Database Italia

MISSIONE COMPIUTA? FACEBOOK E TWITTER TORNANO AI VECCHI ALGORITMI PRE ELETTORALI PER I FEED DI NOTIZIE

Facebook ha invertito la sua politica della stagione elettorale sul dare la priorità alle storie dei media mainstream in News Feed dopo una mossa simile da Twitter. Questo è come Mark Zuckerberg viene citato in giudizio per aver presumibilmente contribuito a dare una mancia al voto a favore di Joe Biden.

Una modifica dell’algoritmo che ha visto gli utenti di Facebook sommersi dalle storie dei media mainstream dopo le elezioni del mese scorso è stata annullata, ha detto mercoledì al New York Times il colosso dei social media, insistendo sul fatto che il cambiamento – che ha aumentato significativamente il traffico per i punti vendita dell’establishment come CNN, NPR e lo stesso Times mentre sopprimeva i media alternativi e i siti di destra non è mai stato pensato per essere permanente.

L’aumento dell’importanza della qualità dell’ecosistema delle notizie, essenzialmente un punteggio di reputazione applicato agli organi di stampa, è stato “un cambiamento temporaneo che abbiamo apportato per limitare la diffusione di affermazioni imprecise sulle elezioni“, ha detto il portavoce di Facebook Joe Osborne. Ha spiegato che la piattaforma dava ancora priorità alle cosiddette “notizie autorevoli e informative” e “dando importanti argomenti globali come le elezioni, Covid-19 e il cambiamento climatico.

Il gigante della tecnologia ha deciso di tornare alle politiche pre-elettorali nonostante le proteste di alcuni dipendenti che preferivano il “feed di notizie più carino “, hanno affermato fonti presenti a una riunione di Facebook post-votazione, descrivendo la priorità delle fonti dell’establishment come una delle tante” interruzioni misure di vetro” progettate per la cura e l’alimentazione di un auspicabile racconto post-elettorale.

Anche Twitter ha deciso di annullare alcune delle sue misure post-elettorali che modellano la narrativa mercoledì, presumibilmente perché non hanno prodotto il risultato desiderato, anche se la sua decisione di annunciare i cambiamenti lo stesso giorno di Facebook ha sollevato alcune sopracciglia.

La piattaforma ha annunciato che non reindirizzerà più gli utenti che fanno clic su “retweet” alla schermata quote-tweet, riconoscendo che la mossa aveva ridotto il coinvolgimento in generale piuttosto che diminuire la diffusione delle cosiddette “informazioni fuorvianti”.

Twitter ha anche ammesso che l’aggiunta di “contesto” alla sua sezione Tendenze – che essenzialmente ha trasformato la funzione in un elenco sbadigliato di titoli dei media mainstream accompagnati dall’opinione “corretta” che gli utenti dovrebbero avere su di essi – l’ha resa “meno rilevante per gli interessi di molte persone . “

Entrambe le piattaforme hanno applicato liberamente avvertimenti di “disinformazione” ai contenuti che mettevano in dubbio l’integrità dei risultati delle elezioni del mese scorso, nonostante consentissero, persino incoraggiando, agli utenti di mettere in dubbio la legittimità delle elezioni presidenziali del 2016 per anni dopo il fatto. I sostenitori del presidente Donald Trump hanno gridato allo scandalo, soprattutto dopo che dozzine di incarichi del comandante in capo riguardanti presunte frodi elettorali sono stati censurati, nascosti e altrimenti soppressi.

Né gli imbrogli informativi sono stati limitati a dopo le elezioni. Twitter e Facebook hanno entrambi represso una serie di storie derivanti dalle informazioni trovate sul laptop del figlio di Biden, Hunter, che era stato presumibilmente abbandonato in un negozio di riparazioni di computer del Delaware. L’outlet che ha pubblicato la storia originale – il New York Post – aveva bloccato il suo account Twitter, mentre agli utenti che cercavano di ritwittarlo era semplicemente vietato pubblicare qualsiasi tweet contenente l’URL proibito. Quando il CEO di Twitter Jack Dorsey ha ammesso che la sua piattaforma aveva gestito male la storia, era vecchia di diversi giorni – antica in termini di redazione.

Mentre Facebook e Twitter hanno entrambi insistito sul fatto di non impegnarsi nella soppressione dei contenuti motivata ideologicamente, i dipendenti di entrambi i colossi dei social media hanno favorito in modo schiacciante il democratico Joe Biden nelle elezioni del 2020, con oltre il 90% delle donazioni federali dei dipendenti andate al Partito Democratico.

La società per l’integrità elettorale Amistad Project ha annunciato mercoledì che avrebbe citato in giudizio il CEO di Facebook Mark Zuckerberg per aver presumibilmente dispiegato $ 500 milioni in “denaro oscuro” per mettere il pollice sulla bilancia per Biden negli stati campo di battaglia tra cui Wisconsin, Pennsylvania, Michigan, Arizona e Georgia. La causa sostiene che il denaro di Zuckerberg abbia dirottato la democrazia statunitense prima, durante e dopo il giorno delle elezioni.

Se ti piace quello che scriviamo su Database Italia per favore contribuisci con una donazione QUICi aiuterai ad andare avanti



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.