Quantcast
Database Italia

Members Exchange (MEMX) – I banchieri più pericolosi e incriminati di Wall Street lanciano la propria borsa valori

Members Exchange (MEMX), una borsa valori nuova di zecca, ha annunciato che inizierà il trading dal vivo di azioni selezionate per la prima volta il 21 settembre con una fase completa il 29 settembre.

Le storie criminali non sono, apparentemente, un ostacolo alla gestione di una borsa valori negli Stati Uniti per il modo di pensare profondamente conflittuale della Securities and Exchange Commission (SEC), che ha emesso la sua approvazione per gestire la borsa il 5 maggio.

Gli investitori nella nuova borsa valori sono alcune delle banche di Wall Street più ambigue, tra cui JPMorgan, Goldman Sachs e UBS, insieme al fondo speculativo Citadel Securities. BlackRock, che è fino al collo nei programmi di salvataggio profondamente conflittuali della Federal Reserve, è anche un investitore, così come la società di trading Virtu Financial e altri.

JPMorgan Chase è stata indagata penalmente dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti almeno quattro volte negli ultimi sette anni. Un’indagine criminale nel 2013 ha esaminato il modo in cui la banca aveva utilizzato i risparmi dei depositanti bancari per scommettere su derivati ​​esotici a Londra, perdendo infine 6,2 miliardi di dollari. Quel caso era noto come London Whale e finì con la banca che  pagò $ 900 milioni di multe . Nessuna accusa penale è stata intentata contro la banca.

Nel 2014, JPMorgan Chase è stato  accusato di due reati penali  per come ha gestito male il conto aziendale. Il personale addetto alla conformità di JPMorgan si è voltato dall’altra parte riguardo il riciclaggio di denaro nel conto Madoff per decenni. I dipendenti della banca hanno detto alle autorità del Regno Unito che pensavano che Madoff potesse gestire uno schema Ponzi. Non ha presentato tali preoccupazioni alle autorità di regolamentazione statunitensi. La banca si è dichiarata colpevole di entrambi i reati.

Nel 2015, il Dipartimento di Giustizia ha intentato un altro reato penale contro la banca, questa volta per essersi impegnata con altre banche nel truccare i mercati dei cambi. La banca si è nuovamente dichiarata colpevole. In entrambi i casi del 2014 e del 2015, JPMorgan Chase ha ricevuto un accordo di procura differita dal Dipartimento di Giustizia.

Il 16 settembre dello scorso anno,  il Dipartimento di Giustizia ha incriminato  due attuali e un ex commercianti di metalli preziosi presso JPMorgan Chase con l’accusa penale RICO, un’accusa tipicamente rivolta ai membri della criminalità organizzata. I trader sono stati accusati di aver gestito un’impresa di racket fuori dal banco di negoziazione dei metalli preziosi di JPMorgan Chase. La stessa rimane sotto un’indagine penale in materia.

Nel luglio di quest’anno, Goldman Sachs ha  subito un’accusa penale   in Malesia per $ 3,9 miliardi per il suo coinvolgimento in uno scandalo di corruzione e tangenti noto come 1MDB. Secondo un  rapporto Bloomberg di dicembre , anche il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha un’indagine penale in corso sull’azienda relativa alla stessa questione.

Secondo il 10-K (Rapporto annuale) che Goldman ha presentato alla SEC il 21 febbraio, sta collaborando con il Dipartimento di giustizia nel caso 1MDB ma la risoluzione “potrebbe comportare l’imposizione di ammende significative e sanzioni contro l’azienda, comprese le restrizioni sulle attività dell’azienda.

UBS, la potente banca svizzera con una forte presenza a Wall Street, ha ricevuto un accordo di procura differita dal Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti nel 2012 per il suo ruolo nell’impegnarsi con altre banche per manipolare il benchmark dei tassi di interesse internazionale noto come LIBOR. In cambio di non essere perseguita, UBS ha accettato di non commettere altri atti criminali. Ma secondo il Dipartimento di Giustizia, non ha mantenuto la parola data:

“UBS si è impegnata in pratiche di vendita e negoziazione [forex] ingannevoli dopo aver firmato l’accordo di non perseguimento LIBOR, inclusi i ricarichi non divulgati aggiunti a determinate transazioni FX dei clienti. I commercianti e il personale di vendita di UBS hanno dichiarato erroneamente ai clienti su determinate transazioni che i markup non venivano aggiunti, quando in realtà lo erano. In altre occasioni, i commercianti e il personale di vendita di UBS hanno utilizzato manovre manuali per nascondere tali ricarichi ai clienti.

In altre occasioni, alcuni trader UBS hanno anche tracciato ed eseguito ordini limite a un livello diverso da quello specificato dal cliente al fine di aggiungere ricarichi non divulgati. Inoltre, secondo atti giudiziari, un trader UBS FX ha cospirato con altre banche che agivano come dealer nel mercato FX, accettando di limitare la concorrenza nell’acquisto e nella vendita di dollari ed euro. UBS ha partecipato a questa condotta collusiva da ottobre 2011 ad almeno gennaio 2013 “.

A seguito della violazione del suo accordo, nel 2015 il Dipartimento di Giustizia ha accusato UBS di un reato per le sue azioni relative al LIBOR. UBS si è dichiarata colpevole.

Dopo il crollo del mercato azionario del 1929, il Senato degli Stati Uniti condusse tre anni di udienze sull’autodisciplina e il commercio truccato dalle principali banche di Wall Street. Le udienze hanno generato per anni titoli in prima pagina. L’indignazione pubblica derivante da quei titoli portò il Congresso ad approvare il Securities Exchange Act del 1934, che creò la Securities and Exchange Commission e le conferì il potere di registrare, regolamentare e supervisionare società di intermediazione, agenzie di compensazione e borse.

La legge del 1934 citava specificamente l’interesse nazionale nello spiegare perché le borse dovevano essere regolamentate a livello federale. Si legge in parte:

“Spesso i prezzi dei titoli su tali borse e mercati sono suscettibili di manipolazione e controllo, e la diffusione di tali prezzi dà luogo a speculazioni eccessive, con conseguenti fluttuazioni improvvise e irragionevoli nei prezzi dei titoli che potrebbero:

  1. causare alternativamente un’espansione irragionevole e una contrazione irragionevole del volume di credito disponibile per il commercio, i trasporti e l’industria nel commercio interstatale,
  2. ostacolare la corretta valutazione del valore dei titoli e quindi impedire un equo calcolo delle tasse dovute agli Stati Uniti e ai vari Stati da parte di proprietari, acquirenti e venditori di titoli,
  3. impedire l’equa valutazione delle garanzie per i prestiti bancari e / o ostacolare l’efficace funzionamento del sistema bancario nazionale e del Federal Reserve System.
  4. Le emergenze nazionali, che producono disoccupazione diffusa e dislocazione del commercio, dei trasporti e dell’industria, e che gravano sul commercio interstatale e incidono negativamente sul benessere generale, sono accelerate, intensificate e prolungate dalla manipolazione e da fluttuazioni improvvise e irragionevoli dei prezzi dei titoli e da eccessive speculazioni su tali borse e mercati, e per far fronte a tali emergenze il governo federale è messo a spese così grandi da gravare sul credito nazionale “.

I criminali per ammissione e i recidivi seriali dovrebbero essere autorizzati a possedere un’impresa del genere?



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.