Quantcast
Database Italia

MORTE PER VENTILATORE – UNA STORIA PERSONALE PERCHE’ IL MONDO SAPPIA

Questa è una storia personale. In realtà, una storia raccontata da un amico molto intimo, così vicino che gli ho chiesto il permesso di personalizzare la sua storia e pubblicarla – perché era importante che il mondo sapesse.

Quindi, questa è come una lettera aperta su un dramma personale, di cui ce ne sono una miriade simili in tutti i continenti. Un avvertimento su ciò che potrebbe accadere a persone che si fidano innocentemente – un avvertimento, non fidarsi ciecamente delle autorità, né della narrativa covid ufficiale e della scienza covid. Entrambi possono avere un’agenda più alta di quello che sai e di quello che ti fanno sapere. Questo dovrebbe già essere chiaro dai blocchi caotici e non coordinati in continua evoluzione, dai semi-blocchi, dai valichi di frontiera consentiti – non consentiti, eccezioni … e così via.

È successo da qualche parte in Europa. Questo amico molto personale mi ha detto di non divulgare nomi e luoghi, cosa che rispetterò. Non sono importanti. Questa è la storia di suo fratello. Circa quattro settimane fa, a quanto pare si è sentito male, è rimasto a letto e, poiché il malessere continuava e peggiorava, voleva andare in ospedale. Era irremovibile. Ha rifiutato l’offerta della moglie di accompagnarlo, ma ha chiamato un’ambulanza. Le sue condizioni erano abbastanza buone, così che lui stesso con i suoi piedi entrò nell’ambulanza, non su una barella.

Secondo gli standard covid-ambulanza nessuno era autorizzato ad accompagnarlo. Quindi, è andato da solo, ha preso decisioni da solo e non ci sono davvero testimoni. Il mio amico ha detto che suo fratello credeva veramente nell’autorità, nel suo governo, nella scienza ufficiale e nella narrativa ufficiale dei media mainstream. Ha aggiunto, dobbiamo solo seguire quello che ha detto a sua moglie e al figlio nella sua ultima telefonata prima di essere messo in coma e intubato in un ventilatore mortale. E abbiamo anche il lato della storia dei medici che è abbastanza simile a quello che suo fratello ha detto alla sua famiglia. A quanto pare suo fratello è uscito di casa in fretta e furia per andare alla clinica, lasciando le cose a casa, come se dovesse fare la spesa e tornare in poche ore.

Quando il fratello del mio amico è arrivato in ospedale, a quanto pare gli hanno chiesto della respirazione. Ha detto che aveva un po ‘di respiro corto (chi non lo farebbe? È noto che l’ansia a volte mette fuori combattimento le persone; una ridotta capacità respiratoria è normale).

Hanno misurato il suo livello di ossigeno nel sangue – apparentemente era 91 – normale è 95-100. Quindi, era al di sotto del normale ma non così male.

I dottori hanno detto al fratello del mio amico che era un bene che fosse venuto adesso. Il giorno successivo sarebbe stato troppo tardi, poiché avrebbe potuto già avere un danno cerebrale, non avendo ricevuto abbastanza ossigeno al cervello. Questo è quello che ha detto a sua moglie. È quello che ha confermato in seguito anche il medico che lo ha ricevuto in clinica, quando ha parlato con la moglie e il figlio del fratello del mio amico.

Osservazione dell’autore : secondo “Science”, i pazienti infetti da Covid-19 avevano a volte livelli di ossigeno nel sangue estremamente bassi, o ipossia.

Vedere

https://www.sciencemag.org/news/2020/04/why-don-t-some-coronavirus-patients-sense-their-alarmingly-low-oxygen-levels .

Ovviamente hanno bisogno di cure. Ma nessun danno cerebrale è stato segnalato a causa della temporanea bassa saturazione di ossigeno nel sangue.

Con la paura instillata, il fratello del mio amico si è lasciato intubare, indotto in un coma artificiale – collegato per il resto della sua vita a un ventilatore – mortale.

Nessuno gli ha parlato dei rischi, che durante la prima ondata in Italia e New York – e in molti altri posti in tutto il mondo, il 70% -80% dei pazienti con ventilatori non è sopravvissuto. ( nota dell’autore : questa percentuale ora potrebbe essere scesa a circa il 50%), che anche se fosse sopravvissuto c’era una possibilità che i suoi polmoni non avrebbero mai recuperato la loro piena forza per fornire abbastanza ossigeno, e che avrebbe dovuto essere collegato a – e camminare – con una bombola di ossigeno. Niente di tutto questo gli è stato detto.

Dopo che il fratello del mio amico era in quella che viene spesso chiamata la “macchina della morte”, sua moglie e / o suo figlio ricevevano solo rapporti giornalieri per telefono. Il mio amico mi ha detto che loro, sua moglie e suo figlio, si sono incontrati fisicamente con un medico “capo” solo due volte. Il fratello del mio amico avrebbe potuto ricevere visite 3 volte a settimana da sua moglie o da suo figlio, non da entrambi. Dovevano decidere chi sarebbe andato – decisero per sua moglie. Suo figlio ha visto suo padre solo una volta, all’inizio. Perché questa drastica regola covid, nessuno poteva spiegare. Che differenza fa per il virus covid se entrambi visitano il marito e il padre?

Il mio amico era un po ‘arrabbiato:

“È tutto così isterico e sbagliato – quello che il governo e la dittatura medica impongono è disumano e non ha nulla a che fare con la protezione della cittadinanza”.

