Quantcast
Database Italia

Microsoft, Oracle & Co a tutta velocità sui passaporti vaccinali Covid-19


I colossi della tecnologia e della salute statunitensi hanno unito le forze per lanciare l’ennesimo passaporto per la vaccinazione Covid-19, facendo presupporre un ritorno ai viaggi internazionali ma sollevando ulteriori domande sul futuro della privacy.

Insieme alla Mayo Clinic senza scopo di lucro, le società sanitarie e tecnologiche, tra cui Microsoft, Salesforce e Oracle, si sono unite per formare la Vaccination Credential Initiative, volta a ideare un ” passaporto sanitario ” sicuro che tenga traccia dello stato di vaccinazione del portatore oltre confine.

In un comunicato stampa giovedì, l’amministratore delegato della Commons Project Foundation, ha affermato che tali passaporti saranno necessari per ” tornare in sicurezza a viaggiare, lavorare, andare a scuola e vivere, proteggendo al contempo la privacy dei dati “.

Il gruppo sta lavorando a una tecnologia che consentirà ai destinatari del vaccino di portare con sé una copia crittografata delle loro ” credenziali di immunizzazione “, memorizzabile nel portafoglio digitale di loro scelta. Se il destinatario non dispone di uno smartphone, potrebbe ricevere una versione cartacea stampata con un codice QR dedicato. I partecipanti hanno sottolineato che vogliono rendere ” l’accesso elettronico a vaccinazioni, test e altre cartelle cliniche ” accessibile a ricchi e poveri allo stesso modo ” , facile come l’online banking “, secondo le parole del dirigente Oracle Mike Sicilia.

Tuttavia, non c’è alcuna prova che la ricezione dei vaccini Pfizer-BioNTech o Moderna approvati di recente impedirà effettivamente al destinatario di diffondere il virus, come hanno ammesso entrambe le società . I membri del VCI credono tuttavia che essere in grado di produrre una prova di vaccinazione sia un passo fondamentale per riprendere i viaggi internazionali e che i governi e le compagnie aeree presto chiederanno ai viaggiatori di portare con sé tale prova.

Mentre VCI e altri sviluppatori di passaporti vaccinali come CommonPass insistono che questi progetti sono il risultato della crescente domanda da parte dei governi e dell’industria dei viaggi per una prova della vaccinazione, alcuni in quell’industria ritengono che richiedere passaporti vaccinali significherebbe effettivamente la morte del turismo. Il mese scorso, il capo del World Travel and Tourism Council ha avvertito che i governi che impongono ai viaggiatori di portare con sé certificati di vaccinazione ” ucciderebbero il loro settore “, mentre il gruppo per i diritti umani Privacy International ha sostenuto che i passaporti sanitari si trasformerebbero rapidamente in un ” documento di identità globale ” e influenzerebbero gravemente libertà umana.

Tuttavia, altri gruppi commerciali di compagnie aeree si sono pronunciate in favore con il loro supporto per CommonPass e app simili per passaporti sanitari. OneWorld, Star Alliance e SkyTeam hanno rilasciato una dichiarazione congiunta a novembre elogiando l’idea dei ” passaporti sanitari digitali ” , sostenendo che tale tecnologia incoraggerebbe le persone a tornare ai viaggi aerei molto più rapidamente di un sistema patchwork di quarantene e mandati di isolamento.

Il World Economic Forum, uno dei più grandi promotori dei passaporti vaccinali, ha spinto per documenti di identità globali da molto prima della pandemia Covid-19 e il passaporto sanitario proposto dal VCI ricorda da vicino il suo progetto Known Traveller Digital Identity. KTDI combina la funzionalità di un passaporto con le capacità di tracciamento di un’app per smartphone e include non solo le cartelle cliniche ma anche i dati finanziari. Il WEF ha ammesso che sta attualmente testando “componenti del concetto KTDI in un contesto reale e transfrontaliero” in collaborazione con enti di viaggio delle compagnie aeree, e sta lavorando con il progetto Commons – un membro del VCI – su questa iniziativa .

Il mese scorso Los Angeles ha annunciato che consentirà ai destinatari del vaccino Covid-19 di conservare la prova dell’immunizzazione nel wallet dello smartphone. Mentre la tecnologia verrà inizialmente utilizzata per ricordare loro quando fare il secondo colpo, i funzionari hanno ammesso che potrebbe essere utilizzata per consentire ai destinatari un accesso privilegiato a grandi raduni o viaggi aerei. 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte rt
0 0 vote
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments