Quantcast
Database Italia

Media in Cina: “Un’era asiatica sta arrivando”

“Il preludio di un’era asiatica è iniziato”, ha dichiarato lunedì il Global Times, gestito dallo Stato cinese , citando dati che indicano che l’Asia “contribuirà per circa il 60% alla crescita globale” entro il 2030.

L’articolo ha anche citato l’enfasi delle società dell’Asia orientale sull ‘”ordine” rispetto alla libertà personale come un forte indicatore del fatto che la regione si riprenderà in modo più efficiente dalla pandemia di coronavirus in corso rispetto alle nazioni occidentali.

“Entro il 2025, il PIL della Cina dovrebbe raggiungere o addirittura superare quello degli Stati Uniti. L’India potrebbe superare la Germania per diventare la quarta economia mondiale. … Lo status degli Stati Uniti come la più grande economia del mondo si avvicina alla fine. Per la prima volta, tre paesi asiatici saranno tra le quattro principali economie del mondo ”, ha osservato il quotidiano.

Il Global Times ha  citato la recente “firma del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) il 15 novembre” come ulteriore indicazione del crescente predominio economico dell’Asia.

La firma del patto commerciale “ha riunito le nazioni dell’ASEAN [l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico], il Giappone, la Corea del Sud, la Cina, l’Australia e la Nuova Zelanda in uno dei blocchi commerciali più diversificati e popolati sulla Terra”, secondo il quotidiano. “Segna una nuova era per la cooperazione regionale asiatica caratterizzata dal multilateralismo e dal liberalismo commerciale. In termini di processo di recupero globale durante l’era post-pandemia, questa nuova configurazione può realizzare molte cose “.

L’India, che il Global Times ha citato come una delle quattro principali economie mondiali del futuro entro il 2025, ha in particolare rinunciato a firmare il RCEP il 15 novembre, in linea con il suo obiettivo dichiarato di diventare meno dipendente dalle catene di approvvigionamento estere, che a sua volta aiuta a contenere la Cina predominante sulla produzione e il commercio asiatici.

Scritto da Wang Wen, un “professore e decano esecutivo del Chongyang Institute for Financial Studies presso la Renmin University of China”, l’ articolo del Global Times ha inoltre sostenuto che le norme sociali dell’Asia orientale, in particolare la loro attenzione all ‘”autodisciplina” e un “codice di condotta “, suggeriscono che la regione combatterà gli effetti collaterali negativi della pandemia di coronavirus con maggiore successo rispetto ai paesi occidentali.

“Dal punto di vista della governance nazionale, i paesi dell’Asia orientale, che mettono l’accento sull’ordine nella loro cultura, mostrano una maggiore efficienza nella lotta contro la pandemia, rispetto ai paesi europei e agli Stati Uniti, che presumibilmente danno più valore alla libertà”, ha affermato Wang. “Pertanto, i paesi asiatici stanno anche rivitalizzando le loro economie più velocemente di altre parti del mondo”.

Un rapporto del  Jakarta Post  di gennaio sembra supportare la previsione del Global Times sulla crescita incrementale nelle economie asiatiche.

“Nel 2020 il prodotto interno lordo asiatico supererà il prodotto interno lordo (PIL) del resto del mondo messo insieme. Entro il 2030, si prevede che la regione contribuisca per circa il 60% alla crescita globale ”, ha rivelato l’articolo, scritto in collaborazione con un membro del comitato esecutivo del World Economic Forum.

“L’Asia-Pacifico sarà anche responsabile della stragrande maggioranza (90%) dei 2,4 miliardi di nuovi membri della classe media che entrano nell’economia globale. La maggior parte di tale crescita proverrà dai mercati in via di sviluppo di Cina, India e in tutto il sud-est asiatico ”, ha aggiunto il quotidiano indonesiano.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.