E poi ha aggiunto, come in una riflessione spirituale: “Ma non ho rancore , mio ​​fratello se n’è andato, non tornerà. Queste persone sono malate e un giorno dovranno affrontare la propria coscienza “.

Chapeau! Che dichiarazione grandiosa. Che mentalità generosa e sveglia. E lui lo credeva davvero; Lo capivo dalla sua espressione facciale.

Il mio amico ha aggiunto, un po ‘ scherzoso, ma sul serio : “Non sono nemmeno sicuro che lo abbiano testato per covid, prima di intubarlo. Questo non dovrebbe dirti che c’è qualcosa che non va? “

Vedere una persona amata in condizioni così impotenti – incapace di parlare, incapace di capire – addormentata profondamente e collegata a una macchina per la respirazione, a tubi e strumenti a ticchettio, mascherata nell’isolamento e nella protezione di ingranaggi di plastica – un’esperienza orribile.

La situazione del fratello del mio amico non è migliorata. Ma loro – i medici – continuavano a “sperare” – che potesse reagire e stare meglio.

Osservazioni dell’autore :

Il mio sospetto è che sapessero da sempre che il loro paziente, il fratello del mio amico, non si sarebbe svegliato; una “morte” in più per le statistiche. E, naturalmente, 30 giorni su un ventilatore in un’unità di terapia intensiva (ICU) – immagina il costo; recuperare le perdite dalla prima “ondata” all’inizio di quest’anno, quando hanno dovuto lasciare i letti vuoti per pazienti covid che non si sono mai presentati …

Questo paese europeo, come molti altri, è apparentemente inondato di ventilatori. Prima dovevano importarli, poi li producevano in casa o altrove su licenza, e ora devono ammortizzarli.

Il tasso di mortalità degli ospedali è correlato alla frequenza con cui utilizzano i ventilatori, abbastanza simile a quanto accaduto in Italia e New York durante la “prima ondata” da marzo a maggio 2020.

Con gli occhi persi dal dolore, il mio amico ha continuato –

“Così, ieri mattina (21 dicembre 2020) è arrivata la triste-triste notizia che mio fratello ‘non ce l’ha fatta’ – una persona sana, senza comorbilità. Potrebbe essere stata l’influenza, o anche se era covid, non c’era alcun motivo per andare in ospedale e ancor meno per avere paura e intubarsi – con il ventilatore, la macchina per uccidere “. Il mio amico ha aggiunto – perso nei suoi pensieri – “È come se mio fratello si fosse suicidato per paura”.

“Sua moglie non poteva nemmeno più vedere il corpo prima che fosse cremato. Dittatura covid, immagino. ” Il mio amico era chiaramente devastato.

Sì, ci stiamo muovendo molto rapidamente verso una tirannia della salute, dove le persone sono sempre più oppresse.

Una nuova ondata dopo l’altra intervallata da un “nuovo ceppo corona” – quindi niente spazio per respirare tra ondate e nuove, più “pericolose mutazioni covid”, niente tempo e occasioni per riunirsi e organizzare, maschere di isolamento – imposte dalla polizia, anche brutalmente imposte dalla polizia antisommossa. Immaginate!

Chi avrebbe mai pensato solo un anno fa – che ci saremmo sottomessi tutti umilmente a un nemico invisibile, un virus – e indossando maschere, allontanandoci socialmente e che saremmo stati arrestati, ammanettati e messi in prigione per aver resistito a mascherare i nostri volti – per non essersi sottomessi a respirare la nostra stessa CO2, invece dell’ossigeno vitale – per il quale, d’altra parte, mettono i pazienti su ventilatori mortali?

Assurdità senza fine. In tutti i continenti. Ma lo accettiamo. Immagina, un gregge di pecore, spaventato dalle urla ripetute all’infinito di “Al Lupo”, che corre verso un abisso oscuro sconosciuto – da dove non c’è ritorno.

Chiedendo al mio amico se intende citare in giudizio l’ospedale, ha detto di nuovo – di buon umore –

“Per cosa? Mio fratello non torna. Inoltre, non ci sono testimoni. Non sappiamo cosa sia successo veramente, forse non sapremo mai la verità. Quindi, lascia che sia. L’unica nota brillante in questa triste-triste storia è che ha lasciato il suo corpo fisico in un giorno molto speciale, un giorno speciale di solstizio, in un incrocio unico di Saturno e Giove, un evento che capita una volta nella vita, forse una volta ogni 800 anni o più. Questo è un incrocio molto potente – l’inizio di una nuova era più luminosa, l’Era dell’Acquario … se mio fratello in qualche modo ha scelto questo momento di LUCE, bene per lui. “

Un’era di luce – ma l’umanità deve risvegliarsi a una coscienza superiore per usare la luce per guidarci verso questi valori più nobili di solidarietà e verso un bene comune per l’umanità e per la protezione di Madre Terra con tutta la sua specie.

Peter Koenig è un analista geopolitico ed ex Senior Economist presso la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dove ha lavorato per oltre 30 anni su acqua e ambiente in tutto il mondo. Insegna presso università negli Stati Uniti, in Europa e in Sud America. Scrive regolarmente per riviste online ed è autore di Implosion – An Economic Thriller about War, Environmental Destruction and Corporate Greed; e  coautore del libro di Cynthia McKinney “When China Sneezes: From the Coronavirus Lockdown to the Global Politico-Economic Crisis” ( Clarity Press – 1 novembre 2020)

Peter Koenig è un ricercatore associato del Center for Research on Globalization.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.