Home Bersaglio Mobile MEDICI E INFERMIERI LOMBARDI CONTRO L’OBBLIGO AI VACCINI COVID. In 300 fanno...

MEDICI E INFERMIERI LOMBARDI CONTRO L’OBBLIGO AI VACCINI COVID. In 300 fanno Ricorso al TAR

0

Se i vaccini antiCovid sono sicuri ed efficaci, come continua a ribadire il Ministro della Salute Roberto Speranza forte della sua laurea in Scienze Politiche nonostante una marea di reazioni avverse anche gravi e letali, perché centinaia e centinaia di medici ed infermieri professionali sarebbero disposti a rischiare di perdere la possibilità di lavorare e persino lo stipendio pur di evitare la somministrazione di uno dei 4 sieri ancora sperimentali?

Sono circa trecento gli operatori sanitari di Cremona, Brescia, Bergamo e Mantova, che hanno fatto ricorso al Tar di Brescia per chiedere l’annullamento dell’obbligo vaccinale. L’udienza si terrà il 14 luglio prossimo. “Non è una battaglia no vax, ma una battaglia democratica. Qui si obbliga una persona a correre un rischio altrimenti gli viene impedito di svolgere la professione” spiega l’avvocato Daniele Granara che ha presentato il ricorso, come scrive ‘Il Giornale di Brescia’.

“L’Italia – si legge nelle pagine del ricorso – è l’unico Paese dell’Unione Europea a prevedere l’obbligatorietà per determinate categorie di soggetti della vaccinazione per la prevenzione della Sars-CoV-2”. Nei giorni scorsi a 115 operatori sanitari dell’Alto Adige, in virtù del Decreto Legge 41/2021, sono stati costretti a rimanere a casa perché si erano rifiutati di adempiere l’obbligo vaccinale.

Il ricorso, spiega ancora l’articolo del Giornale di Brescia ripreso dall’agenzia Adnkronos, “si fonda sulla illegittimità costituzionale, sotto plurimi profili, di diritto interno e diritto europeo, di un obbligo riferito ad un vaccino di cui non è garantita né la sicurezza né l’efficacia, essendo la comunità scientifica unanime nel ritenere insufficiente, sia dal punto di vista oggettivo sia dal punto di vista temporale, la sperimentazione eseguita”.

“Ai colleghi e agli operatori sanitari che hanno avviato un ricorso contro l’obbligo vaccinale al Tar di Brescia, ricordo che la Corte Costituzionale afferma che non si tratta di un obbligo, ma di un requisito per esercitare la professione sanitaria. Ovviamente, nel momento in cui il requisito è vaccinarsi, i professionisti devono decidere: se vogliono fare i medici si devono vaccinare”, spiega all’Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo).

“Un medico che, ideologicamente, fa le battaglie contro il vaccino – continua Anelli – va incontro a un procedimento disciplinare. Questo perché un medico che non crede ai vaccini è come un ingegnere che non crede alla matematica. Come si fa?”, dice Anelli convinto che il ricorso “sia più un modo per prendere tempo che per arrivare alla cancellazione dell’obbligo, giuridicamente molto ben definito”, conclude sottolineando che tra i ricorrenti “i medici sono una sparuta minoranza, questo non vuol dire che non ci sia un problema, ma è limitato nei numeri”.

Va però rammentato che Anelli, presidente della Fnomceo, è anche colui che difese a spada tratta il diritto dei medici a precepire compensi dalle stesse Big Pharma che producono i farmaci e in questo caso stanno lucrando sui vaccini anche grazie al “cartello” di multinazionali creato dalla Bill & Melinda Gates Foundation in un accordo del 30 settembre 2020.

Pertanto il paragone andrebbe rettificato; un medico che non crede a vaccini ancora sperimentali che hanno scatenato centinaia di migliaia di reazioni avverse anche gravi e letali è come l’ingegnere che non si fida del costruttore di mattoni che si è aggiudicato un appalto pubblico facendo regalie agli amministratori di un ente locale…

Rimane poi l’incognita sull’effettiva necessità dei vaccini, assodato il fatto che l’emergenza Covid-19 è stata certificata nel 2021 solo dai controlli coi tamponi che al 95 % rilevano contagiati asintomatici e tra i quali potrebbero nascondersi anche moltissimi falsi positivi come evidenziato da autorevoli ricerche scientifiche di cui abbiamo parlato nel precedente articolo.

Per conoscere tutti i retroscena della pandemia nei dettagli acquista il libro WuhanGates…

Redazione Gospa News
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

ADNKRONOS – RICORSO AL TAR DI 300 OPERATORI SANITARI

Previous articleSCIOCCANTE! – Il numero di reazioni avverse ai vaccini Covid supera il milione secondo il 22° aggiornamento del governo del Regno Unito
Next articlePerché i “vaccini” genici non possono produrre nessuna proteina spike e dunque non sono vaccini.
Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net