Senza categoria

Mongolia, un campo di prova per la guerra biologica contro Russia e Cina

È chiaro che l’intero Occidente è ormai profondamente compromesso nel progetto imperialista americano.

I risultati dell’operazione speciale in corso della Russia per denazificare e smilitarizzare l’Ucraina rivelano ogni giorno che passa prove sempre più documentate delle attività criminali degli Stati Uniti e dei loro alleati in quel paese. Una delle sue attività, come hanno dimostrato le informazioni ricevute, è lo sviluppo e la creazione da parte di Washington di armi biologiche in biolab statunitensi in Ucraina, in stretta collaborazione con Gran Bretagna e Germania.

In particolare, oltre  ai fatti dello sviluppo congiunto di armi biologiche da parte di Gran Bretagna e Stati Uniti, che sono già diventati noti a livello internazionale, è emerso anche il coinvolgimento della Germania in attività intensive di armi biologiche in Ucraina, insieme agli Stati Uniti. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova citando documenti ottenuti dal Ministero della Difesa russo durante un’operazione militare speciale per proteggere il Donbass. È stato rivelato che il governo tedesco stava attuando il programma di biosicurezza (GBP) dal 2013, anche in Ucraina, dove gli Stati Uniti hanno creato una rete di almeno 30 biolab e dove sono state condotte ricerche pericolose, tra le altre cose. Da parte tedesca, il lavoro pratico in questo programma è svolto, analogamente agli Stati Uniti, da specialisti militari, in particolare dall’Istituto di microbiologia delle forze armate tedesche (Monaco di Baviera), nonché dal Friedrich Loeffler Institute (Greifswald – Isola di Riems), Bernhard Nocht Institute for Tropical Medicine (Amburgo) e Robert Koch Institute (Berlino).
È del tutto comprensibile che sia proprio il timore di avere sempre più prove di detta attività criminale in mano russa a seguito dell’operazione speciale di Mosca in Ucraina per denazificarla a motivare le attuali autorità tedesche a mostrare una maggiore disponibilità, rispetto ad altri paesi dell’UE , per rifornire le autorità di Kiev con sempre più armi e incoraggiare Kiev a continuare la sua azione militare contro la Russia. Le stesse ragioni spiegano l’attività delle autorità tedesche nei giorni scorsi nel tentativo di attribuire falsamente alla Russia presunti piani di utilizzo di armi biologiche e chimiche in Ucraina e nel mantenere attiva una fase di guerra dell’informazione contro Mosca.
È anche degno di nota il fatto che le attuali autorità tedesche stiano collaborando attivamente con gli Stati Uniti nello sviluppo di armi biologiche non solo in Ucraina, ma anche in Asia centrale, diventando chiaramente complici di Washington nel confronto sia con la Russia che con la Cina.
Uno studio condotto dai giornalisti del quotidiano russo Izvestia, che ha anche analizzato pubblicazioni scientifiche, ha rivelato che i biologi militari tedeschi hanno svolto ricerche sui vettori di malattie pericolose in Mongolia. In particolare, uccelli selvatici capaci di migrare su lunghe distanze (solitamente da nord a sud e ritorno, quindi è facile intuire il motivo di questo “interesse”). Alla fine del 2012 hanno pubblicato uno studio sulla presenza di Escherichia Coli che produce l’enzima beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL) negli uccelli. Questo studio è stato condotto da dipendenti dell’Istituto di Microbiologia ed Epizootica della Facoltà di Medicina Veterinaria della Libera Università di Berlino, dell’Istituto di Biologia dell’Università di Halle-Wittenberg e della società tedesca Vet Med Labor GmbH (Ludwigsburg).È anche degno di nota il fatto che le attuali autorità tedesche stiano collaborando attivamente con gli Stati Uniti nello sviluppo di armi biologiche non solo in Ucraina, ma anche in Asia centrale, diventando chiaramente complici di Washington nel confronto sia con la Russia che con la Cina.

