primo blocco, quando molti scienziati stavano già dicendo che il pericolo era stato esagerato, che il virus era ormai endemico e che   era in vista una diffusa immunità naturale .

Invece, il governo ha scelto di soffiare sul fuoco della paura con un’intensificazione della propaganda e ordini di mascherarsi, estendendo il regno del terrore ingiustificato fino all’autunno, quando l’insorgenza annuale di malattie respiratorie ha iniziato a riempire i letti degli ospedali e ha permesso la morte. conteggi e blocchi per riprendere. Uno per uno, quelle piccole imprese che sono sopravvissute al primo assalto stanno abbandonando il fantasma, e sembra che i nostri governanti non saranno contenti fino a quando ogni uomo, donna e bambino in Europa non sarà stato gettato nelle braccia legate della dipendenza statale .

Quali “teorie” cospirative adesso? Ciò con cui abbiamo a che fare sono i fatti.

Mentre i paesi di tutto il mondo si suicidano consensualmente a un coro travolgente di “Build Back Better!”, Cosa ha più senso? Per scuotere la testa per la perplessità, che così tante nazioni, di comune accordo, non solo perseverano nel commettere esattamente gli stessi errori dell’inizio di quest’anno, ma ora stanno insistendo, all’unisono, nel radicare i mali che sono stati scatenati?

O per contemplare la possibilità che una rete di potenti agenzie sovranazionali – banche, società, ONG – collaborino da tempo per dirigere il corso degli eventi mondiali attraverso beneficiari nei governi locali e nazionali e nelle  relative burocrazie , e che “il nuovo coronavirus “viene utilizzato per ottenere la spinta finale in un’era di  ” governance globale “abilmente camuffata : un’era in cui le politiche ideate da comitati centralizzati e non eletti vengono trasmesse a capi di stato eletti nelle coperture di quelle che una volta erano nazioni indipendenti, e da loro trasmesse ai sindaci e agli amministratori regionali per l’attuazione e l’applicazione.

C’è chi ha preso l’influenza asiatica nel 1957. L’infezione ha attraversato il paese e decine di migliaia sono morti. Nel 1968 l’influenza di Hong Kong, ma ancora una volta il bilancio delle vittime fu di decine di migliaia.

In nessuna occasione è stato ritenuto necessario distruggere milioni di vite e mezzi di sussistenza chiudendo il paese, né è stato fatto alcun tentativo di terrorizzare i suoi abitanti. Il Covid-19 non è più letale di nessuna di quelle infezioni precedenti, meno, a meno che non si creda effettivamente che tutti quelli attualmente descritti come morenti “con Covid”, o che muoiono entro 28 giorni dal risultato del test, siano effettivamente morti  per  Covid. Mai prima d’ora tali politiche distruttive erano state inflitte alla nazione nel futile tentativo di spazzare via un virus. Mai prima d’ora, al di fuori del periodo di guerra, la popolazione italiana è stata sottoposta ad assalti e violenze così oltraggiose da parte di una macchina di propaganda governativa.

Traccia la conclusione che vuoi. 

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.