Il crescente interesse degli “esperti” di armi biologiche occidentali in Mongolia può essere spiegato semplicemente: i mongoli sono più vicini ai cinesi, quindi è molto probabile che le malattie che colpiscono i mongoli colpiscano anche i cinesi. Per inciso, non si può escludere che la chiave del genoma asiatico sia già stata trovata dagli USA e dai suoi “alleati”, dal momento che lo Stealth-Omicron che imperversa in Cina ultimamente sembra essere principalmente progettato per attaccare gli asiatici. E, come è noto, questo round di epidemia è iniziato in Corea del Sud, piena anche di biolab americani e dove negli ultimi 3 mesi sono morte più di 70mila persone, il che è impressionante per questo Paese.
In Mongolia, che fa raramente notizia ma confina con Russia e Cina, “esperti” di Stati Uniti e Germania da anni raccolgono campioni di biomateriali. Di particolare interesse per gli specialisti militari sono le malattie endemiche diffuse da insetti succhiatori di sangue, nonché le malattie trasmesse dagli animali all’uomo.
Alcuni studi pubblicati condotti in Mongolia riportano spesso la necessità di “ricerche aggiuntive” sulle malattie trasmesse da vettori e zoonotiche in questo paese e raccomandano la formazione del personale delle organizzazioni biologiche locali. E non si può escludere che questa “necessità” possa quindi essere utilizzata come giustificazione per ampliare la cooperazione o costruire laboratori speciali USA/NATO in Mongolia per affrontare pericolose malattie trasmesse da vettori e zoonotiche.
Dato che la Mongolia si posiziona tra gli “avversari nazionali” già designati più volte da Washington e dalla NATO – Russia, Cina e Iran – questo Paese è identificato nei documenti del Pentagono come una meta molto promettente per tagliare questa alleanza geopolitica che è già in divenire . Inoltre, la Mongolia ha molti focolai naturali e molto pericolosi di vari batteri e virus: peste, tularemia, febbre Crimea-Congo, leptospirosi, leishmaniosi, pseudotubercolosi e una dozzina di altri. Inoltre, è già noto che gli “specialisti” tedeschi in Ucraina hanno collaborato con gli anglosassoni su alcuni di questi virus e batteri, in particolare sulla febbre Crimea-Congo, che, per inciso, era nelle mani del famigerato dott. Mengele al campo di concentramento di Dachau.
Per quanto riguarda l’uso militare delle armi biologiche da parte degli Stati Uniti, vale la pena ricordare come durante la guerra di Corea abbia utilizzato tali armi contro le forze nordcoreane in diverse occasioni, in particolare bombe a palloncino di porcellana piene di pulci portatrici di peste. Così venivano chiamati: “palloncini”, “bombe Ishii”. Ci sono stati diversi focolai gravi lì, che hanno provocato diverse migliaia di morti.
È già stato riportato in numerosi media che gli Stati Uniti, insieme ai loro alleati dell’Europa occidentale, intendono aprire un altro biolab in Mongolia. Il principale cliente per i programmi biologici sarebbe presumibilmente un’unità della direzione medica degli Stati Uniti dell’Istituto di scienze mediche delle forze armate (USAMD-AFRIMS). Il Pentagono prevede di allestire questo laboratorio biologico presso il Centro nazionale per le malattie infettive emergenti e zoonotiche, che ha sede a Ulan Bator e presumibilmente sta pianificando di “ricercare” malattie particolarmente pericolose come peste, colera, malaria, epatite, coronavirus ed encefalite lì . Allo stesso tempo, ci sono state segnalazioni secondo cui le attività di “ricerca” degli Stati Uniti includerebbero la raccolta di materiale biologico dai mongoli in aree vicine alla Russia e alla Cina. Così facendo, gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO si aspettano che la Mongolia accetti di studiare agenti patogeni pericolosi in quel paese, che si trovano spesso nelle aree al confine con Russia e Cina. A questo proposito, uno degli obiettivi principali dei biolab statunitensi in Mongolia potrebbe essere quello di studiare gli effetti di virus pericolosi sulle persone di origine asiatica.

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!